Blog
Droghe Pesanti E Droghe Leggere
5 min

Qual È La Differenza Tra Droghe Pesanti E Leggere?

5 min

Chiedi a qualcuno se conosca la differenza tra droghe pesanti e leggere e probabilmente risponderà di sì. Ma quanto sono efficaci i termini “pesante” e “leggera” nella classificazione delle droghe e dei loro effetti? Facciamo un tuffo nelle classificazioni e cerchiamo di capire se gli attuali metodi di definizione delle sostanze siano validi.

“Pesanti” e “leggere” sono termini vaghi usati per descrivere diverse sostanze psicotrope in base al loro impatto percepito sulla salute, al potenziale di dipendenza, agli effetti ed altro. Ma questi termini ci danno davvero una chiara comprensione delle diverse droghe e del loro effetto sulla nostra salute? Continua a leggere per scoprirlo.

La classificazione in droghe pesanti e leggere

La classificazione in droghe pesanti e leggere

Che si tratti del pubblico, dei media, della comunità scientifica o persino dei funzionari del governo, tutti hanno usato le parole “pesanti” e “leggere”. Ed anche se la maggior parte di noi pensa di sapere cosa si intenda con questi termini, non è così semplice fare una distinzione concreta tra le due.

In effetti, nemmeno autorità sanitarie globali come la International Classification of Diseases (ICD) od il Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (DSM) fanno distinzioni chiare tra droghe pesanti e leggere. Una delle poche entità a tracciare una linea netta tra droghe pesanti e leggere è il governo olandese, che utilizza i termini “pesante” e “leggera” nella sua legislazione sulle droghe[1].

Nonostante questo, la maggior parte delle persone è d’accordo sul fatto di avere almeno una discreta comprensione di ciò che si classifica come droga pesante o leggera, nonostante non ci siano definizioni formali. Di seguito diamo uno sguardo più da vicino a ciò che distingue droghe pesanti e leggere ed esaminiamo la validità delle classificazioni generali sulle droghe.

Cosa sono le droghe pesanti?

Cosa sono le droghe pesanti?

Probabilmente tutti risponderebbero di sapere cosa sia una “droga pesante”. Per anni, i governi ed i media hanno promosso l’idea che le droghe pesanti siano più potenti, più coinvolgenti e più pericolose di quelle leggere. In realtà, il fatto che una droga sia pesante o leggera dipende in gran parte dal suo potenziale di causare danni fisici e dipendenza nei consumatori[2].

Sebbene la classificazione pesante/leggera sia considerata sempre più obsoleta, purtroppo è ancora utilizzata in tutto il mondo.

Esempi di droghe pesanti

  • Cocaina e crack
  • Eroina ed oppio
  • Anfetamine e metanfetamine
  • PCP (Fenciclidina)
  • Ketamina
  • Oppiacei, benzodiazepine ed altri farmaci
  • Ecstasy
  • Alcol e tabacco
  • LSD e funghi magici (spesso definiti dalla legge come pesanti, ma molti sostengono che non lo siano)

Cosa sono le droghe leggere?

Cosa sono le droghe leggere?

Le droghe pesanti sono considerate estremamente potenti, pericolose e capaci di creare dipendenza, mentre le droghe leggere sono considerate molto meno dannose. In generale, si considerano leggere le sostanze che presentano una possibilità minima di causare danni fisici, abuso o dipendenza. Anche questa volta, il governo olandese menziona chiaramente alcune droghe leggere nel suo Opium Act (principalmente cannabis e sonniferi/sedativi), ma ciò che le persone considerano droghe leggere varia in tutto il mondo.

Esempi di droghe Leggere

  • Cannabis e derivati della cannabis
  • Sonniferi e sedativi (nei Paesi Bassi)

Droghe naturali e sintetiche

Droghe naturali e sintetiche

Proprio come molte persone hanno opinioni consolidate su ciò che caratterizza una droga come pesante o leggera, molte persone credono anche che il fatto che una droga sia naturale o sintetica dica qualcosa sulla sua pericolosità per i consumatori. Dopotutto, se cresce nella terra probabilmente va bene, giusto?

