Npk: Qual È Il Miglior Rapporto Di Nutrienti Per La Cannabis?

Forse sei nuovo alla coltivazione di cannabis o stai solo lottando con carenze di macronutrienti. Forse è l'eccesso di fertilizzanti che sta rovinando la tua erba. Qualunque sia il substrato che usi, le piante hanno bisogno dei nutrienti giusti, al momento giusto. Elimina i dubbi e i raccolti scadenti con le nostre informazioni sull’NPK.

NPK: Qual È Il Miglior Rapporto Di Nutrienti Per La Cannabis?

Nutrire le piante di cannabis potrebbe sembrare un compito facile. Tuttavia, i regimi scorretti di fertilizzazione sono uno dei problemi più comuni per i coltivatori alle prime armi. Inoltre, potrebbe sorprenderti scoprire che si verifica più spesso l’eccesso di fertilizzazione piuttosto che il contrario.

Tuttavia, sapere è potere. Comprendere i rapporti NPK necessari per le diverse fasi del ciclo di vita di una pianta di cannabis ti fornirà gli strumenti per ottimizzare la salute e la resa della tua coltivazione.

Una Guida Semplice Ai Rapporti Npk Dei Fertilizzanti Per La Marijuana

Una Guida Semplice Ai Rapporti NPK Dei Fertilizzanti Per La Marijuana

I nutrienti sono un fattore critico nella coltivazione della cannabis. Il trio dei macronutrienti—azoto (N), fosforo (P) e potassio (K)—è il carburante che la marijuana (e la maggior parte delle altre piante) utilizza per crescere.

I nutrienti di base NPK non possono essere applicati con lo stesso rapporto per l'intero ciclo di vita della cannabis. A seconda dei processi a cui la pianta sta dedicando energia, le concentrazioni richieste saranno differenti.

Per ulteriori informazioni su ciò che ogni nutriente fa per la pianta di cannabis, dai un’occhiata alla sezione “Dettagli per Nutriente” della nostra guida alla coltivazione della cannabis.

Rapporti Npk Dei Fertilizzanti Per La Cannabis In Base Allo Stadio Di Crescita

Rapporti NPK Dei Fertilizzanti Per La Cannabis In Base Allo Stadio Di Crescita

La fertilizzazione non è tanto semplice quanto versare sostanze nutritive nel substrato e guardare le piante prosperare. Per risultati ottimali, le diverse fasi del ciclo di vita di una pianta di cannabis richiederanno un diverso rapporto NPK.

Fase Semenzale

Sebbene questa fase presenti molte sfide, la fertilizzazione non è una di queste. Qualsiasi buon terreno dovrebbe contenere tutto ciò di cui una piantina ha bisogno per prosperare. Quindi, la fertilizzazione è più probabile che la uccida piuttosto che aiutarla.

Non essere troppo premuroso durante questa fase: deve essere lasciata per lo più da sola!

Fase Vegetativa

Una volta che la pianta è entrata nella fase vegetativa, inizierà a desiderare fortemente i nutrienti. Durante la fase vegetativa, la cannabis richiede un rapporto NPK di 3:1:1. Tuttavia, ciò non significa necessariamente che tu debba nutrirla con un fertilizzante con quel rapporto.

Infatti, la maggior parte dei terreni è ricca di azoto—abbastanza da durare almeno le prime 4 settimane di crescita vegetativa—quindi ti consigliamo di riconfigurare la tua soluzione nutritiva in base all'attuale rapporto NPK del substrato.

Una leggera carenza di nutrienti è di gran lunga preferibile ad un eccesso, quindi pecca sempre per eccesso di cautela. Se hai un buon terreno, è probabile che sia sufficiente un fertilizzante con un rapporto 1:1:1. In poche parole, ciò significa che ci sono quantità equivalenti di ciascun macronutriente.

Articolo correlato

La Fase Vegetativa Nella Coltura Della Cannabis

Fase Di Fioritura

Quando le piante di cannabis passano dalla fase vegetativa a quella di fioritura, il fabbisogno di macronutrienti oscilla nella direzione opposta. Ciò significa che è necessario passare ai nutrienti per la fioritura e regolare il rapporto NPK.

Un rapporto NPK altamente efficace per inizio-metà fioritura è 1:3:2, seguito da 0:3:3 per il restante periodo di fioritura. Dovrai anche tenere conto di un ultimo risciacquo di acqua pura (e/o una leggera soluzione di risciacquo) durante l'ultima settimana per migliorare l’aroma. Per finire, arriva il momento del raccolto.

