Blog
Recupero O Scarti Della Cannabis: È Il Caso Di Fumarli?
5 min

Recupero O Scarti Della Cannabis: È Il Caso Di Fumarli?

5 min

Tutti vogliamo il massimo dalla nostra scorta. Non c’è da vergognarsi! Ma lo sapevi che puoi riutilizzare la resina che rimane nel tuo dab rig? Conosciuto come “scarto”, questo è un modo infallibile per sballarsi senza usare nuovo materiale. Ma ci sono alcuni difetti. Scopri perché il recupero della cannabis potrebbe essere una cosa che fa per te.

Non ci vuole molto perché la pipa, il bong od tuo il dab rig preferito si sporchino un po’ con l’uso. Molti di noi usano immediatamente i loro prodotti per la pulizia, ma sapevi che il residuo decarbossilato avanzato può essere utilizzato, o meglio, riutilizzato? Questi residui sono anche conosciuti come “scarti” o “recupero” della cannabis e, sebbene si possa essere tentati di eliminarli, gli scarti sono ancora attivi e possono essere utilizzati in vari modi.

Ma cosa dobbiamo fare per raccoglierli e riutilizzarli? Approfondiamo tutto ciò che devi sapere sul recupero della cannabis e se ne valga davvero la pena.

Cos’è il recupero della cannabis?

Cos’è il recupero della cannabis?

Anche se ne abbiamo già accennato, è meglio iniziare da zero. Allora, cos’è esattamente il recupero della cannabis? Sono essenzialmente gli scarti raccolti e ricondensati dal tuo rig o da altri strumenti in vetro. Se lo strumento non viene pulito immediatamente dopo ogni utilizzo, lo scarto può accumularsi al suo interno. Tipicamente, lo scarto rivestirà le pareti della base, ma si può trovare anche in altre parti, come il chiodo o l’imboccatura di un rig. Con un po’ d’ingegno, può essere rimosso e riutilizzato.

Tuttavia, i dab rig non sono gli unici a contenere questi scarti di cannabis. Anche i bong che sono stati riempiti con la tua migliore erba possono essere usati per il recupero dopo la tua sessione di fumo. Poiché si tratta di una sostanza già decarbossilata, ci sono molte potenziali applicazioni per questo materiale apparentemente consumato, indipendentemente da dove tu lo abbia recuperato.

Recupero della cannabis o resina

Recupero della cannabis o resina

Ti starai chiedendo: “Che senso ha raccogliere il materiale di recupero se posso usare semplicemente un po’ di concentrato o di erba?” Questa è un’ottima domanda. Sebbene gli scarti della cannabis siano un sottoprodotto del dab o del fumo, non sono esattamente la stessa cosa.

Cerchiamo di spiegarci meglio: sebbene l’uso di un dab rig non sia un metodo che usa la combustione, il calore applicato fa sì che i terpeni del concentrato vengano distrutti per fornire quel tiro iniziale saporito e potente. Una volta utilizzato, il residuo di questo materiale può essere recuperato. Ed anche se potrebbe avere un sapore un po’ più aspro di quello a cui alcuni sono abituati, la buona notizia è che il contenuto di THC negli scarti della cannabis può essere potenzialmente superiore al concentrato originale.

Articolo correlato

Tutto Quello Che C’è Da Sapere Sui Concentrati Di Cannabis

D’altra parte, questa resina è costituita dagli scarti compattati dell’erba fumata che di solito si raccoglie nel braciere della tua pipa o del bong. Poiché il fumo è la forma più pura di combustione, la resina rimanente ha più catrame che materia vegetale dopo essere stata bruciata, ma questo non vuol dire che non abbia i suoi possibili utilizzi. Questa resina riciclata costituisce la base per alcuni hashish fatti in casa, oppure può essere rollata insieme a kief od erba e fumata di nuovo. Vale la pena notare che, poiché è presente più catrame, questa resina può causare irritazione ai polmoni. In ogni caso, raccogliere resina è un lavoro semplice. Aspetta che la pipa si raffreddi, rimuovi gli scarti dal braciere e sono pronti per essere utilizzati.

Lo scarto del dab è potente?

In poche parole, sì, lo scarto può essere molto potente. Anche se stai essenzialmente usando lo stesso concentrato di prima, ora è come se avessi scelto le parti che alla prima fumata ti eri perso. Ad esempio, i normali fiori e concentrati dovranno essere decarbossilati per portare alla luce i loro effetti, mentre lo scarto ha già attraversato quel processo. Ciò significa che, anche se non necessariamente consigliato, potresti mangiare gli scarti nella loro forma “grezza” ed ottenere uno sballo piuttosto potente.

Cosa puoi fare con gli scarti della cannabis?

Cosa puoi fare con gli scarti della cannabis?

Prima di tutto, scopriamo cosa si possa fare con gli scarti di cannabis. Di seguito, riportiamo alcuni suggerimenti per sfruttare al meglio questo materiale, ma naturalmente queste sono solo alcune idee ed esistono molte altre applicazioni. Ma attenzione: gli scarti hanno un gusto particolare, quindi potrebbero non essere la scelta migliore per le tue ricette preferite di edibili.

Fumare gli scarti

Probabilmente il modo più semplice e veloce per utilizzare la cannabis recuperata è semplicemente fumarla! Sia che tu carichi un bong o li aggiunga ad una canna, la scelta è completamente tua. È anche possibile metterli in un vaporizzatore adatto ai concentrati, ma, come già accennato, lo scarto ti può dare una bella botta, quindi potresti provare effetti molto più forti del previsto. In breve, anche se gli effetti non saranno deludenti, i suoi sapori ed aromi potrebbero essere inaspettati.

