Come Applicare Il Lollipopping Sulla Cannabis

La cosiddetta "tecnica lollipop", o semplicemente "lollipopping", può essere adottata da chiunque, a prescindere dall'esperienza in campo colturale. Viene applicata ad inizio fioritura ed incrementa la produzione di cime. Vi consigliamo vivamente di provarla.

Lollipopping Nella Coltura Della Marijuana

COS'È IL LOLLIPOPPING?

Il lollipopping è una tecnica di potatura per massimizzare le rese, molto apprezzata dai coltivatori di cannabis indoor. Il principio su cui si basa è "meno è meglio". Non sarà forse la definizione più appropriata per descrivere un metodo scientifico per aumentare le rese produttive, ma rende sicuramente l'idea. Rimuovendo le cime ascellari e le ramificazioni più basse di una pianta di cannabis, tutte le energie vengono convogliate verso le cime apicali, stimolandole a diventare più grandi e compatte. L'unico attrezzo di cui potreste aver bisogno sono un paio di forbici. Provate anche voi il lollipopping.

QUANDO REALIZZARE IL LOLLIPOPPING

Quando Realizzare Il Lollipopping

La maggior parte dei coltivatori sarà d'accordo nel dire che il miglior momento per realizzare il lollipopping è la terza settimana di fioritura. Dopo un paio di settimane di fioritura, quasi tutte le varietà di cannabis tendono a mostrare lungo le ramificazioni le gemme ascellari da cui si svilupperanno le cime. Nel corso di queste settimane le piante di marijuana si allungano ancora, alcune più di altre. Rimuovendo ad inizio fioritura le ramificazioni e le gemme più basse, le piante non dovranno sprecare tempo ed energie nello sviluppo di cime di qualità inferiore.

COME SI REALIZZA IL LOLLIPOPPING

Come Si Realizza Il Lollipopping

La maggior parte dei coltivatori di marijuana preferisce realizzare il lollipopping a mano. Tuttavia, se vi sentite più comodi con un paio di forbici, siete liberi di farlo. Un semplice paio di forbici pulite e sterilizzate andrà benissimo. Sebbene non si tratti di una procedura chirurgica, per questo tipo di tecnica dovrete avere un alto livello di attenzione e la mano ben ferma. Prendetevi tutto il tempo necessario e procedete con cautela.

Inoltre, se avete già familiarità con la cimatura o il fimming delle piante di cannabis applicando la "pizzicata" sulle punte delle ramificazioni principali, non avrete alcun problema ad adottare questa tecnica. In questo caso, però, invece di pizzicare o tagliare le punte delle parti apicali, dovrete rimuovere i rami più bassi. Fate attenzione a non toccare o ferire le ramificazioni più sviluppate e rimuovete anche le foglie presenti negli strati inferiori delle piante. Assicuratevi di tagliare alla base le ramificazioni da cui si svilupperanno le infiorescenze popcorn, altrimenti potrebbero ricrescere dopo una settimana.

Articolo correlato

Steli Della Cannabis: Non Buttateli Via!

Adesso che abbiamo compreso cos’è il lollipopping, come possiamo applicarlo ai nostri progetti di coltivazione domestica? Ebbene, sarete felici di sapere che ci sono un paio di metodi diversi con cui potrete massimizzare le prestazioni e le rese delle vostre piante.

I Metodo: Lollipopping dall’Alto Verso il Basso

Come sappiamo, il principio alla base del lollipopping è quello di rimuovere foglie e rami in eccesso nelle parti inferiori delle piante, affinché tutta l’energia e le sostanze nutritive vengano ridistribuite alle cime situate più in alto.

Partendo dall’alto verso il basso, il principio di base non cambia e dovrete sempre rimuovere tutti i rami e le foglie delle parti più basse delle piante. Nel farlo, potreste pensare di star massacrando le piante, ma non è affatto così. Anzi, vi aiuterà a massimizzare il loro potenziale.

Prendete il gambo tra le dita all'altezza del 4 nodo sotto l'apice della pianta e fatele scorrere verso il basso asportando lungo la strada tutti i rametti e le foglie. Fate attenzione a non piegare il gambo o a danneggiare la pianta. Una volta rimossi i rami, asportate le parti più resistenti che potrebbero non essersi staccate dal gambo. Tuttavia, a meno che non abbiate molta fiducia nelle vostre abilità, vi consigliamo di usare il secondo metodo.

II Metodo: Lollipopping dal Basso Verso l’Alto

Per chi dovesse trovare un po’ troppo aggressivo il primo metodo o semplicemente non si fida delle proprie capacità ed ha paura di danneggiare delle piante coltivate per settimane con cura ed affetto, questo è il metodo migliore.

Partendo dal basso della pianta, tagliate selettivamente i rami più piccoli con un paio di forbici, lasciando fiorire solo le parti superiori (50-70%) della pianta. Questo metodo può essere anche integrato alla vostra routine di manutenzione giornaliera. Se siete già capaci a potare foglie e rami di una pianta di cannabis, questo metodo comporta solo qualche difficoltà in più. Certo, richiede più tempo rispetto alla versione dall’alto verso il basso, ma è più preciso.

Questo è tutto quello che dovete fare per sottoporre le vostre piante di cannabis al lollipopping. Come accennato, prendetevi il vostro tempo e siate cauti. Solo così vi assicurerete di non sbagliare. Ormai, non vi resta che sedervi ad osservare come le vostre piante trarranno benefici dalla loro nuova forma.

I VANTAGGI DEL LOLLIPOPPING

I VANTAGGI DEL LOLLIPOPPING

Il lollipopping è una tecnica collaudata per migliorare sia la quantità che la qualità dei raccolti. Le infiorescenze popcorn sono sempre considerate poco pregiate. Quando si applica correttamente, il lollipopping consente di ottenere solo cime di prima categoria e di grandi dimensioni. Se poi lo combiniamo con la tecnica ScrOG ( Screen Of Green), allora le rese e la qualità possono raggiungere livelli superiori. I coltivatori che applicano queste due tecniche contemporaneamente sono soliti eliminare tutte le ramificazioni al di sotto della rete, con il fine di ottenere una foresta di cime apicali perfettamente formate al di sopra di essa.

SVANTAGGI DEL LOLLIPOPPING

SVANTAGGI DEL LOLLIPOPPING

Le tecniche di potatura o piegatura non possono essere applicate a qualsiasi tipo di coltura o varietà di cannabis. Le piante autofiorenti tendono a rispondere negativamente a potature o piegature. Queste varietà hanno un ciclo di vita così breve ed una struttura così compatta che non richiedono il lollipopping. La maggior parte delle lampade per la coltivazione possono fornire una copertura completa agli ibridi Ruderalis. La tecnica lollipop può addirittura ridurre le rese finali delle autofiorenti.

All'aperto, la tipica struttura ad albero di Natale delle piante di cannabis non presenta alcun inconveniente. Quando il sole sorge e poco a poco si innalza, la sua luce irradia le piante da diverse angolazioni e tutte le ramificazioni verranno colpite, ad un certo momento della giornata, dai suoi raggi. Come vedete, in natura non esiste il problema della penetrazione luminosa limitata da una luce fissa al di sopra delle piante. I coltivatori outdoor sono più propensi a tagliare le foglie più grandi ed ombreggianti piuttosto di adottare il lollipopping.