Purtroppo, presumere che una sostanza sia sicura solo perché naturale non è assolutamente un argomento valido. La cocaina e l’oppio (e le loro varianti/derivati) provengono entrambi da fonti naturali, rispettivamente la pianta della coca ed il papavero da oppio.

Nonostante questo, entrambe le sostanze hanno un alto potenziale di dipendenza e possono essere mortali a dosi elevate. Anche alcol e tabacco sono droghe pesanti (sorpresa, sorpresa!) che derivano da ingredienti completamente naturali. Come discuteremo più avanti, termini come pesante, leggera, naturale e sintetica non sono modi realmente efficaci per classificare le sostanze o valutare il loro impatto sulla sicurezza e sulla salute.

La differenza tra droghe pesanti e leggere

Oltre al loro potenziale di causare danni e dipendenza, le droghe si distinguono anche per il modo in cui vengono consumate, per gli effetti che producono, per la loro disponibilità e per la legislazione che ne regola o proibisce l’uso o la commercializzazione.

Con questo in mente, diamo un’occhiata più da vicino ad alcune delle differenze tra droghe pesanti e leggere. Tieni presente che queste idee non sono scolpite nella pietra, ma rappresentano piuttosto un modo generale di pensare alle differenze tra le sostanze.

Consumo

La differenza tra droghe pesanti e leggere: Consumo

Poiché le droghe pesanti sono considerate più dannose, le persone spesso percepiscono che il loro uso differisca notevolmente da quello delle droghe leggere. Molte risorse online, così come i sondaggi, mostrano che le persone tendono a credere che le droghe pesanti siano usate in eccesso, con meno controllo ed un rischio maggiore di abuso rispetto alle droghe leggere.

Ad esempio, quando le persone pensano al consumo di cannabis, spesso immaginano che qualcuno fumi casualmente una canna a casa davanti alla TV o ad una festa o un ritrovo con gli amici. Al contrario, l’uso di droghe pesanti come la cocaina o le metanfetamine è spesso associato a lunghe e folli nottate che possono durare fino al giorno successivo, o per diversi giorni.

Il consumo delle differenti sostanze è, ovviamente, variabile, ma questo non dipende necessariamente dal fatto che siano o droghe pesanti o leggere. È importante ricordare che droghe diverse si rivolgono a persone diverse e sono quindi accompagnate da culture diverse. La cultura della cannabis, ad esempio, è completamente diversa dalla cultura che circonda l’uso di alcol, cocaina o “party drugs” come anfetamine ed ecstasy.

Articolo correlato

Le Migliori Alternative Legali (E Naturali) Alle Droghe Da Festa

Effetti

In generale, le persone associano le droghe pesanti ad effetti più potenti e con una maggiore capacità di alterare la mente rispetto alle droghe leggere. Anche questo è un equivoco.

Ad esempio, ci sono varie droghe pesanti che producono effetti abbastanza lievi. Il tabacco è una sostanza altamente tossica che crea dipendenza, ma i suoi effetti sono considerati lievi. La cannabis, al contrario, produce effetti molto più intensi e che alterano la mente, ma è considerata una droga leggera da molti governi ed istituzioni.

Legalità

La differenza tra droghe pesanti e leggere: Legalità

Numerosi Paesi occidentali fanno distinzioni legali tra sostanze pesanti e leggere nella loro legislatura sulle droghe. Nella maggior parte dei casi, l’uso od il possesso di droghe leggere è soggetto a leggi più tolleranti rispetto a quelle sulle droghe pesanti.

Usando il nostro esempio precedente, il governo olandese fa distinzioni molto chiare tra droghe leggere (cannabis, sonniferi e sedativi) e droghe pesanti (cocaina, eroina, LSD, funghi magici, ecstasy, oppiacei e benzodiazepine). Infatti, secondo la politica di tolleranza olandese, la vendita, l’uso ed il possesso di piccole quantità di cannabis nei coffeeshop sono tollerati e non punibili, nonostante la cannabis sia ancora considerata una sostanza illegale dalla legge olandese.

