Blog
Uruguay: Il Paradiso Della Cannabis È Diventato Un Caos
4 min

Uruguay: Il Paradiso Della Cannabis È Diventato Un Caos

4 min
Legislation News

L'Uruguay è stato il primo paese al mondo a legalizzare "completamente" la cannabis, promettendo di togliere denaro e potere dalle mani dei criminali. Ma oltre cinque anni dopo, l'Uruguay ha costruito un sistema che in realtà aiuta il commercio illegale invece di indebolirlo.

Benvenuto negli editoriali di Zamnesia, dove il nostro redattore Steven condivide la sua opinione su tutto ciò che riguarda l’industria della cannabis, del CBD e degli smartshop. Ricorda che tutte le opinioni espresse in questi articoli sono del suo scrittore e non riflettono necessariamente le opinioni di Zamnesia come azienda. Lascia un commento se vuoi condividere le tue idee con il nostro autore e con il nostro team.

Nel 2013, l'Uruguay è diventata la prima nazione a legalizzare completamente la cannabis. Guidato dall'allora presidente José "Pepe" Mujica, il governo uruguaiano aveva promesso di regolamentare il mercato della produzione e commercializzazione di cannabis per uso ricreativo. Ora, più di cinque anni dopo, il mercato uruguaiano della cannabis è davvero quello che il governo aveva promesso?

Il Più Grande Risultato In Uruguay: Nessun Arresto Per Possesso E Coltivazione Domestica

Il Più Grande Risultato In Uruguay: Nessun Arresto Per Possesso E Coltivazione Domestica di Cannabis in Uruguay

Prima di diventare troppo critico, voglio elogiare il governo uruguaiano per una cosa: aver posto fine alla criminalizzazione della coltivazione e dell'uso di cannabis. Dall'altra parte del fiume, in Argentina, le forze di polizia stanno ancora combattendo con entusiasmo il commercio illegale, arrestando le persone per il possesso di qualche grammo di erba o di alcune piante.

Sebbene l'Uruguay non abbia mai criminalizzato il possesso personale di droghe, il governo precedente aveva preso una dura posizione contro la coltivazione. Un caso famoso che ha alimentato il cambiamento legislativo in Uruguay è stato quello di Alicia Castilla[1], una scrittrice di 66 anni che è stata messa in prigione per aver coltivato 29 piante.

Oggi, gli uruguaiani possono coltivare legalmente fino a sei piante e consumare cannabis ovunque e liberamente. E per qualcuno che vive al di là del fiume, dove i consumatori sono ancora trattati come narcos, questo è molto significativo. Quindi raccomando l'Uruguay per questo motivo.

Gli Aspetti Negativi: Più O Meno Tutto Il Resto

sistema uruguaiano di legalizzazione

A parte l'evidente beneficio di non andare in prigione per aver coltivato o consumato cannabis, il sistema uruguaiano di legalizzazione è pieno di problemi di ogni genere. Per capire perché, devi prima sapere che ci sono tre modi per ottenere legalmente la cannabis in Uruguay:

  • Coltivarla: in questo caso, puoi possedere legalmente fino a sei piante e fino a 480 grammi di fiori di cannabis essiccati.
  • Iscriversi ad un cannabis club registrato: questi club possono avere un massimo di 45 membri, ai quali non possono vendere più di 480 grammi di cannabis all'anno.
  • Comprarla in farmacia: qui puoi acquistare fino a 40g al mese.

Tutte e tre queste attività sono aperte solo ai residenti uruguaiani. I turisti non hanno modo di accedere legalmente alla cannabis se non ricevendola come regalo da qualcuno. Questo ci porta già al primo problema del sistema uruguaiano di regolazione della cannabis:

C'è Un Enorme Mercato Nero Per I Turisti

C'È Un Enorme Cannabis Mercato Nero Per I Turisti

Molti turisti in visita in Uruguay vogliono fumare. E ovunque ci sia una richiesta, puoi essere certo che c'è un'offerta. Sia che ti trovi nel centro di Montevideo o lungo le spiagge di Punta del Este, ci sono molte persone che vendono la cannabis illegalmente ai turisti per la strada. Alcuni negozi e headshop si rivolgono anche ai turisti e vendono cannabis per circa 15 dollari al grammo.

Quando l'Uruguay ha annunciato i suoi piani per la legalizzazione, ha chiarito che lo stava facendo per combattere il commercio illegale di droga e per togliere denaro e potere dalle mani dei criminali. E tutto ciò suona alla grande, in teoria. Nella realtà, il sistema che l'Uruguay ha istituito per combattere il commercio illegale di droghe ha invece creato un fiorente mercato nero specificamente destinato ai turisti.

Non C'è Nessun Controllo Sui Prodotti Medicinali

Prodotti Medicinali Mercato Uruguaiano Della Cannabis

Questo è un altro grande difetto nel mercato uruguaiano della cannabis.

A novembre, la rivista The Observer ha annunciato che diventerà disponibile un nuovo olio di cannabis nelle farmacie uruguaiane [2] nel giro di pochi mesi. L'olio sarà prodotto da ICC Labs, una società canadese che opera in Uruguay.