Mangiare gli scarti

Abbiamo già toccato il concetto di prendere letteralmente lo scarto dal tuo dab rig e mangiarlo. È già pronto poiché è già stato decarbossilato, ma ti possiamo capire se non riesci ad apprezzarne il gusto. In fondo, stai praticamente mangiando le parti avanzate del tuo concentrato. Se però vuoi provare qualcosa di leggermente diverso, puoi sempre cercare di infondere un po’ di scarti in piatti già molto saporiti per mascherare il loro sapore. Alcuni addirittura fanno palline di scarti e le congelano. Una volta congelate, le mettono semplicemente in bocca come una caramella. Il mondo è bello perché è vario!

Dabbare gli scarti

Anche se la maggior parte dei terpeni più saporiti siano ormai scomparsi dallo scarto, puoi riutilizzarlo nel tuo dab rig. Non serve alcuna operazione speciale: basta metterne un po’ sul chiodo (o nail), scaldarlo e inalarlo. Come per le altre opzioni, il più grande ostacolo che potresti incontrare con gli scarti è il loro sapore. E qui il dabbing non fa molta differenza. Detto questo, se da un lato sarai conscio di non avere il prodotto con l'aroma e sapore migliori del mondo, lo sballo compenserà ampiamente questo piccolo difetto.

Articolo correlato

I 10 Migliori Dab Rig (Edizione 2022)

Come raccogliere gli scarti della cannabis

Ora che abbiamo spiegato cosa puoi fare con gli scarti della cannabis, è il momento di condividere alcuni suggerimenti su come raccoglierli. Per fortuna, è un’operazione abbastanza semplice. Ricordati solo di prenderti il tempo necessario e di avere pazienza.

Ci sono due scuole di pensiero sul recupero della cannabis: solventi e calore.

Solventi

 

Come raccogliere gli scarti della cannabis: Solventi

Il primo metodo prevede di raccogliere il materiale di scarto con l’uso di solventi. Per cominciare, avrai bisogno del solvente alcolico che preferisci. Può essere qualsiasi cosa, dall'alcol isopropilico all’alcol etilico, ma se riesci a procurarti etanolo puro, questo è probabilmente l’alcol migliore da usare per l’estrazione.

Versa il tuo solvente nella base del tuo rig ed agitalo per assicurarti che il solvente raggiunga tutte le aree in cui si possono trovare gli scarti. Questo piccolo vortice è sufficiente per far dissolvere il materiale.

Ora, versa la miscela di solvente e scarti in una tazza e lasciala riposare per alcune ore. L’alcol evapora già a temperature basse, quindi ti ritroverai con gli scarti cristallizzati sul fondo della tazza. Tutto quello che resta da fare è raccoglierli ed usarli!

Sebbene l’uso di un solvente sia un ottimo modo per estrarre gli scarti, tieni presente che l’alcol può contaminare il sapore e rendere il fumo ancora più irritante.

Calore

 

Come raccogliere gli scarti della cannabis: Calore

Se non vuoi utilizzare solventi, anche il calore è una scelta eccellente per rimuovere il materiale di scarto dal tuo rig. Questo metodo richiede un paio di cose. Innanzitutto, avrai bisogno di una superficie resistente al calore su cui raccogliere il concentrato recuperato: un po’ di carta da forno od un tappetino in silicone saranno perfetti. Poi ti serve uno strumento per fornire calore costante ed intenso. In questa fase, molti usano un accendino a torcia.

Ora che hai messo insieme tutti gli strumenti è ora di iniziare. Capovolgi il tuo rig sulla superficie resistente al calore ed inizia ad utilizzare la fiamma ossidrica sulle aree ricche di scarto come l’imboccatura. La temperatura all’interno del rig aumenterà ed il materiale di scarto si staccherà dalle pareti del vetro cadendo direttamente sulla superficie da te scelta. Ora avrai a disposizione una grande quantità di cannabis recuperata, ma ricordati di lasciarla raffreddare prima di maneggiarla.

Gli scarti possono andare a male?

Gli scarti possono andare a male?

Se non vuoi utilizzare immediatamente il tuo materiale di scarto, è del tutto possibile conservarlo per un uso futuro. Ricordati di utilizzare un contenitore per concentrati in silicone per evitare che si attacchi all’interno. Una volta messo in un contenitore, conservalo in un luogo fresco, asciutto e buio per tenerlo pronto in qualsiasi momento.

Sebbene il materiale di scarto possa essere utilizzato per un tempo relativamente lungo dopo essere stato estratto, ci sono molte domande sulla sicurezza e sugli eventuali rischi. Come sappiamo, lo scarto è stato precedentemente riscaldato e, sebbene ciò sia responsabile dell’assenza di molti terpeni, vi è probabilmente una maggiore presenza di sostanze chimiche tossiche. Per questo motivo, il materiale di scarto può causare irritazione ai polmoni quando viene fumato e potrebbe potenzialmente portare a problemi seri.

Usa quindi la testa e cerca di essere molto cauto quando decidi di riutilizzare gli scarti della cannabis. Sebbene possa essere un modo molto potente per sballarsi, il sapore è spesso piuttosto sgradevole, al punto che molti decidono di non provarlo nemmeno. Procedi con cautela e non potrai sbagliare, ma se decidessi di voler fumare qualcosa di puro, saporito e ricco di terpeni, forse sarebbe meglio restare su concentrati, oli e cere freschi.

Adam Parsons
Adam Parsons
Il giornalista professionista del settore cannabico, copywriter ed autore Adam Parsons è un membro di lunga data dello staff di Zamnesia. Incaricato di coprire una vasta gamma di argomenti, dal CBD agli psichedelici e molto altro ancora, Adam crea post per blog, guide ed esplora una gamma di prodotti in continua crescita.
Notizie Ricerca
Cerca nelle categorie
o
Cerca