Blog
Come Raccogliere I Funghi Allucinogeni
5 min

Come Raccogliere I Funghi Allucinogeni

5 min

È finalmente giunto il momento di raccogliere i vostri tanto attesi funghi allucinogeni. Padroneggiare questo passaggio è abbastanza semplice, ma è fondamentale seguire alcuni accorgimenti se volete raccogliere i frutti del vostro duro lavoro. Scoprite come procedere con la nostra guida.

Se avete già coltivato dei funghi allucinogeni partendo da zero, probabilmente sapete quanto possano essere snervanti i lunghi mesi passati ad aspettare la data del raccolto. Arrivati a questo punto, vi sarete lasciati alle spalle la parte più difficile, ma con i funghi magici non si può mai abbassare la guardia. Ecco alcuni passaggi da leggere attentamente.

La raccolta dei funghi allucinogeni è piuttosto semplice, ma bisogna sapere cosa fare per poterla realizzare correttamente. Potreste far passare troppo tempo e commettere qualche errore che alla fine rovinerà l'intero raccolto. Qui di seguito vi riportiamo alcune informazioni su come identificare il momento più opportuno per raccogliere i funghi allucinogeni, come essiccarli e conservarli per usarli in un secondo momento.

L’importanza di raccogliere nei tempi adeguati

Funghi Allucinogeni: L’importanza di raccogliere nei tempi adeguati

Valutare il momento giusto per raccogliere i funghi magici è essenziale per massimizzare i successivi getti di funghi ed ottenere il massimo dai vostri sforzi. Scegliere quando raccogliere i funghi si riduce all’osservazione del velo, la sottile membrana sul lato inferiore del cappello incaricata di trattenere le spore. Quando il fungo è maturo, questo velo si strappa e le spore vengono rilasciate, pronte a far crescere nuove generazioni di funghi.

Se coltivate funghi allucinogeni in casa (a prescindere che lo facciate partendo da zero o usando un kit di coltivazione), non dovete aspettare di arrivare a questo stadio di maturazione. Se le spore vengono rilasciate sul panetto di substrato, i successivi getti produrranno molti meno funghi, se non addirittura nessuno. Quindi, per non frenare la loro crescita, è essenziale mantenere i panetti colonizzati da micelio lontani dalle spore.

Questo è uno dei motivi principali per cui è essenziale raccogliere in tempo.

Il secondo motivo è meno importante, ma può comunque avere un forte impatto sulle rese finali. Una volta che il velo si separa e cade, il fungo può continuare a crescere di dimensioni, ma non svilupperà più psilocibina o psilocina. Quindi, anche se non perderà potenza, sarà meno potente in termini di percentuali su peso complessivo, il che significa che bisognerà assumere maggiori quantità di funghi per ottenere lo sballo desiderato. Quindi, raccogliere in tempo significa che il vostro stomaco avrà meno parti superflue da digerire e ve ne sarà grato!

Quando raccogliere i funghi allucinogeni

Quando raccogliere i funghi allucinogeni

Ma come fate a riconoscere il momento cruciale per raccogliere i funghi allucinogeni? È necessaria un’attenta osservazione del velo di ogni fungo per sapere quando raccoglierli. Tuttavia, la regola generale dice che è sempre meglio raccoglierli con qualche giorno di anticipo piuttosto che troppo tardi. Certo, potreste non ottenere il massimo da ogni singolo esemplare, ma almeno non rischierete di rovinare l’intera coltivazione. Quindi, giocate sempre sul sicuro!

Qual è il momento giusto per raccogliere?

Il momento migliore per raccogliere i funghi allucinogeni è appena prima che il velo si strappi. Ma, come accennato in precedenza, è sempre meglio peccare per eccesso di cautela.

Il velo si trova sul lato inferiore del cappello e copre le lamine. Quando il fungo è nei suoi primi stadi di vita, i veli sono carnosi e di colore chiaro (di solito grigio-bianco). Quando arriva il momento di strapparsi, assumono tonalità più scure ed iniziano ad incurvarsi. Non aspettate oltre se notate questi segni e raccoglieteli.

