Una Guida Completa Per Principianti Sui Vaporizzatori A Penna Per La Cannabis

Guida Sui Vaporizzatori A Penna Per La Cannabis

Una volta dominavano le canne ed i dispositivi da un tiro, ora domina una forma per godersi l'erba ancora più discreta. Stiamo parlando dei vaporizzatori a penna. Che tu voglia vaporizzare cera o fiori, è facile tanto quanto estrarlo dalla tasca, premere un pulsante e fare il tiro. Qui, analizzeremo ogni aspetto dei vaporizzatori a penna.

Da quando l'erba è diventata popolare all’opinione pubblica, le persone hanno cercato due cose: la prima è ovviamente un modo più semplice per godersi questa pianta elettrizzante. La seconda è un modo per fumarla con discrezione. Nel passato, cose come dispositivi da “un tiro”, pipe e canne dominavano sul trono dei metodi di fumo più facili/discreti. Tuttavia, il futuro è oggi quindi esistono molti nuovi vantaggi. Uno di questi è l'invenzione del vaporizzatore a penna.

Ok, ma che cos'è un vaporizzatore a penna? In parole povere, è un vaporizzatore ultra-portatile che offre tutti i vantaggi di un vaporizzatore regolare racchiusi in un dispositivo compatto a forma di penna. A parte il fatto che i vaporizzatori a penna sono potenzialmente migliori per il corpo rispetto al fumo, questi dispositivi sono facili da usare, producono un vapore dall'odore discreto e sono portatili. In poche parole, indipendentemente dal motivo per cui usi la cannabis, ci sarà sempre un vaporizzatore a penna che potrà soddisfare le tue esigenze.

Storia correlata

I Migliori Vaporizzatori A Penna Per l’Uso Quotidiano

Se sei nuovo al mondo della vaporizzazione e desideri saperne di più, continua a leggere la nostra guida completa per principianti su vaporizzatori a penna.

Come Funzionano I Vaporizzatori A Penna?

Essenzialmente, i vaporizzatori a penna sono congegni semplici. Le uniche due parti di cui dovrai preoccuparti sono l'elemento riscaldante e l’elemento che racchiude la tua cannabis. Quest'ultimo può essere un contenitore per erbe secche, una cartuccia usa e getta per concentrati o qualcosa di simile.

In ogni caso, l'elemento riscaldante porterà la tua cannabis ad una temperatura che si aggira tra i 150–230°C. A queste basse temperature, sostanze attive come il THC, CBD e terpeni si trasformano in un vapore che puoi inalare praticamente allo stesso modo di qualsiasi altro vaporizzatore.

I Diversi Tipi Di Vaporizzatori A Penna

I Diversi Tipi Di Vaporizzatori A Penna

Oggi, sono disponibili molti tipi di penne differenti. Dovrai familiarizzare con i vaporizzatori per erbe secche, i vaporizzatori per concentrati e vaporizzatori ibridi. Per quanto sia fantastica questa tecnologia, siamo sicuri che riuscirai a capire da solo le differenze, anche solamente dal nome. I vaporizzatori per erbe secche vengono ovviamente usati per vaporizzare gli amati fiori di cannabis. I vaporizzatori per concentrati sono progettati per lavorare con i concentrati di cannabis, che varieranno per consistenza fisica. Infine, i vaporizzatori ibridi sono progettati per funzionare sia con fiori che con i concentrati.

Anatomia Di Un Vaporizzatore A Penna

Alcune delle distinzioni più importanti tra queste penne si possono vedere nella loro anatomia. Tuttavia, non sono poi così differenti.

Nella maggior parte delle penne, la batteria è il componente più grande che funge da corpo. Queste batterie sono generalmente agli ioni di litio e sono ricaricabili o sostituibili. Avranno anche un bocchino, che userai per inalare il tuo prodotto di cannabis preferito. Questo prodotto viene vaporizzato dall'elemento riscaldante. Molti dispositivi hanno un pulsante per attivare questo elemento riscaldante, mentre alcuni non lo possiedono e possono percepire quando stai inalando.

Esistono anche penne che non fanno affidamento sull’energia della batteria. Invece, si basano sulla potenza della fiamma fornita dal tuo accendino. Di conseguenza, sono disponibili a prezzi decisamente minori ed hanno il vantaggio di non dover essere ricaricati. Tuttavia, non puoi controllare la temperatura con cui scaldi l'erba, quindi potrebbe diventare un po’ alta a causa della fiamma. La differenza non è drammatica, quindi i vaporizzatori a fiamma rimangono ancora un'ottima opzione.

