Blog
Come Aumentare Il THC Con La Luce UV
6 min

Come Aumentare Il THC Con La Luce UV

6 min
Coltivazione Seedshop

Coltivare cannabis può essere molto divertente e i coltivatori sono sempre alla ricerca di nuovi trucchi per spingere la loro erba al livello successivo. Ebbene, la luce UV-B potrebbe essere proprio quello che fa per voi. Usata correttamente, può rendere la vostra erba fino ad un 25% più forte!

L'obiettivo di quasi tutti i coltivatori è massimizzare la potenza dei propri raccolti. Dopotutto, è proprio per questo che coltiviamo: per goderci gli effetti del prodotto finale. La buona notizia è che comprendendo il ruolo svolto dalle diverse parti dello spettro luminoso è possibile migliorare il contenuto di THC delle cime, raggiungendo incredibili concentrazioni del 28%! Continuate a leggere per scoprire come potete aumentare considerevolmente la potenza delle vostre cime introducendo un po' di UV-B nelle vostre colture di cannabis.

Come la Luce UV Influisce sulle Piante di Cannabis

Come La Luce Uv Influisce Sulle Piante Di Cannabis

La luce ultravioletta (luce UV) è un intervallo di lunghezza di onda luminosa, la cui frequenza è la più alta nello spettro visibile dall'occhio umano. Quasi tutte le forme di vita sulla Terra fanno in qualche maniera affidamento sui raggi UV, principalmente per la produzione di vitamina D. Le piante, come probabilmente saprete, effettuano la fotosintesi per produrre energia e svolgere le loro funzioni fisiologiche.

Esistono tre tipi distinti di luce ultravioletta: UV-A, UV-B e UV-C. Ciascuna ha effetti leggermente diversi ed è importante sapere quali di queste state usando e di quale tipo hanno bisogno le vostre piante. Usando il tipo sbagliato, potreste fare più male che bene.

UV-A

UV-A

Questa è anche nota come luce a onde lunghe, luce nera o UV soffusa. Quando viene emessa dal sole, non viene assorbita dall’atmosfera terrestre. Ha la lunghezza d’onda più lunga dei 3 tipi di UV e, come tale, è la meno ionizzante, ovvero la meno dannosa.

Questo tipo di luce UV proietta una luce viola spettrale e viene usata per illuminare materiali e superfici mettendo in risalto particolari altrimenti invisibili. È una parte essenziale della vita sulla Terra, ma svolge un ruolo altrettanto importante per le piante di cannabis e per la loro produzione di THC.

UV-B

UV-B

Questo tipo di UV ha la seconda lunghezza d’onda più corta (o più lunga) di tutti i tipi di UV e, come tale, è ionizzante, ovvero può causare danni. È questa luce che spinge il corpo a produrre vitamina D e melanina (che abbronza la pelle a scopo protettivo). Tuttavia, è anche quella che può danneggiare le cellule, causando il cancro della pelle. Viene anche chiamata radiazione UV intermedia e radiazione Dorno.

Per fortuna, l’atmosfera terrestre funge da barriera. Sebbene alcuni UV-B riescano a penetrare attraverso l'atmosfera terrestre, fornendoci un ingrediente essenziale per la nostra vita, la stragrande maggioranza di questi raggi viene assorbita dallo strato di ozono, mantenendoci al sicuro.

UV-C

UV-C

UV-C è il tipo di radiazione ultravioletta con la lunghezza d’onda più corta e, quindi, la più ionizzante. Per fortuna, quando le lunghezze d’onda delle radiazioni si accorciano e diventano più pericolose, tendono a diventare anche meno penetranti. Infatti, molti dei tipi più pericolosi di radiazioni sulla Terra non possono nemmeno penetrare la nostra pelle. L’UV-C non riesce a penetrare attraverso l’atmosfera terrestre e non svolge un ruolo naturale nei processi vitali.

Viene anche chiamata luce UV a onde corte, UV forte e UV germicida. Esistono infatti alcuni sistemi che utilizzano i raggi UV-C per purificare l’acqua.

Articolo correlato

Scegliere La Giusta Luce Per La Tua Coltivazione

La Luce UV Fa Bene alle Piante di Cannabis?

La Luce UV Fa Bene Alle Piante Di Cannabis?

Se volete aumentare la produzione di THC[1], sì. Nello specifico, maggiori livelli di luce UV-B (usati correttamente) possono aumentare il contenuto di THC delle vostre piante di cannabis. Alcuni sostengono fino al 28%!

