Qual È Il Modo Migliore Per Conservare I Semi Di Cannabis?

Se conservati correttamente, i semi di cannabis possono germinare anche dopo 5 anni, o più, dalla loro raccolta. I coltivatori devono fare attenzione a proteggere i loro semi dalla luce e dall'ossigeno, nonché dalle fluttuazioni di temperatura e umidità. Continua a leggere per scoprire come e dove conservare i semi per preservare la loro vitalità.

Qual È Il Modo Migliore Per Conservare I Semi Di Cannabis?

Dopo tutto l'impegno profuso per germinare i semi, la tentazione di gettare quelli rimanenti in una bustina da usare la prossima volta è forte. Tuttavia, quando verrà il momento di germinarli per avviare una nuova coltura, potreste avere una brutta sorpresa. Se conservati in modo inappropriato, i semi di cannabis perdono la loro vitalità e non possono più essere piantati.

La corretta conservazione dei semi è essenziale per assicurarsi che le successive colture crescano in piena salute e diano ottimi risultati. Continuate a leggere per scoprire come conservare correttamente i semi di cannabis affinché durino il più a lungo possibile.

Perché È Così Importante Conservare Correttamente I Semi Di Cannabis?

Molti coltivatori si possono trovare in situazioni in cui, per un motivo o per l'altro, sono tenuti a conservare i semi di cannabis. Nelle regioni in cui la cannabis è illegale, i coltivatori si ritrovano inevitabilmente ad accumulare piccole quantità di semi. Ma anche nelle regioni in cui è legale, chi coltiva su larga scala è solito acquistare all'ingrosso grandi quantità di semi e, di conseguenza, deve metterne da parte qualcuno. I coltivatori che cercano di conservare correttamente i propri semi di cannabis hanno come principale obiettivo il benessere delle loro future colture.

Per Quanto Tempo Possono Essere Conservati I Semi Di Cannabis?

Per Quanto Tempo Possono Essere Conservati I Semi Di Cannabis?

In genere, i semi di cannabis possono essere conservati in modo sicuro per 1–2 anni, soprattutto se conservati correttamente in un luogo fresco e buio. Se poi le condizioni sono ottimali, possono durare anche fino a 5 anni.

In teoria, non esiste un limite massimo o una data di scadenza per i semi di cannabis. Ovviamente, al momento di farli germinare, più freschi saranno e maggiori possibilità di successo avrete. L'ideale sarebbe piantarli dopo pochi mesi dalla raccolta. Ciò non toglie che anche i semi dimenticati sul fondo di un cassetto per diversi anni possano essere messi a germinare con successo. L'unico aspetto da ricordare è che più a lungo verranno conservati e minore sarà il loro tasso di germinazione.

Inoltre, i semi conservati in modo inappropriato richiederanno più tempo per germogliare. Se da una parte un seme sano e fresco impiega normalmente tra le 48 e le 72 ore per germogliare, dall'altra quelli conservati in modo errato possono richiedere fino a 5–7 giorni.

Articolo correlato

Seedfinder: Trova I Migliori Semi Di Cannabis

Fattori Da Considerare Al Momento Di Conservare I Semi Di Cannabis

Fattori Da Considerare Al Momento Di Conservare I Semi Di Cannabis

Ai coltivatori viene solitamente consigliato di conservare i semi rimanenti in un luogo fresco, buio e asciutto. Tuttavia, scendendo ulteriormente nei dettagli, esistono anche altri fattori ambientali che possono influire sulla qualità dei semi.

1. Umidità

L'umidità e la temperatura dell'ambiente in cui vengono conservati i semi sono forse i fattori più importanti. Se l'ambiente di conservazione sarà particolarmente umido, i semi di cannabis assorbiranno umidità, se invece sarà asciutto si disidrateranno.

Per evitare qualsiasi potenziale danno, si consiglia un intervallo d'umidità relativa compreso tra il 20 e il 30%. Un livello d'umidità superiore al 40% potrebbe innescare la germinazione, mentre al di sotto dell'8% tutti gli insetti in circolazione troveranno le condizioni ideali per attivarsi e riprodursi. Per la conservazione a lungo termine, si ritiene che i livelli d'umidità inferiori all'8–10% siano più appropriati.

2. Temperatura

La temperatura ideale per conservare i semi di cannabis è compresa tra 6 e 8°C. Si ritiene che più bassa sarà la temperatura e più lentamente diminuirà la vitalità e la capacità germinativa dei semi. Per questo motivo, molti coltivatori su larga scala scelgono di conservare i loro semi in frigorifero, appositamente impostato su questo intervallo termico. Se i livelli di umidità sono quelli appropriati, potreste persino conservarli in un angolo buio e fresco del frigorifero di casa vostra.

3. Luce

La luce va sempre evitata perché può direttamente innescare la germinazione. Se esposti alla luce, i semi possono gradualmente perdere gran parte del loro potere germinativo. Molte seedbank optano per proteggere i loro semi confezionandoli in scatole di metallo opaco.

4. Ossigeno

Sebbene non sia così importante come gli altri fattori, bisognerebbe sempre limitare il contatto dei semi con l'ossigeno. Ciò può ridurre o prevenire la respirazione dei semi, che, a sua volta, può impedire la loro prematura germinazione.

5. Fluttuazioni

Ai semi non bisogna solo garantire le condizioni ambientali ottimali, ma anche mantenerle perfettamente stabili. Pertanto, non è mai consigliabile aprire il contenitore dei semi, a meno che non si vogliano piantare. Oltre ad esporli a potenziali minacce come parassiti e batteri, le fluttuazioni di temperatura e umidità possono risultare dannose anche per la salute generale e la longevità dei semi.

