Quante Piante Di Cannabis Per Metro Quadrato

QUANTE PIANTE DI CANNABIS SI POSSONO COLTIVARE PER METRO QUADRATO?

Quando si coltiva la cannabis, l’obiettivo è ovviamente quello di avere nella giara più cime grosse possibili al momento della raccolta. Coltivare troppe o troppo poche piante può influenzare la resa ed impiegare una quantità di tempo non desiderata. Coltivare alcune specie che hanno caratteristiche di crescita differenti può essere svantaggioso per le piante di statura piccola. Potrebbe diventare una questione di equilibrio, ma si può imparare facilmente.

Quindi, quante piante puoi coltivare in un metro quadrato di spazio di coltivazione? Questa domanda ha più risposte che dipendono da diversi fattori:

La risposta facile è di coltivare 1–8 piante per metro quadrato. Questo permette diverse condizioni necessarie per le piante:

  • Un vaso di dimensioni decenti per le radici e di conseguenza per lo sviluppo della pianta
  • Distribuzione generosa della luce su tutta la coltivazione
  • Flusso d’aria benefico sul substrato e tutte le superfici della pianta
  • Accesso facile per una manutenzione regolare

DIMENSIONI DELLO SPAZIO DI COLTIVAZIONE

DIMENSIONI DELLO SPAZIO DI COLTIVAZIONE

Le dimensioni del tuo spazio di coltivazione determinano la quantità di contenitori che si possono inserire. In base al tuo stile di coltivazione, questo può significare un grande numero di contenitori piccoli—come con il SOG—o pochi vasi grandi per piante più grandi coltivate con la tecnica ScrOG o in un sistema DWC, che occupano molto spazio per la loro natura.

STILE DI COLTIVAZIONE

In base a come vengono trattate le piante, possono avere diverse necessità di spazio:

  • Le piante che vengono lasciate a crescere in modo naturale, occuperanno sia altezza che volume
  • Le piante che vengono allenate occuperanno meno altezza, ma più area
  • Il SOG utilizzerà meno area per pianta ed avrà meno requisiti per l'altezza
  • Lo ScrOG avrà bisogno di più area per pianta, con meno requisiti di altezza
  • Il Topping, fimming ed LST diminuirà l'altezza mentre aumenterà il volume

STILE DI COLTIVAZIONE

SELEZIONE DI SPECIE

Avere avere una gamma di varietà di cannabis tra cui scegliere ha i suoi vantaggi. Potrai scegliere quello che rispecchia il tuo umore o attività e, scambiandole, ti permetteranno di evitare di creare una tolleranza. Tuttavia, avere specie differenti che crescono insieme nella stanza di coltivazione può creare delle difficoltà.

Avere delle varietà alte di fianco a quelle corte potrebbe significare che le specie più piccole non riescano ad ottenere abbastanza luce. Bisogna alzare la luce per soddisfare le piante alte, privando quelle piccole di lumen che creano cime. In queste situazioni, le tecniche di allenamento portano un grande vantaggio.

NOTIZIA CORRELATA
Le 10 Migliori Varietà Di Cannabis

Vi siete mai chiesti quali potrebbero essere le nostre varietà di Cannabis favorite, qui a Zamnesia? Ebbene, qui di seguito troverete una...

TIPI DI LUCE

TIPI DI LUCE

La potenza della luce è importante per determinare quante piante puoi mettere in uno spazio di coltivazione. Maggiore è la resa della lampada, maggiore sarà l'area ricoperta e più piante potranno essere coltivate. Sapere la resa della tua lampada ci aiuterà a determinare l'area effettiva disponibile per una crescita salutare delle piante.

Lampade HID—HPS Ed MH

Ecco la resa effettiva per i diversi wattaggi delle lampade a scarica ad alta intensità:

  • 150W: 60 × 60cm
  • 250W: fino a 80 × 80cm
  • 400W: fino a 1 × 1m
  • 600W: fino a 1,2 × 1,2m
  • 1000W: fino a 1,5 × 1,5m

CFL ED ALTRI BULBI FLUORESCENTI

Questi tipi di luce hanno un’intensità effettiva minima ed illuminano solamente l’area che si trova immediatamente sotto ai bulbi. La distanza delle piante dovrebbe essere poca, dai 5–10cm mentre la pianta intera deve stare entro i 30cm dal bulbo, altrimenti si troverà fuori dal raggio di efficacia.

