Blog
Filtri A Carbone Per Controllare L’odore Di Cannabis
6 min

Come Usare I Filtri A Carbone Per Controllare L’odore Di Cannabis

6 min
Coltivazione Seedshop

Un filtro a carbone potrebbe non sembrare un investimento molto utile, ma è una parte essenziale dell’arsenale del coltivatore di cannabis discreto, indipendentemente dall’esperienza o dal tipo di coltivazione. Continua a leggere per scoprire cosa fa esattamente un filtro a carbone e come crearne uno personalizzato.

Spesso si legge la guida alla coltivazione della cannabis per principianti e si tralascia una componente cruciale. Un filtro a carbone potrebbe non sembrare essenziale per la coltivazione di erba, ma se ne fai a meno potresti ricevere molte attenzioni indesiderate.

Perché Usare un Filtro a Carbone Quando Si Coltiva Cannabis?

Perché Usare un Filtro a Carbone Quando Si Coltiva Cannabis?

La marijuana può avere un profumo fantastico per i coltivatori e gli appassionati, ma il suo aroma può facilmente fuoriuscire da un piccolo spazio di coltivazione. Inoltre, se non vengono controllate, 2–3 piante possono produrre abbastanza odore da rendere i tuoi vicini molto curiosi dei tuoi hobby. Se ti sembra una situazione che desideri evitare, è il momento di investire in un filtro a carbone.

In sostanza, un filtro a carbone funziona filtrando i composti aromatici emanati dai fiori di cannabis. “Sfregando” le molecole aromatiche attraverso il carbone attivo, l’odore delle tue amate piante di cannabis rimane contenuto all’interno della tua grow box o stanza di coltivazione. I filtri a carbone sono un modo economico, semplice e molto efficace per essere sicuro che i tuoi vicini (o chiunque altro) non se ne possa accorgere.

Articolo correlato

Come Eliminare L’Odore Di Cannabis

Come Funziona un Filtro a Carbone

Come Funziona un Filtro a Carbone

Un filtro a carbone è essenzialmente un tubo gigante riempito di carbone attivo. Quando l’aria passa attraverso il tubo, il carbone neutralizza gli odori contenuti, espellendo solo aria pulita. Avrai bisogno di associare il tuo filtro a carbone ad una ventola di scarico e ad un posto sicuro per sfiatare l’aria pulita. Se lo farai, l’odore delle tue cime rimarrà certamente nascosto.

Carbone Attivo

Forse ti starai chiedendo perché usare il carbone attivo per filtrare l'odore della cannabis? Fortunatamente per i coltivatori di cannabis, il carbone ha una vasta superficie. Un solo grammo di carbone attivo ha una superficie fino a 3.000m². Questo lo rende un filtro eccezionale ed uno strumento perfetto per trattenere l’odore delle piante di cannabis in fiore.

Quando composti aromatici come i terpeni viaggiano attraverso il carbone attivo, si legano a questo materiale anziché passare nell’ambiente circostante. Il carbone attivo è un materiale eccellente per assorbire non solo i terpeni, ma anche muffe, polvere, polline e sostanze inquinanti.

Quali Sono i Diversi Tipi di Filtri a Carbone?

Quali Sono i Diversi Tipi di Filtri a Carbone?

Esistono due tipi di filtri a carbone: granulari e a blocchi. I filtri granulari sono comuni nei grow box, mentre i filtri a blocchi sono più grandi e più adatti alle esigenze di filtrazione di vaste aree di coltivazione.

La maggior parte dei filtri a carbone granulari hanno un aspetto simile: una forma cilindrica con un ingresso di diversi centimetri di diametro ed una rete esterna in alluminio. Alcuni sono monouso (il carbone attivo è sigillato all’interno), mentre altri (di solito le opzioni più costose) consentono di sostituire l’elemento filtrante. A seconda della frequenza con cui coltivi e di quante piante hai, un filtro a carbone dovrebbe accompagnarti attraverso diversi raccolti.

Quali Sono le Dimensioni Necessarie del Filtro a Carbone?

Quali Sono le Dimensioni Necessarie del Filtro a Carbone?

