Blog
Cos'è Il Fungo ChagaI
6 min

Cos'è Il Fungo Chaga?

6 min
Prodotti Smartshop

I funghi chaga hanno svolto per lungo tempo un ruolo centrale nelle pratiche olistiche tradizionali. Ma quali effetti genera? Come viene preparato? È sicuro? Leggete questo articolo per scoprirlo.


Il fungo chaga, o Inonotus obliquus, è originario delle regioni più fredde dell'Emisfero Settentrionale e cresce principalmente sui tronchi di betulla. Anche se il suo colore, totalmente nero e simile a carbone, può risultare sgradevole, il fungo chaga racchiude enormi potenzialità come integratore e sostanza adattogena. Proseguite la lettura per acquisire maggiori informazioni sul fungo chaga, la sua storia, gli effetti, il profilo di sicurezza, i vantaggi che può offrire e molto altro.

Cos'è il Fungo Chaga?

Cos'È Il Fungo Chaga?

Il chaga è un fungo parassita, privo di tossicità, appartenente alla famiglia delle Hymenochaetaceae. Utilizza gli alberi come ospiti, sviluppando sulla loro corteccia delle caratteristiche protuberanze nere, simili a bruciature. Per secoli, il chaga è stato utilizzato nella preparazione del tè e di altre bevande artigianali, per promuovere la salute e il benessere. In effetti, questo fungo è ricco di antiossidanti ed altre sostanze potenzialmente benefiche che esamineremo nel dettaglio nei paragrafi successivi.

Dove e Come Cresce il Fungo Chaga?

In natura, l'Inonotus obliquus cresce spontaneamente sugli alberi di betulla, in zone fredde come la Regione Circumborea (che comprende Canada, Europa, Alaska, Russia e la parte nord-orientale degli Stati Uniti). Le spore del fungo penetrano nell'albero attraverso squarci nella corteccia, o rami spezzati. Successivamente, si diffondono nel durame dell'albero (la parte centrale del tronco), e qui possono restare vitali per oltre 80 anni. Quando una parte dell'albero muore a causa dell'infezione micotica, il fungo inizia a sviluppare corpi fruttiferi fertili, sotto la corteccia, i quali a loro volta produrranno spore e contamineranno altri esemplari vulnerabili.

Nelle piantagioni a scopo commerciale, il fungo chaga viene impiantato direttamente negli alberi di betulla di età superiore ai 10 anni. L'operazione viene completata utilizzando uno speciale tassello in legno che contiene il micelio del fungo. Innanzitutto si realizzano dei piccoli fori sulla corteccia dell'albero, nei quali verranno poi inseriti i tasselli. Di solito, in ogni esemplare vengono impiantati dai 4 ai 6 tasselli, ottenendo circa tre gettiti di funghi chaga nel corso di 4–7 anni.

Che Aspetto ha il Fungo Chaga?

Che Aspetto Ha Il Fungo Chaga?

Il chaga ha un aspetto davvero particolare. A differenza degli altri funghi, la parte visibile ad occhio nudo è il micelio, che tende a formare protuberanze di colore nero, simili a carbone. Il corpo fruttifero del fungo, invece, è raramente visibile, poiché si sviluppa sotto la corteccia dell'albero.

Il Chaga Può Essere Considerato una Sostanza Adattogena?

Un adattogeno è una sostanza che, usata come rimedio erboristico, può potenzialmente stabilizzare i processi fisiologici e promuovere l'omeostasi. Secondo molti naturopati, gli adattogeni potrebbero contribuire ad alleviare la tensione, regolarizzare la risposta immunitaria e supportare il naturale equilibrio dell'organismo, migliorandone l'efficienza.

L'Inonotus obliquus è uno dei principali funghi classificati come adattogeni da naturopati e guaritori. Per secoli, il fungo chaga è stato utilizzato per preparare tè ed altre bevande, e ritenuto capace di promuovere la vitalità.

Ad esempio, il chaga svolge un ruolo molto importante nelle tradizioni popolari russe e viene usato anche come rimedio naturale in altre regioni dell'Europa settentrionale. Durante la seconda guerra mondiale, il suo utilizzo aumentò esponenzialmente poiché, oltre all'impiego erboristico, veniva usato anche come sostituto del caffè.

Quali Sono le Forme Più Comuni del Fungo Chaga?

I funghi chaga sono disponibili in vari formati: è possibile acquistare corpi fruttiferi interi, funghi polverizzati ed estratti e tè/infusi pronti all'uso. Tutti questi prodotti racchiudono specifici vantaggi, pertanto la scelta di uno o dell'altro dipende esclusivamente dalle preferenze personali.

Funghi Interi — Freschi o Essiccati

Funghi Chaga Interi — Freschi O Essiccati

In base alla zona in cui vivete, potreste trovare in commercio il chaga fresco oppure essiccato. A differenza di altre specie, come il portobello o lo champignon (che in realtà sono le parti fiorite del fungo), i chaga freschi o essiccati, venduti online o nelle erboristerie, sono porzioni di micelio.