Le concentrazioni degli altri cannabinoidi, come il CBD, non vengono invece influenzate dall’aumento dei livelli di UV-B, né la struttura fisiologica e morfologica della pianta. È interessante notare che la ricerca suggerisce che l’aumento di THC nelle piante di marijuana potrebbe essere paragonabile ad un aumento della melanina (l’ormone che fa abbronzare la pelle) negli esseri umani. È stato scoperto che le piante con un contenuto di THC più elevato hanno una maggiore resistenza agli effetti nocivi delle radiazioni UV-B. Potremmo dire che quando le piante di cannabis aumentano il loro contenuto di THC, si stanno essenzialmente abbronzando!

Vantaggi della Luce UV per le Piante di Cannabis

Come accennato, l’uso della luce UV-B può aumentare la potenza (correlata al THC) della vostra pianta di cannabis fino al 28%. Tuttavia, coltivando in casa, gli incrementi tendono ad essere leggermente inferiori.

Svantaggi della Luce UV per le Piante di Cannabis

Svantaggi Della Luce UV Per Le Piante Di Cannabis

Ci sono un paio di svantaggi nell’usare delle luci UV molto forti in una coltivazione di cannabis.

Il primo è l’elevato rischio di eccedere con la luce UV, a causa della troppa potenza o delle luci troppo vicine alle piante. Se ciò dovesse accadere, le piante potrebbero facilmente risentirne o morire, il che lo rende più problematico che benefico.

Allo stesso modo, le lampade UV-B possono essere costose, in quando distribuite solo da aziende specializzate. Poiché la frequenza e l’intensità della luce devono essere adattate alle esigenze specifiche delle piante di cannabis, qualsiasi vecchio modello di lampada UV-B potrebbe non funzionare. È una di quelle aggiunte che, se avete davvero intenzione di implementarla, dovete usarla correttamente.

Infine, la luce UV-B può danneggiare non solo le vostre piante, ma anche voi e la vostra attrezzatura. Vi accorgerete che gli strumenti posti al di sotto di questa luce tendono a sbiancare e a degradarsi più velocemente, il che significa che dovrete sostituirli con più frequenza. Inoltre, è consigliabile indossare degli occhiali da sole specificamente progettati per lavorare nelle grow room, poiché gli occhiali da sole normali potrebbero non avere lenti abbastanza forti da respingere l’intensità di questa luce. Se coltivate in una grow room di grandi dimensioni, vi consigliamo di coprire anche la pelle per proteggerla dall’esposizione prolungata alla luce ultravioletta dannosa.

Detto questo, se siete seriamente intenzionati a coltivare e volete spingere al limite la potenza della vostra cannabis, potrebbe valere la pena seguire questi passaggi per ottenere un’erba fortissima!

Sono Necessarie delle Lampade UV Specificamente Progettate per la Cannabis?

Sono Necessarie Delle Lampade UV Specificamente Progettate Per La Cannabis?

Dipende. Ci sono aziende che affermano di realizzare lampade con LED a spettro completo specificamente progettate per coltivare e soddisfare tutte le esigenze della pianta di cannabis. Ma la loro effettiva efficacia non è ancora ben chiara.

Tuttavia, possiamo dirvi che molte delle lampade vendute come “a spettro completo” emettono in realtà solo l’intero spettro di luce visibile. Anche se sembrano emanare una luce fantastica, potrebbero non offrire alcun beneficio aggiuntivo alle colture. Le piante non hanno bisogno di una luce intensamente luminosa, bensì di una luce forte. L’uomo percepisce i lumen, la quantità di luce emessa da una sorgente luminosa. Le piante, invece, percepiscono i PAR (radiazioni fotosinteticamente attive), ovvero l'energia della luce intercettata dalla clorofilla. Molte lampade a spettro completo sono progettate pensando ai lumen e non ai PAR.

Inoltre, dovreste tenere separate le lampade, perché quando le piante si avvicinano alla maturità richiedono una luce rossa con una lunghezza d’onda più lunga. Questa imita la variazione dell'angolo di incidenza dei raggi solari sulla superficie terrestre ed il passaggio dall’estate all’autunno. È questo cambiamento che avverte le piante che è arrivato il momento di fiorire. Questa transizione è più facile da gestire se avete lampade diverse.

Un ultimo vantaggio di avere una lampada UV-B separata è che potete regolare la distanza separatamente dal resto delle luci, il che vi permette di controllare con precisione l’esposizione delle piante alla luce. Poiché l’introduzione di un impianto di illuminazione a raggi UV serve ad ottimizzare le colture, tanto vale andare fino in fondo.