LED

L’intensità delle luci LED varia in base alla resa ed al tipo di bulbo (bianco, blu, UV, infrarosso). Affidati alle raccomandazioni del produttore per la massima efficacia.

INTENSITÀ DI LUCE PER PIANTA

INTENSITÀ DI LUCE PER PIANTA

Le tue piante avranno sempre bisogno di una quantità di wattaggio o lumen minimo per pianta per poter crescere. La quantità di wattaggio desiderato è di almeno 75 watt per pianta per le lampade tipo HID e 150 watt per pianta per le CFL e bulbi fluorescenti.

Qualsiasi quantità al di sotto del minimo causerà una crescita lenta ed una produzione di cime non soddisfacente. Assicurati di avere abbastanza luce per far crescere le tue piante nel modo giusto!

Il modo più facile per calcolare le luci HID è di dividere il wattaggio della tua lampada per 75 (con le frazioni arrotondate). Per esempio:

  • 150W HID ÷ 75W = 2 piante

  • 250W HID ÷ 75W = 3,3 o 4 piante

  • 400W HID ÷ 75W = 5,3 o 6 piante

  • 600W HID ÷ 75W = 8 piante

  • 1000W HID ÷ 75W = 13,3 o 14 piante

Quando utilizzi le CFL, dividi per 150W. Per esempio, se stai utilizzando 400W di CFL:

  • 400W CFL ÷ 150W = 2,6 o 3 piante

Ricorda che questi sono i requisiti minimi per una crescita salutare della pianta. Una quantità maggiore è sempre appetibile, ma ha un costo, necessità di spazio ed utilizzo di corrente elettrica da considerare. Andrebbero considerate anche la sicurezza e la salute della pianta. Una lampada da 600W in un armadio avrà problemi di surriscaldamento che possono essere negativi per la salute della pianta—e potresti anche rischiare di bruciare la casa.

DIMENSIONI E TIPO DI VASO

Cannabis Dimensioni E Tipo Di Vaso

Dopo aver considerato le luci disponibili per una crescita efficace ed efficiente, il prossimo passo è la selezione delle dimensioni del vaso. Le dimensioni del vaso determinano le dimensioni della zona radicale, la quale determina le dimensioni della pianta. Le piante piccole per un tipo di crescita SOG avranno bisogno solamente di vasi piccoli, mentre coltivare poche piante ma grandi, significa utilizzare vasi grandi.

Ecco una guida generale per le dimensioni delle piante annaffiate a mano:

Altezza (cm)
Dimensioni di vaso (litri)
Diametro del vaso (cm)
30 7–11 25–28
60 11–15 28–33
90 15–25 33–38.5
120 25–40 38.5–50
150 40+ 50+

I vasi che sono troppo piccoli possono stordire le piante e portarle ad avere malattie che assomigliano a carenze da nutrienti.

Un’altra cosa da considerare è che le piante cresceranno più grandi del vaso. Ricordati di lasciare abbastanza spazio intorno ad ogni vaso per permettere alle piante di espandersi durante la crescita. L’affollamento può intaccare la circolazione d’aria e provocare delle condizioni ideali per gli agenti patogeni indesiderati.

I vasi dovrebbero avere le dimensioni giuste per ogni fase di crescita. Travasa le piantine in un vaso intermedio quando diventano più grandi del loro substrato di germinazione e fallo una seconda volta per interrarle nel vaso finale. In questo modo, si può evitare l’eccesso d’acqua (con i suoi relativi problemi di marciume radicale e perdita di vigore).

NOTIZIA CORRELATA
Cos'è Uno Smart Pot E Come Fabbricarne Uno Da Soli

Gli Smart Pot possono migliorare la salute e la vitalità generale della marijuana. Comprendere il loro funzionamento può aiutarvi a...