Ma fino a quando questo olio non raggiungerà gli scaffali, l'Uruguay affronterà un serio problema di domanda di prodotti medicinali a base di cannabis. Secondo il Ministerio de Salud Publica [3], c'è solo un altro prodotto di cannabis medica attualmente disponibile tramite le farmacie. E quell’olio si vende per circa 70 dollari.

Nel frattempo, headshop e growshop di tutto il paese vendono tutti i tipi di prodotti artigianali con cannabis "medica", tra i quali tinture, creme e balsami. Questi prodotti sono tutt'altro che regolamentati e le persone che li vendono e danno informazioni sul loro uso non sono sicuramente medici. Vendono anche l'olio per molto meno rispetto a quello disponibile nelle farmacie.

Se l'Uruguay vuole davvero dare un esempio su come regolare la cannabis, deve prendere posizione contro la vendita di questi prodotti non regolamentati. Allo stesso tempo ha bisogno di istituire un sistema affidabile per la regolamentazione dei prodotti di cannabis progettati per uso medicinale. Questo sistema deve offrire ai pazienti uruguaiani l'accesso a prodotti strettamente regolamentati, non venduti accanto a cartine e bong in uno headshop.

In Uruguay Ci Sono Meno Di 20 Farmacie Con Licenza Di Vendere Cannabis

In Uruguay Ci Sono Meno Di 20 Farmacie Con Licenza Di Vendere Cannabis

Gli uruguaiani che cercano di comprare cannabis in una farmacia potrebbero trovarsi di fronte ad un grosso problema: trovare vicino a loro una farmacia con licenza per dispensare cannabis. In questo momento, l'Instituto de Regulación y Control del Cannabis uruguaiano ha concesso la licenza a solo 17 farmacie in tutto il paese. Sette di queste farmacie sono nella capitale.

Ci sono nove dipartimenti (regioni) dell'Uruguay che non sono serviti da una farmacia. Gli uruguaiani che vivono in queste aree sono sostanzialmente lasciati a coltivare la propria cannabis o a comprarla da un club, se hanno la fortuna di averne uno nelle vicinanze. Questo ci porta al nostro prossimo problema.

Solo 11 Dipartmenti Hanno Cannabis Club Con Licenza

L'Uruguay ha attualmente 114 cannabis club legali. Anche se potrebbero sembrare tanti, ci sono ancora otto dipartimenti che non hanno un solo club registrato. Alcuni di questi dipartimenti, come Durazno, Soriano e Florida, non hanno nemmeno farmacie autorizzate, il che ci porta al nostro prossimo (e ultimo) grosso problema con il sistema della cannabis in Uruguay.

In Uruguay C'è Ancora Un Mercato Nero Per La Cannabis, E Non Solo Per I Turisti

In Uruguay Mercato Nero Per La Cannabis Non Solo Per I Turisti

Affinché i sistemi di legalizzazione della cannabis funzionino, questi devono soddisfare le necessità degli utilizzatori. Se non lo fanno, qualcuno entrerà e soddisferà questi bisogni illegalmente. Questo è esattamente ciò che è successo in Uruguay. Il governo uruguaiano ama pensare di aver aperto la strada alla regolamentazione della cannabis, ma in realtà c’è ancora molta strada da fare.

Se l'Uruguay vuole veramente eliminare il mercato illegale della cannabis, deve:

  • Reprimere il mercato nero rivolto ai turisti
  • Regolamentare il mercato della cannabis medica
  • Rendere accessibile la cannabis attraverso i club e le farmacie di tutto il paese

Fino a quando questo non accadrà, l'Uruguay, come molti altri paesi dell'America Latina, ospiterà un mercato nero della droga molto attivo e potenzialmente violento.

Steven Voser

Scritto da: Steven Voser
Steven Voser è un giornalista internazionale freelance, nominato per un Emmy Award, e dotato di grande esperienza. Grazie alla sua passione per tutto ciò che riguarda la cannabis, dedica attualmente molto del suo tempo ad esplorare il mondo dell'erba.

Scopri i nostri scrittori
Dichiarazione Di Non Responsabilità:
Non stiamo facendo affermazioni mediche. Questo articolo è stato scritto solamente per scopi informativi ed è basato su ricerche pubblicate da fonti esterne.

Fonti Esterne:
  1. Uruguay, the first country where you can smoke marijuana wherever you like | Cannabis | The Guardian - https://www.theguardian.com/society/2017/may/27/marijuana-legalisation-uruguay-seen-half-measure-users
  2. Nuevo aceite de cannabis medicinal estará en las farmacias en tres meses a menos de US$ 30 - https://www.elobservador.com.uy/nota/nuevo-aceite-de-cannabis-medicinal-estara-en-las-farmacias-en-tres-meses-a-menos-de-us-30-20181128175653
  3. Ministerio de Salud Pública habilitó venta de cannabis medicinal a empresa que cumplió con requisitos | Ministerio de Salud Pública - https://www.gub.uy/ministerio-salud-publica/comunicacion/noticias/ministerio-de-salud-publica-habilito-venta-de-cannabis-medicinal-empresa-que

Read more about
Legislation News
Cerca nelle categorie
o
Cerca