Storia correlata

I Migliori 5 Vaporizzatori A Fiamma

Il prossimo componente importante è la camera. Per vaporizzare le erbe secche, la penna arriva fornita di una camera che devi riempire ogni volta che desideri usarla. Solitamente, con i vaporizzatori per concentrati bisogna acquistare cartucce usa e getta, che vanno cestinate dopo l’uso. Alcuni sono dotati di camere permanenti in cui è possibile caricare la cera, tuttavia non sono così comuni. Se possiedi uno di questi, potrebbe essere un vaporizzatore ibrido che, come abbiamo già accennato, può gestire sia i fiori secchi che i concentrati.

Come Usare Un Vaporizzatore A Penna

Come Usare Un Vaporizzatore A Penna

Ora possiamo passare alla parte divertente. Prima di fare qualsiasi cosa, assicurati di leggere le istruzioni della tua penna. Ok che siamo abbastanza intelligenti, ma le persone che hanno creato la tua penna la conoscono meglio di chiunque altro. Le nostre istruzioni si applicano in modo generale a questi tipi di penne, ma non ad un design specifico.

Caricalo

La prima cosa che devi fare quando ti arriva il vaporizzatore a penna è di caricarlo. Prepara una tazza di tè o fai una passeggiata, poiché la prima carica di un vaporizzatore nuovo può richiedere tempo.

Riempilo

Una volta che il tuo vaporizzatore a penna diventa carico (potrebbe avere un LED che indica quando è pronto), metti una cartuccia. Questa può essere un cartuccia riutilizzabile che si carica con fiori o cera o una cartuccia monouso che devi avvitare e vaporizzare. Dopo aver caricato la cartuccia, componi il vaporizzatore a penna. Assicurati di leggere le istruzioni in modo da sapere come farlo correttamente.

Vaporizzalo

Ora sei pronto per vaporizzare! La maggior parte dei vaporizzatori con pulsante può essere accesa o spenta facendo click cinque volte. Inoltre, alcuni vaporizzatori consentono di regolare la temperatura. Quando usi il tuo vaporizzatore a penna per la prima volta, non commettere il comune errore di tirare troppo forte, come se fosse una canna. Con i vaporizzatori dovrai fare un tiro lento e delicato. Non c'è nemmeno bisogno di “trattenere” il tiro, poiché la bontà presente nella tua cartuccia di cannabis viene assorbita all'istante.

Le Migliori Pratiche Quando Si Usano I Vaporizzatori A Penna

Le Migliori Pratiche Quando Si Usano I Vaporizzatori A Penna

Come con qualsiasi dispositivo di cannabis, ci sono alcune pratiche che dovresti tenere a mente. La principale è ovviamente quella di mantenere un programma di pulizia regolare. Non deve essere dopo ogni sessione, ma pulirlo una volta alla settimana (se lo usi regolarmente) prolungherà notevolmente la durata del tuo vaporizzatore a penna.

Il processo di pulizia è semplice. Come prima cosa dovrai smontare la penna e liberarti di eventuali residui o ceneri nella camera. Dopo, dovrai utilizzare un piccolo scovolino (a volte sono inclusi con la penna) per dare una bella spazzolata. Ovviamente, questo si applica solo a quelli che possiedono cartucce permanenti. Se possiedi una cartuccia usa e getta, il tuo unico lavoro è quello di buttarla via quando è esaurita. Da lì, se possibile, svita il bocchino e sciacqualo con l’acqua calda. Non usare l’acqua su altre parti del vaporizzatore perché potrebbe causare dei danni.

A parte ciò, basta che tu faccia i passaggi di base durante la vaporizzazione per assicurarti che non ci sia molto da pulire. Questi sono veramente semplici, per esempio riempire la giusta quantità di erba o concentrato. Se stai usando cartucce usa e getta, non hai nulla di cui preoccuparti. Tuttavia, con i vaporizzatori che possiedono quelle permanenti, dovrai assicurarti di non avere cime o cere che traboccano dalla penna prima di fare i tiri. Ciò garantirà che i residui da pulire siano minimi.