Va bene germogliare direttamente nei grandi vasi, ma occorre prestare attenzione alle tecniche di irrigazione. È molto facile far annegare le piantine giovani che si trovano nei vasi grandi. Quando le piante sono giovani con radici sottosviluppate, sono ancora troppo piccole per traspirare grandi quantità di acqua. Assicurati di non annaffiare completamente il substrato di coltivazione.

Annaffia delicatamente, facendo un piccolo cerchio intorno alla pianta giovane ogni 3-4 giorni. Man mano che si sviluppa, fai estendere l’anello d’acqua fino al limite della pianta. Una volta che la pianta raggiunge il bordo dei vasi, si può iniziare una normale routine d’irrigazione.

RACCOLTO DESIDERATO E METODI PER AUMENTARE LA RESA

RACCOLTO DESIDERATO E METODI PER AUMENTARE LA RESA

Come regola generale, qualsiasi volume specifico delle stanze di coltivazione produrrà delle rese simili, sia che si tratti di molte piante cresciute in modo rapido, che di poche piante coltivate per un periodo di tempo più lungo. Sono importanti i fattori come la varietà, l’abilità del coltivatore e la potenza della luce.

Comunque, 8 piccole piante coltivate in modo rapido produrranno circa la stessa resa di 1 pianta grande coltivata per un periodo di tempo più lungo. La luce può raggiungere ogni superficie delle piante più piccole o ben addestrate, mentre le piante più grandi avranno delle cime sottosviluppate dato che si trovano più lontane dalla luce, ma avranno più diramazioni.

Esistono diversi metodi per sfruttare al massimo lo spazio e la penetrazione della luce. I tempi di vegetazione e manutenzione variano con ciascun metodo, ma possono massimizzare la resa nel loro modo particolare.

1. SOG—SEA OF GREEN

SOG—SEA OF GREEN

La tecnica sea of green è incentrata sul ridurre il più possibile il tempo di vegetazione, massimizzando la resa ed aumentando l'efficienza dello spazio di coltivazione. L’obiettivo è ottenere un grande numero di piante piccole, invece che che avere meno piante ma più grandi.

Quando si coltiva dai cloni, sono permessi solo 10 giorni di vegetazione dopo aver radicato. Con le piante regolari a fotoperiodo e le varieta femminizzate sono necessarie solo 3-4 settimane di vegetazione. Lo scenario ideale è quello di coltivare molte cime grandi con una crescita laterale minima.

Le dimensioni dei vasi sono ridotte (di massimo di 11 litri) con la preferenza verso i vasi alti e quadrati rispetto piuttosto che quelli più grandi e rotondi che sono poco efficienti e profondi. Questo consente un numero massimo di piante (in genere 8–16) per metro quadrato.

Le piante vengono potate per controllare la sovrapposizione su quelle vicine e vengono rimossi i rami laterali inferiori che non ricevono molta luce. Questo fa in modo che tutta l'energia della pianta venga diretta verso i gruppi di fiori più grandi che si trovano sotto la luce diretta.

Con un tempo di resa così breve, il SOG è ideale per gli spazi più piccoli come gli armadietti. Con una pianta madre e uno spazio separato per la vegetazione si può mettere in fioritura il lotto di piante successivo nel momento in cui viene raccolto il lotto corrente.

2. SCROG—SCREEN OF GREEN

SCROG—SCREEN OF GREEN

Lo ScrOG, o la tecnica screen of green, è un altro metodo di coltivazione che massimizza la resa nello spazio di crescita. Lo ScrOG è ideale laddove lo spazio è un problema, dato che limita l'altezza complessiva trasformando un'intera pianta in un piano verde ed orizzontale.

All'inizio della fase vegetativa aiuta a familiarizzare con i metodi di topping ed LST e durante la fase di fioritura con il lollipopping o mainlining. Quando le piante vegetano, viene effettuato il topping ed i rami che ne derivano vengono piegati lateralmente piuttosto che essere lasciati a "cespugliare". Questo metodo utilizza meno piante che però hanno un tempo di vegetazione più lungo rispetto alla tecnica SOG.

Dopo che è stato eseguito il topping ed una volta che le piante hanno sviluppato un certo numero di diramazioni principali che sono state allenate per crescere lateralmente, viene posta una rete a circa 30cm dalla sommità del vaso. Si possono utilizzare le recinzioni con i fori grandi o le reti di plastica. Queste vengono situate su una struttura che ricopre l’intero spazio di coltivazione.