È quasi impossibile scovare altri indizi che indichino l’arrivo del raccolto. Anche in una singola colonia, possono esserci delle grandi differenze tra le dimensioni finali dei singoli funghi. Di conseguenza, non dovete pensare che solo perché alcuni sono diventati enormi, tutti gli altri dovranno raggiungere quella dimensione prima di maturare completamente. Trattate ogni fungo come un esemplare a sé stante e prendete spunto dalle sue caratteristiche per osservare gli altri.

Fino a quando non avrete acquisito un po’ di esperienza, dovrete raccogliere i vostri funghi quando il loro velo sarà ancora leggermente colorato. Non appena vedete che inizia a diventare più scuro, è il momento di raccogliere!

Funghi Allucinogeni: Qual è il momento giusto per raccogliere?

Funghi Allucinogeni: Qual è il momento giusto per raccogliere?

Funghi Allucinogeni: Qual è il momento giusto per raccogliere?

Funghi Allucinogeni: Qual è il momento giusto per raccogliere?

Quando è troppo tardi per raccogliere?

È inoltre necessario capire quando si è andati oltre i tempi ottimali. In questi casi, dovrete procedere subito alla raccolta dei funghi ed evitare lo stesso errore in futuro.

Il velo si staccherà letteralmente lungo il gambo una volta lacerato e si separerà dalla parte inferiore della cappella, rivelando una cavità concava con numerose lamine. All’inizio potrebbe staccarsi solo un lato, ma con il tempo cadrà tutto. Il velo diventerà nero, seguito dal cappello e poi dal fungo intero.

Oltrepassato questo stadio, il fungo avrà raggiunto il suo scopo e lentamente morirà. Diventerà sempre più scuro, inizierà ad appassire e alla fine crollerà. Man mano che le spore si diffonderanno intorno al fungo, il panetto colonizzato passerà dall'essere bianco avorio a ricoprirsi di macchie di spore di colore scuro. Ebbene, dovete evitare a tutti i costi questa situazione, poiché ridurrà le rese di ulteriori getti di funghi o ne impedirà completamente la crescita.

Funghi Allucinogeni: Quando è troppo tardi per raccogliere?

Funghi Allucinogeni: Quando è troppo tardi per raccogliere?

Funghi Allucinogeni: Quando è troppo tardi per raccogliere?

Funghi Allucinogeni: Quando è troppo tardi per raccogliere?

Come raccogliere i funghi allucinogeni

Come si raccolgono i funghi allucinogeni? Con estrema attenzione!

Ci sono diversi metodi, ma in realtà non ne esiste uno migliore dell'altro. L’importante è che vengano rispettati alcuni passaggi di base.

A prescindere dal metodo che sceglierete per raccoglierli, dovete infliggere il minor danno possibile al micelio. Quindi, strapparli via dal substrato non è una buona strategia. In genere, il metodo più comune è torcerli delicatamente alla base del gambo. A volte si spezzerà facilmente, altre opporrà più resistenza ed uscirà dal substrato portandosi via porzioni di micelio.

L’importanza di lavorare in un ambiente sterile

E qui ci ricolleghiamo all’importanza di lavorare in un ambiente sterile. Lavatevi bene le mani, indossando dei guanti ed una mascherina. Batteri o funghi aggressivi potrebbero ancora contaminare il panetto colonizzato dal micelio (anche in questa fase avanzata), compromettendo i futuri getti di funghi!

Meno danni farete al panetto e meno rischi di contaminazione correrete. Una volta che il micelio avrà colonizzato i grani di segale nel substrato, sarà difficile che altri agenti esterni prendano il sopravvento. Tuttavia, estraendo un fungo, potrebbero salire in superficie dei grani non colonizzati (un terreno fertile per qualsiasi infezione). Quindi, raccogliete i funghi allucinogeni con estrema delicatezza e lavorate sempre in un ambiente sterile. Solo così avrete buone probabilità di ottenere altri getti in futuro.

Articolo correlato

Tecnica Di Sterilizzazione Per Coltivare Funghi Allucinogeni

Cosa succede dopo il raccolto?

