Blog
Quando E Come Far Germogliare I Semi Di Peperoncino
6 min

Quando E Come Far Germogliare I Semi Di Peperoncino

6 min

Coltivare peperoncini è un'attività decisamente appagante che, oltre a perfezionare le abilità del coltivatore, permette di raccogliere grandi quantità di peperoncini piccanti ed aromatici. Ma, da dove cominciare? O meglio, quando e come? Tutto ha inizio con la germinazione. In questa guida, troverete tutte le nozioni utili al riguardo.

Indipendentemente dal tipo di peperoncino che si sceglie di coltivare, è importante ricordare che queste piante richiedono un piccolo supporto da parte del coltivatore, soprattutto nella fase di crescita iniziale. Ovviamente, è possibile lasciare tutto al caso e depositare semplicemente i semi nel terreno, aspettando che la natura faccia il suo corso. Ma, per avviare la coltivazione in modo ottimale, bisogna far germogliare i semi correttamente.

Ma quando e come procedere? Ebbene, questa domanda è sicuramente appropriata e, in questo articolo, scopriremo tutto ciò che c'è da sapere per far germogliare una pianta di peperoncino nel miglior modo possibile. In fin dei conti, una corretta germinazione permetterà alla pianta di giungere alla fioritura e sviluppare peperoncini saporiti e piccanti. Interessante, vero? Iniziamo subito.

Di cosa hanno bisogno i semi di peperoncino per germogliare?

Di cosa hanno bisogno i semi di peperoncino per germogliare?

In linea di massima, i semi di peperoncino non sono particolarmente esigenti. Questo non significa che siano totalmente privi di complicazioni, ma piuttosto che, fornendo loro un ambiente ideale, è possibile evitare gran parte dei problemi. Per germogliare, i semi di peperoncino hanno bisogno dei seguenti elementi: temperature calde, alto tasso di umidità ed oscurità.

Temperatura

Non è una novità che i semi di peperoncino richiedano temperature piuttosto elevate per iniziare a germogliare. L'intervallo di temperatura ideale varia in base alla specie, ma, generalmente, i semi di peperoncino prediligono temperature miti, attorno ai 26–32°C.

Tuttavia, chi abita in zone più fresche non deve preoccuparsi, poiché avrà a disposizione numerose alternative. Ad esempio, molti sistemano i semi all'interno di una credenza ventilata o su un tappetino riscaldante, per garantire un calore adeguato. Affronteremo questo argomento in modo dettagliato nei paragrafi successivi.

Umidità

Parallelamente alla temperatura, occorre tenere sotto controllo il tasso di umidità. I semi di peperoncino hanno bisogno di un determinato livello di umidità per germogliare correttamente. I semi collocati in ambienti eccessivamente asciutti resteranno inerti. Il segreto è trovare un equilibrio perfetto e mantenere l'ambiente di coltivazione umido e caldo. È anche possibile utilizzare un apposito vassoio per la germinazione, dotato di coperchio per catturare l'umidità.

Mantenendo una temperatura adeguata e costante, l'interno della cupola raggiungerà facilmente un tasso di umidità del 100%. In questo ambiente ideale, i semi di peperoncino possono davvero esibire il loro pieno potenziale.

Oscurità

Per far germogliare i semi di peperoncino, l'ultimo fattore da considerare è la quantità di luce (maggiore o minore) da somministrare. La risposta è: niente luce. Infatti, sebbene le piante di peperoncino abbiano bisogno di una regolare esposizione alla luce naturale o artificiale per giungere a maturazione, i semi richiedono un approccio completamente opposto. Quindi, dopo aver impostato la giusta temperatura ed il corretto livello di umidità, occorre lasciare i semi al buio completo per favorire la germinazione.

Quando far germogliare i semi di peperoncino?

Quando far germogliare i semi di peperoncino?

Il periodo ottimale per far germogliare i semi di peperoncino è ad inizio anno, verso febbraio o marzo nell'emisfero settentrionale. In questo modo, sarà possibile massimizzare l'esposizione della pianta alla luce del sole, intensa e naturale, nei mesi successivi. È quindi preferibile far germogliare i semi e preparare le plantule per la stagione primaverile ed estiva.

Ovviamente, se i peperoncini vengono coltivati indoor, il mese scelto per la germinazione sarà irrilevante, fintanto che si riesca a riprodurre, e mantenere, delle condizioni ambientali ottimali.

Quanto tempo impiegano i semi di peperoncino a germogliare?

Il tempo necessario per completare la germinazione dipende soprattutto dalla varietà di peperoncino utilizzata. Indipendentemente dalle condizioni ambientali, i semi hanno bisogno di un certo periodo di tempo per germogliare. Alcuni semi impiegano 10 giorni, mentre altri richiedono dalle 3 alle 4 settimane, per mostrare i primi accenni di sviluppo.