Contenitori Per La Conservazione E Controllo Dell'umidità

Contenitori Per La Conservazione E Controllo Dell'Umidità

Sigillare le bustine e i contenitori dei semi è essenziale per proteggerli dagli agenti atmosferici. Se i vostri semi dovessero provenire da una seedbank che sigilla sottovuoto le confezioni di semi con granuli di silice, allora sarà un'ottima idea conservare i semi rimanenti seguendo lo stesso procedimento (assicurandovi solo di proteggerli dalla luce). Tuttavia, se doveste ritrovarvi con dei semi sparpagliati qua e là in una scatola e volete conservarli in una busta, vi consigliamo di investire in una macchina sottovuoto.

Se scegliete di conservarli in un contenitore, assicuratevi almeno che sia dotato di una chiusura ermetica e che sia resistente al calore. La maggior parte dei contenitori di plastica non sono adatti in quanto i loro coperchi non sono ermetici. Inoltre, i contenitori in plastica offrono una protezione alquanto discutibile contro le molecole d'acqua e i raggi UV. Come tale, la plastica dovrebbe essere usata solo per la conservazione a breve termine.

È sempre raccomandabile usare contenitori in vetro quando possibile, in quanto eccellenti per la conservazione di semi e cime, sia a breve che a lungo termine. Non dimenticatevi però di oscurarli per proteggerli dalla luce.

Articolo correlato

Consigli Per Una Migliore Conservazione Della Cannabis

Inoltre, non dimenticatevi di aggiungere un essiccante nel contenitore dei semi, che manterrà i livelli d'umidità ideali per i vostri semi. Inoltre, gli essiccanti hanno anche la capacità di assorbire gli eccessi di etilene che viene prodotto naturalmente durante il processo di invecchiamento, prolungando così la vita dei semi. Vi consigliamo di acquistare sempre confezioni con gel di silice perché possono essere riutilizzate. Tuttavia, anche gli essiccanti naturali come il riso possono funzionare altrettanto bene, ma richiedono di essere sostituiti regolarmente.

Metodi Per Conservare I Semi Di Cannabis

Metodi Per Conservare I Semi Di Cannabis

Per la conservazione a breve termine, qualsiasi contenitore ermetico a prova di luce ed aria dovrebbe andare bene. Se state pianificando di usare i vostri semi in tempi relativamente brevi, la conservazione a temperatura ambiente darà buoni risultati. Basta aggiungere nel contenitore i semi e il materiale essiccante, sigillare il tutto e riporlo in un luogo fresco e buio, protetto dalla luce e dalle fluttuazioni di temperatura e umidità. Alcuni esempi di luoghi comunemente usati per la conservazione includono le mensole più basse di un armadio o il fondo di una dispensa, che funzionano piuttosto bene per mantenere l'integrità dei semi per alcuni mesi.

Se però avete intenzione di conservare i semi per un periodo di tempo più lungo, dovrete prendere in considerazione i frigoriferi. Questi elettrodomestici offrono un ottimo ambiente dove mantenere i semi alle basse temperature di cui hanno bisogno. Inoltre, i vani interni dei frigoriferi sono quasi sempre bui e asciutti.

Tuttavia, l'umidità tende a fluttuare all'interno di un frigorifero, per cui vi consigliamo di includere un essiccante nel contenitore, che a sua volta dovrà essere posizionato sul retro del frigorifero, dove i livelli di umidità sono minimi.

Seedshop

Vedi semi di cannabis

Inoltre, dovreste assicurarvi di conservare i semi in frigoriferi “no-frost”, gli unici che possono scongiurare qualsiasi danno da gelo. Conservarli all'interno del cassetto delle verdure può essere il miglior modo per raggiungere questo obiettivo. L'ideale sarebbe chiuderli in una confezione sigillata sottovuoto e resistente al calore, assicurando così la massima protezione dagli agenti atmosferici.

È anche possibile congelare i semi per la conservazione a lungo termine. Tuttavia, in molti ritengono che questo metodo possa in realtà danneggiare i semi anziché proteggerli. Alcuni coltivatori credono addirittura che il congelamento danneggi le cellule viventi all'interno dei semi di cannabis. Tuttavia, esistono speciali apparecchiature da laboratorio che possono essere utilizzate per prepararli al congelamento a lungo termine. Ciò nonostante, la maggior parte dei coltivatori non dispone dell'attrezzatura necessaria per eseguire correttamente questo passaggio. Pertanto, sebbene possa essere un'opzione valida per alcuni coltivatori, il congelamento non è una strada percorribile per la maggior parte.

Altri Consigli E Considerazioni

Conservare I Semi Di Cannabis: Consigli E Considerazioni

Quando si maneggiano diversi tipi di semi (varietà), è importante etichettarli con precisione per il loro futuro uso. Può sembrare ovvio, ma mescolare accidentalmente i semi è più facile di quanto pensiate, soprattutto quando si stanno gestendo più varietà.

Inoltre, prima di sigillare ed etichettare i contenitori con i semi, è raccomandabile controllarli attentamente per scovare eventuali parassiti di qualsiasi tipo. Un solo insetto può danneggiare un intero lotto di semi. Assicuratevi di sigillare ermeticamente i contenitori di semi per renderli impenetrabili da qualsiasi insetto o parassita di passaggio.

Sigillandoli ermeticamente eviterete anche che si aprano accidentalmente in caso di caduta. E ricordate: non aprite un contenitore di semi sigillato fino a quando non sarete sicuri di piantarli.