Detto questo, se riuscite a mettere le mani su una lampada a LED “tutto-in-uno” specificamente progettata per la coltivazione, lavorerete con molta più facilità e consumerete molta meno energia.

Si Può Coltivare Cannabis Usando una Luce Nera?

No. Non è abbastanza forte e la sua lunghezza d’onda non va bene per la marijuana. Forse usando una lampada estremamente potente potreste ottenere qualche risultato, ma il gioco non vale la candela.

Articolo correlato

LED Per La Coltivazione - Il Futuro Della Coltivazione Indoor Della Cannabis

Come Fornire Luce UV alle Piante di Cannabis

Come Fornire Luce UV Alle Piante Di Cannabis

Dovrete regolare la concentrazione dei raggi UV a cui sottoponete le vostre piante a seconda della fase in cui si trovano. In sostanza, l'obiettivo dell’illuminazione artificiale è ricreare la luce del sole nei diversi momenti dell’anno. E i livelli di luce UV cambiano a seconda dell’altezza del sole. Qui di seguito vi spiegheremo di quanta luce UV hanno bisogno le vostre piante in ogni fase.

Stadio di Plantula

Non sappiamo quanto sia efficace in questo stadio di sviluppo. In caso di dubbi, spegnetela del tutto per le giovani piantine. Sebbene i livelli di luce solare possano essere alti quando le piantine nascono in natura, le luci indoor possono essere molto intense e le piantine giovani sono fragile. In questa fase della crescita, l'importante è assicurarsi che abbiano un buon inizio e che crescano fin da subito forti e sane, piuttosto che ossessionarsi per ottimizzare le rese. Potete sempre aumentare l’illuminazione durante la fase vegetativa, ma finché sono giovani è meglio trattarle con delicatezza.

Fase Vegetativa

In questa fase potete aumentare considerevolmente la luce UV (nei limiti del ragionevole). In natura, le piante crescono in fase vegetativa per tutta l’estate, quando il sole è più forte. Dando loro una buona dose di luce UV, le piante sapranno che non hanno bisogno di allungarsi per competere una con l'altra e che possono quindi usare le loro energie per crescere sane e folte. Così facendo, svilupperanno più foglie, che a loro volta permetteranno una maggiore fotosintesi, ottenendo così più energia. Non vorrete certo bruciarle, ma per spingerle al limite dovrete usare uno spettro di luce più forte e completo.

Fase di Fioritura

È arrivato l’autunno ed il sole sta calando nel cielo. Man mano che si abbassa, una maggiore quantità di raggi viene assorbita dall’atmosfera terrestre, specialmente quelli UV-B. Quindi, è meglio diminuire o spegnere del tutto le lampade UV-B in questa fase. Le piante avranno completato la maggior parte della loro crescita e, ora, si concentreranno solo sulla produzione di cime.

Detto questo, se siete in grado di regolarla raggiungendo livelli ottimali, allora otterrete i migliori risultati.

Articolo correlato

Controllare La Fioritura Di Cannabis Con La Privazione Della Luce

Le Lampade UV per la Cannabis Sono Sicure?

Le Lampade UV Per La Cannabis Sono Sicure?

Sì, a condizione che le acquistiate di qualità da un rivenditore affidabile. In questo caso, non dovreste avere problemi diversi da quelli riscontrabili con altre lampade. Il rischio maggiore sono i danni agli occhi e alla pelle. Quindi, prendete sempre tutte le precauzioni necessarie. Sebbene possa non sembrare doloroso, l’esposizione ripetuta e prolungata a queste luci può danneggiare gli occhi a lungo termine. Non vale la pena rischiare!

A parte questo, l’unico altro pericolo è che vi facciate prendere dall’entusiasmo bruciando le piante. Tenete d’occhio le foglie ed assicuratevi che non inizino a mostrare segni di bruciatura.

Zamnesia

Scritto da: Zamnesia
Zamnesia ha passato anni a perfezionare le sue linee di prodotti e la sua conoscenza di tutte le cose psichedeliche. Spinta dallo spirito di Zammi, Zamnesia si impegna a offrirti contenuti accurati, pratici e informativi.

Scopri i nostri scrittori
Dichiarazione Di Non Responsabilità:
Non stiamo facendo affermazioni mediche. Questo articolo è stato scritto solamente per scopi informativi ed è basato su ricerche pubblicate da fonti esterne.

Fonti Esterne:
  1. Uv-b radiation effects on photosynthesis, growth and cannabinoid production of two cannabis sativa chemotypes - https://onlinelibrary.wiley.com

Read more about
Coltivazione Seedshop
Cerca nelle categorie
o
Cerca