Ad ogni modo, sulla confezione sono generalmente riportate tutte le informazioni relative ai semi di peperoncino scelti, quindi non è necessario tirare ad indovinare. Nel complesso, la germinazione richiede semplicemente un po' di pazienza.

Come fare germogliare i semi di peperoncino

Dopo aver esaminato gli elementi principali, scopriamo in che modo è possibile far germogliare i semi.

Esistono diverse scuole di pensiero e, di seguito, illustreremo le più comuni. In ogni caso, questi non sono gli unici metodi per far germogliare i semi di peperoncino. I coltivatori hanno ideato diverse tecniche, molto creative, per far germogliare le loro piante. Non dovete far altro che trovare quella più consona alle vostre necessità.

Far germogliare i semi di peperoncino con la tecnica del tovagliolo di carta

Far germogliare i semi di peperoncino con la tecnica del tovagliolo di carta

Chi desidera coltivare piante di peperoncino indoor, può usare il metodo del tovagliolo di carta per far germogliare correttamente i semi.

Questa tecnica consiste nell'inumidire un tovagliolo di carta con un nebulizzatore o bagnarlo leggermente sotto acqua corrente. Il tovagliolo deve essere sufficientemente bagnato da poterlo strizzare. Dopo aver eliminato l'acqua in eccesso, il tovagliolo deve restare umido, ma non fradicio.

Dopodiché, bisogna piegare il tovagliolo a metà e depositarvi i semi. Idealmente, ogni seme dovrebbe essere posizionato ad una distanza di almeno un paio di centimetri dagli altri. In questo modo, avrà spazio adeguato per germogliare senza alcuna difficoltà. Il tovagliolo va poi ripiegato un'ultima volta per coprire i semi.

A questo punto, occorre trovare un luogo adatto in cui sistemarli. Potete scegliere un sacchetto di carta o una busta di plastica. Ricordatevi di non sigillare completamente l'ambiente e di lasciare un'apertura di qualche centimetro, per consentire il ricircolo dell'aria.

Come accennato in precedenza, il contenitore dev'essere conservato in un luogo caldo, buio e sicuro. Dopo aver individuato un ambiente appropriato, controllate i vostri semi di peperoncino almeno una volta al giorno. Oltre a mantenerli al caldo, dovete evitare che i semi si asciughino eccessivamente, quindi, se necessario, nebulizzate un po' di acqua di tanto in tanto. In men che non si dica, vedrete spuntare i primi germogli.

Far germogliare i semi di peperoncino in acqua

Far germogliare i semi di peperoncino in acqua

Questo metodo, molto usato per far germogliare i semi di cannabis, è valido anche per i semi di peperoncino! Proprio così: è possibile far germogliare i semi di peperoncino in acqua, fornendo un livello di umidità costante. Tuttavia, questa tecnica è valida per un breve periodo di tempo. Mentre negli altri metodi di germinazione si attende che il seme sia germogliato, la germinazione in acqua permette semplicemente al seme di lacerarsi, prima che venga piantato nel terreno.

Riempite un bicchiere con acqua di rubinetto e lasciatela riposare per qualche ora, in modo che arrivi a temperatura ambiente. Dopodiché, lasciate cadere qualche seme nel bicchiere. Controllate il bicchiere e la temperatura dell'acqua ogni giorno, aggiungendone altra se necessario. Dopo circa 4–5 giorni, i semi dovrebbero iniziare a rompersi. A questo punto, dovrete estrarli dall'acqua e sistemarli nel terriccio o substrato di coltivazione, in modo che possano germogliare completamente.

Far germogliare i semi di peperoncino nel terreno

Far germogliare i semi di peperoncino nel terreno

Probabilmente, il metodo più comune per far germogliare i semi di peperoncino consiste semplicemente nel piantarli nel terreno. L'operazione può essere eseguita usando piccoli vasi pieni di terriccio o acquistando appositi vassoi, concepiti per la fase di germinazione. Scegliendo i vassoi già pronti, risparmierete tempo e fatica, poiché ogni vasetto è già riempito con un terriccio ideale per lo sviluppo dei semi.

Se state utilizzando dei classici vasi, riempiteli innanzitutto con terriccio umido. Se invece avete scelto un vassoio per la germinazione, aggiungete il terriccio nei vasetti (se ne sono sprovvisti) o nebulizzate semplicemente il substrato in dotazione. Quando la terra sarà pronta per ospitare il seme, create un piccolo foro nel terreno, profondo circa mezzo centimetro, aiutandovi con una penna o una matita.