Mentre le piante continuano a crescere, i rami che cercando di raggiungere la luce vengono infilati sotto la rete. Durante il resto della fase vegetativa, le piante vengono incoraggiate a crescere completamente piatte. Quando la rete e lo spazio di coltivazione vengono riempiti del 70%, viene effettuato il passaggio verso la fase di fioritura.

Mentre avviene l’allungamento della pianta durante la fioritura, anche i nuovi rami e gli allungamenti extra vengono infilati sotto la rete. Mentre si formano i fiori, non ci sono cime apicali dominanti. Invece, si svilupperà un area piena di cime di dimensioni omogenee. Vengono tagliate le foglie e le cimette piccole che si formano sotto la rete, in modo che tutta l'energia della pianta venga focalizzata sulle cime sotto la luce. Questo lascia anche uno spazio generoso per la circolazione dell’aria vitale.

Utilizza una o due piante che sono normalmente alte come una Haze, o quattro piante che sono normalmente più corte, tipo una OG Double Bubble, per metro quadrato.

3. LST—LOW STRESS TRAINING

LST—LOW STRESS TRAINING

Un altro metodo per massimizzare la penetrazione della luce, per uno sviluppo ottimale della pianta e delle dimensioni dei fiori per metro quadrato, è il low-stress training. A differenza dei metodi ad alto stress come il topping e la potatura, l’LST manipola l'intera pianta per farla crescere in modo più efficiente.

L’LST incoraggia una penetrazione della luce più intensa sui rami laterali inferiori della pianta, prevenendo l'ombreggiatura. Solitamente, i rami che si sviluppano più lentamente reagiscono crescendo di più, sviluppando più cime. Mantenendo allo stesso tempo la cima principale più bassa, crescerà una pianta più omogenea.

Tutto ciò che è necessario per l’LST è dell’attrezzatura semplice. Il filo soffice da giardinaggio, una corda o un pacchetto di lacci per piante hanno la stessa efficacia. Eseguire una serie di fori nei bordi del vaso aiuta ad ottenere un punto di ancoraggio.

Quando le piante sono giovani, piega la parte superiore in modo orizzontale. Mentre i rami combattono per il predominio apicale ed il raggiungimento della luce, tieni legati anche loro. Continua finché lo spazio di coltivazione non raggiunge la pienezza desiderata.

Il tempo di vegetazione è più breve dato che la pianta non ha bisogno di recuperare dallo stress del topping o della potatura. Bisogna pensare al volume extra che raggiungerà una pianta addestrata. Con meno piante per metro quadrato del SOG ma più di piante dello ScrOG, l’LST è il compromesso tra pazienza e spazio.

Una o due piante grandi tipo sativa come una Super Silver Haze, o da quattro a sei piante tipo indica come la Gorilla Glue dovrebbero stare nello spazio di un m². Assicurati che ricevano tutte una buona luce e circolazione dell'aria.

4. POTATURA

POTATURA Cannabis

La potatura è un termine generico che ricopre una serie di metodi per manipolare la crescita della cannabis. Questi includono il topping, fimming, mainlining, lollipopping, defogliazione e schwazzing.

  • Topping

Il topping richiede di pizzicare o tagliare le punte emergenti delle piante, facendo crescere i potenziali rami laterali in due nuovi rami principali. Esegui il topping una volta per ottenere due rami principali. Esegui il topping due volte per quattro rami principali. Esegui il topping tre volte per otto rami principali, ed ecc. La maggior parte dei coltivatori indoor non supererà tre topping perché le piante necessitano di tempo per riprendersi. Otto rami principali diventano una pianta cespugliosa che occupa un volume serio. Il topping viene chiamato anche tipping.

  • Fimming

Il fimming è una scoperta casuale che ha avuto effetti benefici su una crescita efficiente delle piante di cannabis. Invece di togliere completamente la punta emergente per creare due nuovi steli, viene tagliato o pizzicato via solo il 75% circa delle punte emergenti. Questo darà origine a 4 o più nuovi germogli, mentre i rami laterali avranno il tempo di recuperare, ed a loro volta produrranno cime principali più grandi che sono situate alle estremità di questi rami.