P e K dettano rispettivamente la quantità e la dimensione delle tue cime. Quindi, l'obiettivo primario del coltivatore è ridurre i livelli di azoto aumentando contemporaneamente P e K. Troppo azoto in tarda fioritura rovinerà le cime. Queste, avranno un sapore amaro e semplicemente non bruceranno in modo uniforme come una scorta che ha avuto un corretto risciacquo. Evita di somministrare l'azoto per gli ultimi 20–30 giorni.

Articolo correlato

Le Migliori Pratiche Per La Fase Di Fioritura

Fertilizzante Npk Biologico Vs Sintetico

Fertilizzante NPK Biologico Vs Sintetico

Che tu lo faccia in modo consapevole o meno, ad un certo punto dovrai scegliere tra l'uso di fertilizzanti biologici o sintetici per la tua coltivazione. Non ha un impatto solamente ambientale, ma anche le piante stesse ne verranno influenzate.

Quindi, quale sceglierai?

Vantaggi Dei Fertilizzanti Biologici

I fertilizzanti biologici presentano alcuni vantaggi rispetto a quelli sintetici:

  • Non producono deflussi tossici
  • Sostengono un ambiente sano nel suolo
  • Vengono assorbiti più lentamente dalle tue piante
  • Minor possibilità di bruciatura/blocco da nutrienti
  • Potenzialmente molto economici o addirittura gratuiti se decidi di produrli a casa
  • Versatilità di assorbimento: I fertilizzanti in forma granulare (come compost, letame, ecc.) vengono assorbiti lentamente. D'altra parte, i fertilizzanti liquidi sono più accessibili dalla pianta e possono essere assorbiti rapidamente, specialmente se applicati sotto forma di spray fogliare.

Se prendiamo in considerazione questi punti, i fertilizzanti biologici rendono la tua coltivazione significativamente più sostenibile. Ma non solo! Poiché i nutrienti biologici vengono assorbiti più gradualmente, la probabilità di blocco dei nutrienti viene ridotta quando vengono utilizzati per fertilizzare le piante di cannabis.

Benefici Dei Fertilizzanti Sintetici

I fertilizzanti sintetici esistono per un motivo e presentano alcuni vantaggi rispetto alle soluzioni biologiche:

  • Assorbimento rapido
  • Rapporti esatti dei nutrienti
  • Facilmente accessibili/economici

Essendo prodotti creati dall’uomo, i fertilizzanti sintetici contengono rapporti esatti di NPK. Ciò permette ai coltivatori un controllo più preciso sul loro regime alimentare. Detto questo, a meno che tu non conosca le esatte sfumature delle varietà che stai coltivando, non sarai comunque in grado di nutrirle con i rapporti perfetti. Questo è in qualche modo opinabile per la maggior parte dei coltivatori.

Il rapido tasso di assorbimento rende i fertilizzanti sintetici più adatti ad affrontare le carenze di nutrienti, ma hanno lo svantaggio di avere maggiori probabilità di causare il blocco dei nutrienti.

Come Usare Il Fertilizzante Npk Per Coltivare La Cannabis

Come Usare Il Fertilizzante NPK Per Coltivare La Cannabis

Come accennato, chi coltiva in terra non ha bisogno di somministrare fertilizzanti durante la fase semenzale. In genere, è sufficiente l'aggiunta di microrganismi ed enzimi benefici. Questi aiuteranno le radici a svilupparsi e renderanno i nutrienti prontamente disponibili nel terreno.

Alcune varietà (in particolare quelle indica) tendono a rispondere meglio a dosi più elevate di fertilizzante. Solitamente, più sono presenti genetiche sativa, minore sarà il fabbisogno di nutrienti. Gli ibridi occupano la via di mezzo, con alcuni che tendono a preferire dosi più leggere o più pesanti.

L'esperienza pratica con una particolare varietà di cannabis è l'unico vero modo per saperlo con certezza.

La fertilizzazione pesante—ovvero la somministrazione di dosi massime di sostanze nutritive alla cannabis accompagnate da dosi tempestive di stimolatori della fioritura—può fare miracoli per i raccolti, ma solo se si dispone di una varietà con una comprovata affinità per un regime di alimentazione intenso. Invece, cerca di adottare un programma di alimentazione con l'obiettivo di dosare i nutrienti con la giusta quantità.