Pro E Contro

Come abbiamo già menzionato, i vaporizzatori a penna presentano molti vantaggi. Tuttavia non vanno considerati come un miglioramento oggettivo rispetto al fumo tradizionale. Tutto dipende dalle preferenze personali!

Pro

Vaporizzatore a Penna: Pro

  • Discreto e portatile

Accendere una canna piena di cime non è sicuramente il modo più discreto per godersi la cannabis, specialmente in pubblico. Questo non è un problema con il vaporizzatore a penna! Il vapore non produce un odore inconfondibile come il fumo, il che significa che puoi “accenderlo” praticamente ovunque senza attirare troppa attenzione. Inoltre, i vaporizzatori a penna sono abbastanza piccoli da poterli riporre in tasca, rendendoli perfettamente portatili.

  • Più facile da dosare

A quasi ogni appassionato di cannabis gli sarà capitato di diventare “troppo sballato” dopo aver fatto troppi tiri di canna o bong. Questo è molto meno probabile che accada quando si vaporizza—a meno che tu non faccia molti tiri in una singola sessione. Dato che è più facile controllare quanto aspiri, questi dispositivi vengono spesso raccomandati per i consumatori a scopo terapeutico.

  • Facile da utilizzare

Caricare una cartuccia nel tuo vaporizzatore e premere un pulsante non è qualcosa per cui hai bisogno di una laurea in scienza missilistica per farlo. Infatti, più facile di cosi non si poteva fare. Rispetto all'arte di rollare una bella canna, o anche dell'uso di altri vaporizzatori più complessi, i vaporizzatori a penna sono ultra-convenienti e semplici da utilizzare.

  • Più pulito e puro

Dato che il tuo vaporizzatore a penna non produce fumo, sarai in grado di goderti un'esperienza di cannabis molto più pura e pulita. Inoltre, quando carichi una cartuccia o riempi la tua camera, non provocherà il caos che si crea quando si prepara una canna—conosciamo tutti il disordine inevitabile delle briciole lasciate sul tavolo al termine dell’operazione. Inoltre non dovrai occuparti degli avanzi di cenere puzzolente al termine della sessione.

Contro

Vaporizzatore a Penna: Contro

  • Necessita di manutenzione regolare

Se acquisti un vaporizzatore a penna usa e getta a buon mercato, questo potrebbe non essere un problema. Ma se stai acquistando un “vero” vaporizzatore a penna, dovrai sicuramente mantenerlo in forma in modo da potertelo godere a lungo. Dato che la vaporizzazione accumula tutti i tipi di resina appiccicosa, la pulizia e la manutenzione regolari sono indispensabili. Inoltre, non dovresti esporre il tuo vaporizzatore a penna a condizioni in cui potrebbe bagnarsi o sporcarsi (cosa che non faresti nemmeno con una canna).

  • Potrebbe essere necessario regolare la dose

I concentrati sono molto più potenti dei fiori. Questo potrebbe sorprendere anche i fumatori di cannabis più esperti. Quindi, se sei appena passato dal fumo alla vaporizzazione, è meglio andarci piano ed aumentare con il tempo.

  • Richiede di essere ricaricato

Sì, è necessario caricare il vaporizzatore a penna, tuttavia pensa che caricare il tuo vaporizzatore è meno impegnativo comparato a sbriciolare dell’erba e rollare una canna in modo corretto. L'unica volta che questo potrebbe essere un problema è quando sei in giro con il vaporizzatore quasi scarico e ti dimentichi di portare il caricabatterie. I professionisti si portano due o più batterie ed un caricatore esterno: mentre viene utilizzata una batteria, l'altra rimane in carica. Come risultato, avrai sempre una batteria carica.

Esplora Il Mondo Dei Vaporizzatori A Penna

È impossibile discutere di tutto ciò che circonda i vaporizzatori in un solo articolo. Tuttavia, crediamo che tu ora abbia abbastanza conoscenza per poter iniziare. Il modo migliore per continuare ad imparare è attraverso la pratica. Esistono molte penne là fuori e scegliere può diventare difficile. Comunque, si da il caso che abbiamo un articolo che tratta dei migliori vaporizzatori a penna sul mercato per l'uso quotidiano! Con uno di quelli, siamo sicuri che porterai a termine un sacco di apprendimento “pratico”.

forse anche interessante