  • Mainlining

Il mainlining e lollipopping sono due tecniche simili che promuovono solamente la crescita di cime grandi all'estremità dei rami. Con il mainlining, una pianta a cui è stato fatto il topping più volte (vedi sopra) vengono rimosse tutte le crescite nuove e superflue, lasciando solo la cima principale e le cime laterali immediate. Questo costringe la pianta a focalizzare tutta l'energia sulle cime rimanenti.

  • Lollipopping

Il lollipopping è simile al mainlining, ma può essere utilizzato su qualsiasi stile di coltivazione. Tutti i rami principali, compresa la cima principale nelle piante non addestrate, verranno privati di tutte le crescite tranne la cima principale ed i fiori laterali immediati. Come con il mainlining, questo costringe la pianta a dirigere tutta la sua energia verso le cime grandi.

  • Defogliazione

Lo schwazzing o defogliazione è una tecnica di potatura poco intuitiva che richiede un po' di pratica, ma produce buoni risultati. Solitamente, una volta durante la fase vegetativa poi nelle prime tre settimane di fioritura, vengono rimosse fino al 50% delle foglie prendisole. Durante la fase vegetativa, questo favorisce una penetrazione profonda della luce e dell'aria nello spazio di coltivazione, incoraggiando i rami esposti ad ingrandirsi. Durante la fioritura, questo promuove lo sviluppo di un maggior numero di calici per ricoprire il lavoro che avrebbero dovuto fare le foglie rimosse.

Alla fine della giornata, è stato dimostrato che ciascuna di queste tecniche aumenta i rendimenti. Se sei un amante della coltivazione di cannabis, provali tutti e tieni nota dei cicli, ed utilizza ciò che funziona meglio per te.

TEMPI

TEMPI Cannabis

Per riempire uno spazio di coltivazione in modo efficiente, una pianta singola coltivata in modo naturale può aver bisogno di 8 settimane di vegetazione prima di entrare nel ciclo di fioritura. Se passi alla fioritura in anticipo, lo spazio non verrà riempito e le rese saranno inferiori a quelle che il volume potrebbe effettivamente produrre.

Con due piante, il tempo di vegetazione si dimezza per ottenere lo stesso uso efficiente dello spazio ed una resa simile. Lo stesso vale per 4 piante che possono vegetare per meno tempo ed 8 piante per ancora meno tempo. La diminuzione del tempo di vegetazione significa un utilizzo minore di energia elettrica, ma più manutenzione.

In definitiva, quando si coltivano più piante viene ridotto il tempo complessivo di vegetazione e lo spazio viene riempito in meno tempo. Il passaggio alla fioritura avviene prima, quindi il tempo di raccolta è più breve anche se più piante significa maggior tempo speso per prendersene cura.

NOTIZIA CORRELATA
Le Differenti Fasi della Coltivazione di Cannabis e la Loro Importanza

La trasformazione della pianta di cannabis, dall’inizio alla fine, è un processo gioioso ma a volte difficile. Come altri esseri viventi,...

CIME, CIME OVUNQUE

Non è così arcano come sembra. Hai solo bisogno di ricordarti che queste cose che producono cime appiccicose e profumate sono piante. Possono essere volubili e idiosincratiche. Fai un esperimento e trova ciò che è giusto per te. Il tuo spazio di coltivazione avrà il suo microambiente particolare rispetto a quello che si trova nella parte opposta del mondo. La fase lunare, l'occultazione di Giove e il periodo dell'anno continuano ad avere un influenza nello spazio di coltivazione artificiale esercitando la loro magia. Una volta che avrai messo tutto in ordine, vincerai sempre al gioco "le mie cime sono più grandi delle tue".

Verifica dell'Età 18+

Hai più di 18 anni? I contenuti pubblicati su Zamnesia.com sono rivolti ad un pubblico adulto e sono riservati ai soli maggiorenni.

Assicurati di essere a conoscenza delle leggi del tuo Paese. Il nostro negozio online è conforme alle leggi olandesi.

Cliccando su Entra confermi di aver compiuto 18 anni.