Questi frammenti vengono comunemente lasciati in infusione in acqua calda per alcuni minuti, e creano una bevanda di colore scuro, simile al tè nero, il cui gusto somiglia a quello del caffè.

Tè di Chaga

Tè Di Chaga

Il tè di chaga preconfezionato è un altro formato molto diffuso e venduto in tutto il mondo, soprattutto nelle aree in cui il fungo intero, fresco o essiccato, è difficilmente reperibile. Questi tè possono variare notevolmente a seconda del produttore, ma di solito contengono un mix di erbe e spezie, concepito per mascherare il sapore del chaga (piuttosto amaro e terroso), ed arricchire l'infuso di ulteriori proprietà benefiche.

Se è la prima volta che sentite parlare di tè di chaga, o l'avete già assaggiato ma non apprezzate particolarmente il suo sapore intenso, potete fare un tentativo usando una bustina di tè preconfezionato. Questi tè pronti all'uso contengono dosi di chaga inferiori rispetto a quelli ottenuti dal fungo essiccato, fresco o polverizzato. Tuttavia, rappresentano un buon punto di partenza per esplorare le potenzialità del chaga.

Chaga in Polvere — Polvere o Estratto

Chaga In Polvere — Polvere O Estratto

Il chaga in polvere è disponibile in due formati: essiccato e polverizzato, oppure concentrato.

Il primo si ottiene essiccando e riducendo in polvere l'intero fungo e contiene la stessa quantità di principi attivi presenti in un frammento intero di chaga essiccato.

Il concentrato, invece, si ricava concentrando le sostanze all'interno del fungo chaga in una polvere finissima. Questo estratto in polvere contiene dosi molto più elevate di antiossidanti ed altre molecole rispetto a quelle rilevabili in una porzione di fungo essiccato.

Tintura

Cos'È Il Fungo Chaga Tintura

Le tinture di funghi sono disponibili in diverse formulazioni. In linea di massima, però, si ricavano estraendo i principi attivi essenziali del chaga e condensandoli in una piccola quantità di liquido (il metodo più utilizzato è l'estrazione con etanolo, impiegato anche per creare estratti con erbe e piante).

La tintura ottenuta contiene elevatissime concentrazioni di antiossidanti ed altre sostanze, e può essere somministrata in dosi ridotte. Anche le tinture rappresentano un'eccellente alternativa per chi non gradisce il sapore del tè di chaga.

Effetti e Reazioni Avverse del Fungo Chaga

Effetti E Reazioni Avverse Del Fungo Chaga

Come accennato in precedenza, i funghi chaga sono stati utilizzati per lungo tempo come rimedi tradizionali e nelle antiche pratiche olistiche. Tuttavia, come spesso accade con molte altre preparazioni erboristiche, non sono state svolte ricerche sufficienti su questi funghi, la loro composizione chimica e il loro meccanismo d'azione. Pertanto, la comunità scientifica solleva ancora dei dubbi riguardo il profilo di sicurezza e i vantaggi per la salute offerti dal fungo chaga.

Ad ogni modo, possiamo analizzare più approfonditamente le informazioni a nostra disposizione per aprire la strada ad ulteriori indagini sul fungo chaga.

Quali Vantaggi Offre il Fungo Chaga?

Quali Vantaggi Offre Il Fungo Chaga?

Gli studi dimostrano che l'Inonotus obliquus è ricco di antiossidanti. Il fungo chaga si colloca in una posizione piuttosto elevata nella graduatoria ORAC (usata per misurare l'attività antiossidante di varie sostanze), superando altri “super cibi” ed alimenti salutistici come bacche di acai, bacche di goji, cavolo riccio (o kale) e prugne. Il fungo è anche ricco di vitamine B, potassio, rubidio, cesio, amminoacidi, fibre, zinco, ferro e molti altri minerali e nutrienti essenziali.

Notando l'elevata concentrazione di queste sostanze, gli scienziati hanno cercato di individuare i potenziali effetti benefici del fungo chaga sull'organismo umano.

Il Chaga Può Causare Effetti Collaterali Negativi?

Non esistono dati certi riguardo gli effetti collaterali e il profilo di sicurezza del fungo chaga. Tuttavia, i funghi chaga, e i prodotti derivati in polvere o concentrati, sono generalmente ben tollerati dalla maggior parte degli individui sani.

Il Chaga Genera Effetti Psicoattivi?

Il Chaga Genera Effetti Psicoattivi?

No. L'Inonotus obliquus in forma fresca, essiccata, polverizzata o concentrata non produce alcun effetto inebriante o psichedelico. L'assunzione di tè di chaga o di tintura di chaga non genera euforia, vibrazioni energizzanti o sonnolenza. Gli effetti del tè chaga sono pressoché simili a quelli generati da qualsiasi altro tè.

Articolo correlato

9 Droghe (Legali) Che Inducono Un Viaggio Psichedelico

Il Chaga Può Essere Nocivo?

Il chaga è considerato sicuro e privo di tossicità da molte autorità sanitarie di Europa, Regno Unito, America del Nord ed altre aree del mondo. Tuttavia, come accennato in precedenza, in alcune circostanze è consigliabile consultare un medico prima di assumere chaga, in particolare se si stanno utilizzando altri farmaci o si è affetti da gravi patologie, e durante la gravidanza e l'allattamento.