Una volta raccolti i funghi allucinogeni, avete quasi finito il lavoro. Infatti, potete già mangiarli così come sono ed aspettare gli effetti del vostro duro lavoro. Ricordatevi che i funghi freschi sono leggermente diversi da quelli secchi, quindi è meglio se li provate prima di decidere come assumerli.

Tuttavia, i raccolti saranno ben superiori a ciò che potrete ingerire in una volta sola. In tal caso, dovrete essiccarli e conservarli correttamente in modo che durino indefinitamente.

Essiccazione

Funghi Allucinogeni: Essiccazione

L’essiccazione dei funghi allucinogeni è piuttosto semplice e ci sono diversi metodi per farlo.

Per prima cosa, vi consigliamo di pre-essiccarli. Ciò comporta stenderli su un pezzo di cartone o asciugamano e lasciarli essiccare all’aria per alcune ore, in modo da rimuovere l’umidità in eccesso. Assicuratevi che si trovino in un’area ben ventilata o anche davanti ad un ventilatore. È altrettanto importante tenerli al riparo dalla luce solare diretta.

Dopo alcune ore, dovrete procedere alla loro completa essiccazione. Per fare ciò, scegliete uno dei seguenti metodi:

  • Essiccazione all’aria
  • Disidratatore per alimenti
  • Usare un agente essiccante

A seconda di ciò che avete a vostra disposizione, della quantità di funghi raccolti e dagli sforzi che volete fare per essiccarli, sceglierete un metodo piuttosto che un altro. Qualunque cosa scegliate, è fondamentale assicurarsi che i funghi siano ben essiccati prima di riporli da qualche parte. Se non sono duri al tatto, vuol dire che non sono abbastanza secchi!

Potreste essere abbastanza coraggiosi da correre il rischio, ma l’eventuale umidità residua ridurrà i loro effetti psichedelici e, nei casi peggiori, li porterà inevitabilmente a marcire. Dopo aver passato mesi a coltivarli con attenzione, evitate di bruciare le tappe proprio nella fase finale rischiando di perdere l’intero raccolto!

Articolo correlato

Come Essiccare E Conservare I Funghi Allucinogeni

Conservazione

Funghi Allucinogeni: Conservazione

A questo punto, dovrete conservarli in modo da mantenerli secchi come cracker.

Il modo più semplice per farlo è conservarli in un barattolo o contenitore con chiusura ermetica. Mettete delle bustine di gel di silice per controllare ed assorbire l’umidità residua nell’aria. E sebbene un contenitore ermetico sarà sufficiente per non far entrare ed uscire aria umida, giocate sul sicuro e conservateli in un ambiente asciutto.

Infine, anche la luce solare diretta può far perdere potenza ai funghi allucinogeni secchi. Quindi, teneteli sempre in un luogo buio.

Raccogliere i funghi allucinogeni: L'ultimo sforzo!

A seconda del metodo utilizzato per coltivare i funghi, potreste aver aspettato mesi ed impiegato ore di lavoro per arrivare fino a qui. Per cui, ci congratuliamo per il vostro duro lavoro!

È essenziale raccogliere, essiccare e conservare correttamente i funghi. L’ultima cosa che vorreste è sbagliare qualcosa all’ultimo ostacolo. Solo perché hanno un aspetto forte e grande non significa che non richiedano più cure dopo la raccolta. Fortunatamente, a differenza delle prime fasi di crescita dei funghi, arrivati a questo punto gli ostacoli ed i pericoli sono minimi. Quindi, fate attenzione e seguite i nostri consigli. Solo così sarete sicuri di ottenere un eccellente raccolto di funghi allucinogeni.

Max Sargent
Max Sargent
Max scrive da oltre un decennio e negli ultimi anni si è dedicato al giornalismo sulla cannabis e la psichedelia. Scrivendo per aziende come Zamnesia, Royal Queen Seeds, Cannaconnection, Gorilla Seeds, MushMagic ed altre, ha acquisito ampia esperienza in questo settore.
Shroomshop Tutorial
Cerca nelle categorie
o
Cerca