Sistemate un seme in ciascun foro, dopodiché ricopritelo con la terra. Successivamente, nebulizzate un po' d'acqua, in modo che il substrato rimanga umido. Quando i vasi saranno pronti, disponeteli su un tappetino riscaldante o in ambiente caldo, ad esempio sopra un frigorifero. Come accennato precedentemente, è possibile aggiungere un coperchio per mantenere il giusto livello di umidità.

Dopo circa 7–10 giorni, comincerete a notare l'evoluzione dei semi, man mano che germogliano. Ricordate di controllarli regolarmente durante questo periodo e, ovviamente, di somministrare acqua di tanto in tanto, se il terreno inizia ad asciugarsi.

Consigli per far germogliare i semi di peperoncino

Consigli per far germogliare i semi di peperoncino

Cos'altro possiamo fare per essere certi che i semi di peperoncino germoglino correttamente? Nella maggior parte dei casi, sono le condizioni ambientali a decidere le sorti della germinazione. Tuttavia, è possibile adottare qualche accorgimento speciale per fornire alle piante maggiori possibilità di crescere sane, fin dal primo istante di vita.

Usare un tappetino riscaldante

Nei paragrafi precedenti abbiamo accennato brevemente all'utilizzo di un tappetino riscaldante, ma l'importanza di un calore costante e regolare durante la germinazione dei semi non va mai sottovalutata. I tappetini riscaldanti sono disponibili in commercio a prezzi ragionevoli,e risultano perfetti per chi vive in regioni fredde o ritiene di non avere a disposizione un ambiente di germinazione ottimale.

Un tappeto di piccole dimensioni può essere arrotolato e riposto con facilità ed ospiterà comodamente i vostri vasi. Durante la germinazione dei semi, il giusto livello di calore può fare la differenza!

Ammorbidire il guscio dei semi prima di farli germogliare

Potete agevolare la germinazione dei semi ammorbidendo il loro guscio, prima di collocarli su un tovagliolo umido, nel terreno o in acqua. Molti scelgono di immergere i semi in una piccola tazza di tisana alla camomilla, per 24–48 ore. Così facendo, è possibile favorire l'emersione delle radici, nonché uccidere eventuali batteri potenzialmente dannosi.

Controllare il pH dell'acqua

Controllate il pH dell'acqua, prima di nebulizzarla sul terriccio. Se il livello è troppo alto o eccessivamente basso (inferiore a 5,5 o superiore a 7), i semi avranno meno probabilità di germogliare. Se il pH dell'acqua a vostra disposizione non è ottimale, potete usare acqua distillata, acqua piovana o persino acqua di rubinetto, lasciata decantare per almeno 24 ore.

Fornire aria fresca ai semi

Per far germogliare i semi di peperoncino, occorre fornire loro un ambiente caldo ed umido, ma anche un po' di ossigeno può rivelarsi utile. Se state usando un coperchio per trattenere l'umidità, dovreste creare delle aperture nella parte superiore, in modo che l'aria possa circolare. Lasciate entrare aria fresca una volta al giorno, mentre controllate i progressi dei vostri semi.

Quando travasare le plantule di peperoncino?

Quando travasare le plantule di peperoncino?

Con una corretta manutenzione, i semi dovrebbero germogliare nel giro di poco tempo. A questo punto, bisognerà affrontare una fase cruciale, ovvero il trasferimento della plantula in un recipiente più grande. Qual è il momento ideale per procedere al rinvaso?

Se state facendo crescere i vostri semi di peperoncino in vassoi per la germinazione, la procedura è piuttosto semplice. In linea di massima, è preferibile attendere finché la plantula avrà sviluppato almeno tre paia di foglioline. Ciò avviene solitamente 4–6 settimane dopo la germinazione. A questo punto, la pianta potrà essere prelevata e trasferita in un nuovo recipiente o in una aiuola outdoor.

Articolo correlato

Come Trapiantare Le Piante Di Peperoncino

Il tempismo è essenziale, quindi cercate di far coincidere il trapianto con l'inizio della stagione calda, per trarre il massimo beneficio da luce e calore. Ma, soprattutto, siate pazienti e fornite alle vostre piante di peperoncino le dovute cure ed attenzioni. Alla fine, sarete ricompensati con un'abbondante scorta di peperoncini succosi e piccantissimi.

Adam Parsons
Adam Parsons
Il giornalista professionista del settore cannabico, copywriter ed autore Adam Parsons è un membro di lunga data dello staff di Zamnesia. Incaricato di coprire una vasta gamma di argomenti, dal CBD agli psichedelici e molto altro ancora, Adam crea post per blog, guide ed esplora una gamma di prodotti in continua crescita.
Coltivazione Peppershop
Cerca nelle categorie
o
Cerca