Come Utilizzare il Chaga

Come Utilizzare Il Chaga

Il modo più semplice per assumere il fungo chaga è lasciandolo in infusione per ottenere un tè. Seguite le istruzioni qui sotto per preparare un ottimo tè di chaga a casa vostra, usando il fungo fresco, essiccato, polverizzato o concentrato.

Usare il Fungo Chaga Essiccato

Se siete in grado di procurarvi i funghi chaga freschi o essiccati, potete seguire questa procedura:

  1. Lavate accuratamente i funghi con acqua fredda, ed usate dei tovaglioli di carta per rimuovere eventuali residui di terra o sporcizia.

  2. Inserite i funghi in un piccolo tegame, aggiungete 2–3 tazze d'acqua e portate a bollore.

  3. Abbassate la fiamma e continuate a cuocere i funghi a fuoco lento per almeno 20 minuti. Se necessario, versate altra acqua nel tegame.

Ricordate che i pezzi di chaga molto grandi dovranno cuocere più a lungo.

Usare il Fungo Chaga in Polvere

Preparare un tè di chaga con il fungo polverizzato è davvero semplicissimo. Versate 2–3 cucchiaini di chaga in polvere in una tazza di acqua bollente e lasciate in infusione per almeno 5 minuti. Potete usare una caffettiera a stantuffo per preparare molteplici tazze di tè in una sola volta.

Usare Tinture di Chaga

Usare Tinture Di Chaga

Le tinture di chaga sono concepite per la somministrazione orale. Sono spesso dotate di contagocce per un dosaggio più accurato oppure vengono racchiuse in capsule morbide monodose. Per questo tipo di prodotti, è consigliabile seguire le istruzioni e il dosaggio indicati nella confezione.

Quanto Chaga è Consigliabile Assumere?

La dose di chaga dipende dal tipo di prodotto utilizzato e dagli effetti che si desidera ottenere. Seguite queste linee guida generali per capire come dosare il tè di chaga:

  • Per il tè preparato con funghi chaga essiccati: Usare 3–4 frammenti piccoli di funghi (circa 3–5cm di lunghezza) per ottenere 1 litro di tè.

  • Per il tè preparato con chaga in polvere: Usare 2–3 cucchiaini di chaga in polvere per ogni tazza di tè.

  • Per le tinture o gli estratti di chaga: Seguire le istruzioni d'uso stampate sulla confezione del prodotto.

Articolo correlato

Come Fare Le Tue Tinture Di Erbe A Casa

Dopo Quanto Tempo Si Manifestano gli Effetti del Chaga?

Tenete presente che il chaga non genera effetti immediatamente visibili, tranne una sensazione piacevole e delicata, che si otterrebbe anche bevendo qualsiasi altro tipo di tè. I potenziali vantaggi del tè di chaga, descritti in precedenza, non emergono istantaneamente: come avviene con altre sostanze adattogene (come pollini o maca in polvere, ad esempio), i vantaggi del chaga si manifestano nel corso del tempo, con un utilizzo regolare e prolungato. In genere, si raccomanda di assumere il chaga per almeno 3–4 settimane per trarre il massimo vantaggio dalle sue proprietà benefiche.

Come Conservare il Chaga

Come Conservare Il Chaga

È preferibile conservare il chaga essiccato o in polvere in un recipiente a chiusura ermetica. Tenete il contenitore in luogo asciutto e buio (ad esempio una credenza o un ripostiglio), per conservare il più a lungo possibile la polvere o i frammenti essiccati.

Il Chaga Può Deteriorarsi?

Come ogni altro fungo, il chaga fresco tende ad avvizzire rapidamente. Per questo viene venduto principalmente in forma essiccata o polverizzata. I funghi chaga essiccati, o in polvere, si mantengono integri per almeno 3 mesi se conservati in un contenitore ermetico in luogo fresco, buio ed asciutto.

Conclusioni—Le Straordinarie Virtù del Fungo Chaga

Conclusioni—le Straordinarie Virtù Del Fungo Chaga

Come abbiamo appreso in questo articolo, il chaga è stato per lungo tempo un elemento centrale delle tradizioni popolari di varie regioni dell'Emisfero Settentrionale per via delle sue potenziali proprietà benefiche. Ancora non conosciamo l'esatto meccanismo d'azione di questo fungo e i suoi specifici effetti. Tuttavia, il chaga è considerato privo di tossicità e generalmente sicuro, quindi può essere usato come integratore da chi ha a cuore la propria salute e il proprio benessere.

Steven Voser

Scritto da: Steven Voser
Steven Voser è un giornalista internazionale freelance, nominato per un Emmy Award, e dotato di grande esperienza. Grazie alla sua passione per tutto ciò che riguarda la cannabis, dedica attualmente molto del suo tempo ad esplorare il mondo dell'erba.

Scopri i nostri scrittori

Read more about
Prodotti Smartshop
Cerca nelle categorie
o
Cerca