Dagga Selvatica: Tutto Quello Che C'è Da Sapere

Leonotis Leonurus: Tutto Quello Che C'è Da Sapere

Quando la si consuma, la Wild Dagga provoca un effetto di sottile alterazione mentale. Grazie alle sue peculiari qualità, quest'erba ha una ricca storia nei contesti tribali del Sud Africa. La pianta, nota anche come “cannabis selvatica”, produce dei bellissimi fiori e la si può trovare nei paesaggi aridi e rocciosi in cui cresce.

Contenuto:

Che Cos'è Il Leonotis Leonurus?

Il Leonotis leonurus, anche comunemente chiamato "Dagga selvatica", è un membro della famiglia della menta, dai colori molto appariscenti e a lungo utilizzato per i suoi leggeri effetti psicoattivi. Originario delle regioni meridionali dell'Africa, i suoi effetti furono sperimentati per la prima volta, o almeno così si pensa, dalle tribù indigene locali. Le sensazioni che induce questa pianta sono molto simili a quelle indotte dalla Cannabis, ma significativamente più pacate. Da qui il nome Dagga selvatica, dove Dagga è il termine utilizzato in Sud Africa per indicare la Cannabis (in questo caso "Cannabis selvatica").

Anche se leggermente psicoattivo, il Leonotis leonurus è legale in quasi tutti i Paesi e viene comunemente coltivato come pianta ornamentale per il suo pittoresco aspetto. I fiori che produce sono anche estremamente resinosi e ricchi di nettare, un ottimo richiamo per la fauna selvatica con cui abbellire giardini e cortili.

Grazie alla sua natura e al suo status giuridico, il Leonotis leonurus viene spesso usato come efficace alternativa alla Cannabis. Non vogliamo certo dire che sia una qualità negativa ma, rispetto alla marijuana, offre un'esperienza meno intensa e psicoattiva.

Una Confusione Piuttosto Comune

Il Leonotis leonurus viene spesso confuso con altre quattro piante della sua stessa famiglia (le Lamiaceae), portando così a dubitare sulla reale efficacia psicoattiva della Dagga. A sminuire ulteriormente la sua reputazione si sono aggiunti alcuni rivenditori di "falsi" Leonotis leonurus. Tenete a mente che questa pianta viene anche chiamata "coda di leone" e "Dagga selvatica" (in inglese "Wild Dagga").

Le quattro piante appartenenti alle Lamiaceae contengono anche leonurina, il composto attivo del Leonotis leonurus, ma in quantità molto variabili. Si tratta del Leonurus sibericus (Motherwort siberiano), Leonotis nepetifolia (Orecchio di leone / Klip Dagga), Leonurus artemisia (Yi-mu-cao / Motherwort cinese) e Leonurus cardacia (Motherwort comune). Quindi, assicuratevi sempre di avere tra le mani l'autentico Leonotis leonurus!

Effetti Del Leonotis Leonurus

Effetti Del Leonotis Leonurus

Gli effetti del Leonotis leonurus inducono sensazioni leggermente stimolanti, un lieve disorientamente euforico che aiuta ad entrare in uno stato di relax e comfort psico-fisico. La Wild Dagga non arriva a sferrare un colpo così potente come quello della Cannabis ma, man mano che si consuma, offre sensazioni molto simili.

Uso Tradizionale Del Leonotis Leonurus

La Storia Del Leonotis Leonurus

Anche se non siamo a conoscenza del preciso periodo storico in cui venne usato maggiormente il Leonotis leonurus, sappiamo per certo che la tribù ottentotta fu la "casa natale" di questa pianta. Infatti, in Sud Africa veniva notoriamente usato da questa popolazione nelle cerimonie spirituali e in attività ricreative (tuttavia, è risaputo che anche altre tribù, come quella Zulu e Xhosa, usano abitualmente quest'erba nella loro vita quotidiana). Le sue proprietà hanno una così vasta gamma di applicazioni che non stupisce che sia diventato parte integrante di queste culture indigene.

Profilo Botanico Del Leonotis Leonurus

Profilo Botanico Del Leonotis Leonurus

Il Leonotis leonurus è un arbusto perenne appartenente alla famiglia della menta. È originario delle zone meridionali dell'Africa, ma attualmente viene coltivato in quasi tutti i climi temperati. Raggiunge i 2-5 metri d'altezza e produce splendidi fiori rosso/arancione raggruppati insieme in una struttura radiale dalla forma appuntita. Il Leonotis leonurus sviluppa foglie strette con nervature allungate, che sporgono direttamente dal fusto principale.

Come già accennato, il Leonotis leonurus cresce particolarmente bene nei climi temperati. Tuttavia, ai giorni nostri, lo ritroviamo anche in boscaglie, prati e paludi di Messico, Australia occidentale, California e Caraibi. Anche se predilige le regioni più calde del pianeta, ha bisogno di essere protetto dalla luce diretta del sole e dev'essere riparato indoor durante l'inverno, altrimenti potrebbe facilmente morire.

I Componenti Chimici Del Leonotis Leonurus

I Componenti Chimici Del Leonotis Leonurus

Il principale composto attivo presente nel Leonotis leonurus è conosciuto come leonurina. Si tratta di un alcaloide leggermente psicoattivo, presente anche in alcuni altri membri della stessa famiglia della Wild Dagga (ma quasi sempre in concentrazioni inferiori).

La ricerca suggerisce che i composti chimici del Leonotis leonurus abbiano proprietà antinocicettive, antinfiammatorie e ipoglicemizzanti.
Fonte: Ojewole JA (May 2005). "Antinociceptive, antiinflammatory and antidiabetic effects of Leonotis leonurus (L.) R. BR. [Lamiaceae] leaf aqueous extract in mice and rats“. Methods and Findings in Experimental and Clinical Pharmacology 27 (4): 257–64

(Effetti antinocicettivi, antinfiammatori e antidiabetici del Leonotis leonurus (L.) R. BR. [Lamiaceae] Estratto di foglie diluito e somministrato a topi e ratti. Metodi e risultati farmacologici sperimentali e clinici).