Come abbiamo evidenziato, un grammo di carbone attivo filtra un’incredibile quantità di terpeni. Non devi però preoccuparti solo della dimensione complessiva del filtro, ma dell'intero sistema di scarico. Avrai bisogno di un filtro a carbone che sia abbastanza grande da far passare l’aria attraverso di esso mantenendo comunque un leggero vuoto all’interno della tua grow box o stanza di coltivazione.

Dovrai scegliere il tuo filtro a carbone in base al volume d’aria che devi purificare. Il volume d’aria è misurato in metri cubi all’ora (m³/h) e la ventola di scarico dovrebbe avere un’etichetta con i m³/h da qualche parte. La chiave è assicurarsi che il filtro al carbone abbia una capacità di estrazione d’aria in m³/h uguale o inferiore alla ventola. Ciò garantisce che la ventola sia abbastanza potente da svolgere bene il proprio lavoro e muovere l’aria in modo efficiente attraverso il filtro a carbone.

Ma non preoccuparti troppo: normali filtri a carbone e ventole di aspirazione dovrebbero essere più che sufficienti per affrontare l’odore di una coltivazione domestica.

Articolo correlato

La Ventilazione Nella Camera Di Coltivazione

Dove Mettere un Filtro a Carbone Nella Tua Stanza di Coltivazione

Dove Mettere un Filtro a Carbone Nella Tua Stanza di Coltivazione

Posizionare un filtro al carbone nella tua grow room può rivelarsi difficile, ma solo perché ci sono diverse opzioni tra cui scegliere. Per la maggior parte dei coltivatori, il sistema di estrazione dell’aria sarà probabilmente simile all’esempio seguente.

  1. La ventola di estrazione andrà all’interno dello spazio di coltivazione, con il filtro a carbone all’esterno (un tubo collega i due componenti). Dovrai evitare una lunghezza eccessiva dei tubi poiché questo influisce sulla portata in m³/h, quindi cerca di non posizionare il filtro a carbone troppo lontano dalla ventola.

    Per aiutare a far uscire l’aria, puoi posizionare il filtro al carbone vicino ad una finestra, ma ancora una volta dovrai considerare la posizione della tua ventola. Puoi lasciare che il tuo filtro a carbone sfiati l’aria purificata direttamente nella stanza in cui si trova la tua grow box, ma assicurati che le piante abbiano anche accesso ad aria fresca tramite una presa d’aria.

  2. Una configurazione alternativa consiste nel cambiare la posizione del filtro a carbone e metterlo all’interno della tenda. Collega il condotto alla ventola di scarico e mettilo direttamente su una finestra per sfiatare l’aria purificata al di fuori del tuo spazio di coltivazione. In definitiva, tutto dipende dalla tua configurazione e da quale opzione è più fattibile.

Come Realizzare un Filtro al Carbone Fai da Te

Come Realizzare un Filtro al Carbone Fai da Te

La buona notizia è che non devi preoccuparti di sborsare un sacco di soldi per beneficiare dei vantaggi di riduzione degli odori offerta da un filtro a carbone. È del tutto possibile creare un filtro a carbone fai da te utilizzando l’attrezzatura e i passaggi descritti di seguito.

Attrezzatura per Filtro a Carbone Fai da Te

  • Rotolo di rete in alluminio o rete da pollaio
  • Adattatore in PVC da 10–15cm di diametro
  • Tappo a vite per l’adattatore (tappo e adattatore in PVC devono avere circa lo stesso diametro)
  • Rotolo di nastro adesivo
  • Rotolo di ovatta per cappe da cucina
  • Tubo flessibile compatibile con il diametro dell’adattatore in PVC
  • Cesto circolare con fori o cesto da lavanderia preferibilmente in plastica e con coperchio
  • Carbone attivo (preferibilmente in pellet)

Istruzioni Passo-Passo per il Filtro a Carbone Fai da Te

Istruzioni Passo-Passo per il Filtro a Carbone Fai da Te

  1. Crea una forma a tubo con un diametro che corrisponda al tappo a vite dalla rete metallica e tappa un’estremità con il tappo a vite in PVC. Attacca i pezzi con del nastro adesivo.