Chiunque abbia mai provato a “pompare” della marijuana scarsa con booster e pozioni può confermarti che è uno spreco di tempo e denaro. La genetica determinerà principalmente la potenza e quanta scorta otterrai al momento della raccolta. Anche se fai tutto nel modo giusto (e probabilmente riuscirai a farlo) verrai comunque limitato dal potenziale massimo delle genetiche. Elabora l’alimentazione in modo lento e costante, monitorando il comportamento delle piante in ogni fase del processo. Purtroppo non esiste nessuna scorciatoia per questo.

Di Quali Nutrienti Hanno Bisogno Le Piante Di Cannabis Autofiorenti?

Di Quali Nutrienti Hanno Bisogno le Piante di Cannabis Autofiorenti?

Man mano che le varietà di cannabis autofiorenti migliorano, sempre più coltivatori scelgono questi esemplari per coltivazioni facili e veloci. Ma come si fertilizzano le piante autofiorenti? Di quali rapporti NPK hanno bisogno le autofiorenti?

A causa delle sfumature delle singole varietà e dei bassi requisiti di nutrienti delle piante ricche di genetiche ruderalis, non è esattamente chiaro quanto le piante di cannabis autofiorenti amino mangiare. Tuttavia, è ampiamente riconosciuto che necessitano di meno cibo delle loro controparti a fotoperiodo.

Iniziare con ½ o anche ¼ della quantità di fertilizzante suggerita per una pianta regolare a fotoperiodo è un buon inizio. Se dopo qualche fertilizzata pensi che sia denutrita, potrai aumentare la dose. Le piante ruderalis sono geneticamente propense a sopravvivere in ambienti ostili e questo le rende capaci di prosperare con pochissimo.

Per quanto riguarda i rapporti esatti dei nutrienti per le varietà autofiorenti, la cosa migliore è optare per gli stessi che utilizzeresti per le piante a fotoperiodo, riducendo solo la quantità complessiva.

Terreno Vs Idroponica

NPK: Terreno vs Idroponica

Coltivare cannabis in un ambiente idroponico richiede un approccio di alimentazione leggermente diverso.

La cosa principale da tenere a mente è il fatto che sia un substrato inerte. A meno che non venga aggiunto del fertilizzante, l'acqua non ha alcuna capacità intrinseca di nutrire le piante—a differenza di un buon terreno. Inoltre, mentre il fertilizzante viene in gran parte trattenuto nel terreno, questo non vale per l'acqua (ammesso che venga rinfrescata).

Detto questo, in una coltivazione idroponica dovrai aggiungere il fertilizzante più spesso. Ma poiché non possiede il potere di tamponare come il terreno, dovrai stare estremamente attento a non sovralimentare le tue piante. Inoltre, la fertilizzazione inizia durante la fase semenzale, con circa il 25% della dose suggerita.

Articolo correlato

Coltivare Cannabis In Idroponica

Terreno Vs Fibra Di Cocco

NPK: Terreno vs Fibra di Cocco

La fibra di cocco è simile all'idroponica. A differenza del suolo, per natura la fibra di cocco non è ricca di sostanze nutritive. Quindi, potrebbe essere necessario iniziare ad aggiungere fertilizzanti a partire dalla fase semenzale. Tuttavia, dovrai controllare il tuo mix specifico. Anche se la fibra di cocco pura è inerte, ci sono molte miscele di fibra di cocco che non lo sono e che potrebbero essere molto ricche di sostanze nutritive. In questo caso, aggiungerne di più potrebbe uccidere una giovane pianta.

L'importanza Del Ph E Dei Micronutrienti

L'importanza del pH e dei Micronutrienti

I macronutrienti descrivono i requisiti NPK di base di una pianta, tuttavia la cannabis ha bisogno anche di molti altri nutrienti. Dovrai miscelare anche i micronutrienti nel tuo programma di fertilizzazione della cannabis. Inoltre, dovrai regolare il pH del substrato di coltura e la soluzione nutritiva alla perfezione per rendere i nutrienti disponibili per le radici.

In futuro, la silice potrebbe essere classificata come un macronutriente della cannabis, poiché svolge il ruolo fondamentale di ispessimento delle pareti cellulari. Meglio ancora, la silice è stata recentemente collegata all'aumento della produzione di tricomi da parte dei coltivatori professionisti nordamericani.

Ogni marca di nutrienti ha una serie di integratori per soddisfare tutta la richiesta dei micronutrienti. Questi saranno i prodotti con i rapporti NPK dello 0,1, 0,2 ecc. Un terreno di alta qualità dovrebbe già contenere la maggior parte degli oligoelementi di cui la cannabis ha bisogno. In caso contrario, puoi sempre somministrare un'infusione di melassa una volta alla settimana.