Articolo correlato

I 15 Migliori Coffee Shop Di Amsterdam Del 2020

Disponibilità

Poiché la percezione della cultura della droga è in cambiamento, molti altri Paesi in tutto il mondo stanno iniziando a modificare le loro politiche in materia di droghe leggere ed a consentire o tollerare il loro uso, come ad esempio:

  • Uruguay, che ha completamente depenalizzato l’uso di cannabis e la rende disponibile ai cittadini tramite le farmacie.

  • Canada, che ha completamente legalizzato l’uso della cannabis da parte degli adulti.

  • Gli Stati Uniti, dove più di 19 Stati hanno legalizzato la cannabis ricreativa e molti altri ne hanno consentito l’uso medico.

  • Messico, che ora consente il possesso di piccole quantità di cannabis.

Cosa sono le droghe di passaggio?

Cosa sono le droghe di passaggio?

Le droghe di passaggio sono le sostanze ritenute capaci di portare ad un uso di droghe sempre più intenso e pericoloso. Ci sono essenzialmente tre sostanze sotto la designazione di “gateway drug”: alcol, nicotina e marijuana. Sebbene questo sia certamente vero per le prime due sostanze, molti credono che la cannabis non meriti questa classificazione. In effetti, una revisione del 2018 del National Institute of Justice ha analizzato 23 studi su esseri umani ed animali che collegano l’uso di marijuana ad un futuro uso di droghe più pesanti. Si è però affermato che “attualmente non ci sono prove conclusive che l’uso di cannabis abbia causato un uso successivo di droghe più pesanti”[3].

È corretto classificare le sostanze in questo modo?

Classificare le droghe come pesanti o leggere è tutt’altro che adeguato. Come abbiamo visto in questo articolo e come discusso in una revisione scientifica del 2017 pubblicata sull’American Journal of Drug and Alcohol Abuse[4], questo tipo di classificazione si basa sulla nostra percezione individuale delle diverse droghe più che sui loro effetti reali sulla nostra salute. L’alcol e le sigarette sono i principali esempi di droghe pesanti profondamente radicate ed accettate nella cultura occidentale, mentre LSD e psilocibina sono esempi perfetti di droghe considerate “pesanti” in molti luoghi, ma che in realtà presentano pochissimi rischi per la salute ed un basso potenziale di dipendenza.

Steven Voser
Steven Voser
Steven Voser è un giornalista indipendente che si occupa di cannabis. È da oltre 6 anni che scrive articoli su tutto ciò che riguarda la marijuana: come coltivarla, come godersela al meglio, l'industria in forte espansione e il torbido panorama legale che la circonda.
Dichiarazione Di Non Responsabilità:
Non stiamo facendo affermazioni mediche. Questo articolo è stato scritto solamente per scopi informativi ed è basato su ricerche pubblicate da fonti esterne.

Fonti Esterne:
  1. Government of The Netherlands. Difference between hard and soft drugs(s). https://www.government.nl/topics/drugs/difference-between-hard-and-soft-drugs. Accessed 5.11.2021. - https://www.government.nl
  2. McVean, Ada. Caffeine is considered a hard drug and cannabis a soft one? McGill Office for Science and Society: Separating Sense from Nonsense. Published 29.11.2017. https://www.mcgill.ca/oss/article/did-you-know/what-makes-hard-drugs-hard-and-soft-drugs-soft. Accessed 5.11.2021. - https://www.mcgill.ca
  3. Is Cannabis a Gateway Drug? Key Findings and Literature Review. National Institute of Justice. https://nij.ojp.gov/library/publications/cannabis-gateway-drug-key-findings-and-literature-review. Accessed November 10, 2021. - https://nij.ojp.gov
  4. Janik, Peter, Kosticova Michaela, Pecenak, Jan, & Turcek, Michal. Categorization of psychoactive substances into 'hard drugs' and 'soft drugs': a critical review of terminology used in current scientific literature. American Journal of Drug and Alcohol Abuse. 2017; Volume 43 (6): 636-646. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28650668/. 5.11.2012 - https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov
Legislazione Notizie
Cerca nelle categorie
o
Cerca