  2. Posiziona il tubo a rete che hai appena realizzato in posizione verticale nel cesto. Taglialo alla stessa altezza del cesto. Collega l’altra estremità del tubo a rete con l’adattatore e fissala di nuovo con del nastro adesivo.

  3. Srotola l’ovatta per cappe e piegala in due per il lungo. Assicurati che la larghezza dell’ovatta ripiegata sia la stessa di quella del tubo a rete. Probabilmente dovrai tagliarla per adattarla.

  4. Fissa un’estremità dell’ovatta al tubo a rete. Usa solo un pezzo di nastro adesivo per mantenere l’ovatta in posizione mentre la arrotoli, come useresti una piccola quantità di nastro per avvolgere la carta da regalo su un pacchetto.

  5. Arrotola il tubo a rete nell’ovatta fino a quando non è completamente coperto e l’ovatta si sovrappone leggermente. Taglia e fissa entrambe le estremità con il nastro adesivo.

  6. Ora usa la stessa dimensione di ovatta ripiegata per imbottire i lati interni del cesto. Rivesti di nastro i bordi superiori per tenerla in posizione.

  7. Metti il tubo a rete al centro del cesto (in posizione verticale, con il tappo a vite sul fondo) e riempi lo spazio tra il tubo a rete e i lati del cesto con il carbone attivo. Se ti sembra di dover utilizzare troppo carbone per riempire lo spazio vuoto, aumenta lo spessore del tubo a rete con più ovatta. Tieni presente che uno strato di carbone spesso 26mm è considerato ottimale.

  8. Aggiungi ovatta in alto per coprire il carbone rimasto esposto. Quindi, ritaglia il centro del coperchio del cesto in modo che l’adattatore in PVC possa attaccarsi verso l’alto attraverso il foro. Se lo desideri, fissa il coperchio del cesto con del nastro adesivo.

  9. Collega il tubo flessibile all’adattatore in PVC, collega l’altra estremità all’uscita di una ventola di estrazione dell’aria e hai terminato! Un filtro a carbone molto economico e funzionale al tuo servizio!

Manutenzione di un Filtro a Carbone

Manutenzione di un Filtro a Carbone

Onestamente, la manutenzione di un filtro a carbone non potrebbe essere più semplice, in quanto non è richiesta alcuna manutenzione! Se hai scelto l’opzione fai da te ed il filtro è sigillato correttamente, puoi lasciare che il filtro a carbone faccia il suo dovere. Un filtro a carbone solitario è più che sufficiente per diverse coltivazioni.

Se noti odore di cannabis che si accumula, è il momento di pensare a cambiare del tutto il filtro o di sostituire l’elemento filtrante/carbone al suo interno.

Hai Bisogno di un Filtro a Carbone per Coltivare Cannabis?

Hai Bisogno di un Filtro a Carbone per Coltivare Cannabis?

No, un filtro a carbone non aiuterà le tue piante di cannabis a fiorire e non influirà sulla loro qualità o resa. Ma dal punto di vista della praticità, impedisce alle persone di sentire l'odore di cannabis proveniente dalla tua casa, appartamento o stanza.

Articolo correlato

Le 10 Varietà Di Cannabis Meno Profumate Per Minimizzare Gli Odori

Ha senso includere un filtro a carbone nella tua grow box o stanza di coltivazione praticamente in tutti gli scenari. I filtri a carbone attivo sono economici, con una manutenzione incredibilmente bassa e durano a lungo. Ed a fronte dei cinque minuti necessari ad aggiungerne uno alla tua zona di coltivazione, forse un po’ di più se prendi il percorso fai-da-te, lo sforzo si ripaga dieci volte perché la tua operazione rimarrà sempre discreta e fuori dai radar.

Zamnesia

Scritto da: Zamnesia
Zamnesia ha passato anni a perfezionare le sue linee di prodotti e la sua conoscenza di tutte le cose psichedeliche. Spinta dallo spirito di Zammi, Zamnesia si impegna a offrirti contenuti accurati, pratici e informativi.

Scopri i nostri scrittori

Read more about
Coltivazione Seedshop
Cerca nelle categorie
o
Cerca