Sono soprattutto i coltivatori di cocco ed idroponica che richiedono la stragrande maggioranza di questi prodotti. Un flacone di Ca/Mg di buone dimensioni sarà essenziale.

Non dimenticarti di mantenere un pH di 5,5–6,0 per cocco e idro e 6,0–6,5 per il terreno. Regola questi livelli ad ogni fertilizzazione. Investi in un pHmetro o in nutrienti perfetti per il pH per stare sul sicuro. Ora dovrai metterti al lavoro per ottenere quel raccolto abbondante.

Individuare I Problemi Del Rapporto Npk Della Cannabis

Individuare i Problemi del Rapporto NPK della Cannabis

Se coltivi molto, è probabile che prima o poi ti imbatterai in problemi legati ai nutrienti. Imparare a individuarli in anticipo è essenziale per risolvere qualsiasi problema e garantire un buon raccolto.

Una nota per i coltivatori alle prime armi: mentre può essere allettante dare alle tue piante un intero carico di fertilizzanti supponendo che possano crescere di più, questa è probabilmente la causa numero uno dei problemi nelle coltivazioni dei novellini. Questo vale anche per l'eccesso d’acqua. Le piante tendono a reagire meglio con meno, non il contrario.

Carenza Di Nutrienti

Se le piante di cannabis non ricevono abbastanza fertilizzante, possono sviluppare una carenza di nutrienti. Un'altra causa potrebbe essere il blocco dei nutrienti (ne parleremo a breve).

I segni di una carenza di nutrienti sono:

  • Fogliame secco
  • Foglie gialle o marroni
  • Steli scoloriti

Nel complesso, le carenze nutrizionali sono facili da risolvere: basta dar loro da mangiare! Tuttavia, non sovracompensare. Basta aumentare delicatamente i loro fertilizzanti e si riprenderanno facilmente. Non ti ringrazieranno per una dose enorme ed improvvisa.

Articolo correlato

Analisi Sulle Carenze Di Micro E Macronutrienti

Sovralimentazione

La sovralimentazione si verifica principalmente con fertilizzanti sintetici, poiché questi vengono assorbiti molto facilmente dalla pianta.

I segni di sovralimentazione sono:

  • Foglie dall'aspetto bruciato con scolorimento giallo o marrone
  • Punte piegate verso l'alto
  • Bordi bruciati

Per rimediare a questo, ci vorrà molto più che smettere di nutrire le piante. Dovrai sciacquare il terreno con acqua pura finché non avrai lavato via tutti i nutrienti. Quindi, dovrai riequilibrare il livello di pH ed iniziare un nuovo programma di alimentazione—con meno fertilizzanti!

Blocco Dei Nutrienti

Il blocco dei nutrienti è una situazione in cui le radici della pianta non sono più in grado di assorbire i nutrienti dal terreno. Ciò si verifica quando ci sono troppi nutrienti nel terreno oppure l'equilibrio del pH è sbagliato.

Il blocco dei nutrienti si manifesta con gli stessi sintomi di una carenza di nutrienti. Ciò lo rende problematico, poiché le cause di questi problemi sono molto diverse. Se identifichi erroneamente una carenza ed inizi a nutrirla di più quando in realtà si tratta di un blocco dei nutrienti, farai più male che bene.

Detto questo, trattale entrambe allo stesso modo: prima risciacqua il terreno, riequilibra il pH e poi ricomincia a nutrire. Questo curerà con successo sia una carenza che un blocco.

Articolo correlato

I Migliori Valori De pH e CE

Conclusione: Non Esagerare!

NPK: Non Esagerare!

Quando si tratta di nutrire le tue piante di cannabis è sicuramente meglio non esagerare. Come puoi vedere, i problemi legati alla sottoalimentazione sono facilmente risolvibili e rappresentano una piccola minaccia per la salute delle tue piante—a meno che non siano state completamente deprivate per molto tempo. D’altro canto, la sovralimentazione presenta una serie di problemi che sono più difficili da risolvere e che tendono a causare danni maggiori alle tue piante.

Inizia piano e in modo lento ed impara ad osservare le tue piante per valutare ciò di cui hanno bisogno. Fare questo non solo ti aiuterà a dare loro tutto ciò di cui hanno bisogno, ma diventerai un coltivatore più abile e l'atto di coltivare diventerà infinitamente più piacevole.