Blog
Olio Di Cocco Alla Cannabis
6 min

Come Preparare Olio Di Cocco Alla Cannabis

6 min
Headshop Recipes

Se vi piacciono gli edibili dovete assolutamente provare l’olio di cocco alla cannabis, un’alternativa gustosa, salutare e vegana al burro di cannabis. È facile da preparare e può rendere più “piccanti” le vostre ricette. Continuate a leggere per sapere tutto sull’olio di cocco alla cannabis, seguito da una facile ricetta da fare a casa vostra.

L’olio di cocco alla cannabis è la versione più sana del burro alla cannabis. Potete usarlo per fare pane e torte, aggiungerlo a frullati e frappè o semplicemente versarne un cucchiaino nel vostro caffè del mattino.

A differenza del suo cugino a base di latte, l’olio di cocco alla cannabis è vegano (e senza glutine). La parte migliore? Offre quel piacevole (e delicato) tocco tropicale. Grazie al suo alto contenuto di grassi, l’olio di cocco va bene per fare edibili tanto quanto il burro di cannabis. Per loro natura, i cannabinoidi sono lipofili e si dissolvono facilmente nei grassi.

Senza ulteriori indugi, diamo un’occhiata all’uso dell’olio di cocco alla cannabis, seguito da una ricetta semplicissima che potete fare a casa vostra!

Per Cosa Viene Utilizzato L’Olio Di Cocco Alla Cannabis?

PER COSA VIENE UTILIZZATO L’OLIO DI COCCO ALLA CANNABIS?

Esattamente come la cannabis, l’olio di cocco è una sostanza versatile. Come tale, potete usarlo nei modi più svariati. Inoltre, rispetto al burro alla cannabis, ha più usi e non si limita alla sola cucina. Detto questo, l’olio di cocco alla cannabis è un ingrediente fantastico da aggiungere a tutti i tipi di edibili dolci e salati. Proprio come l’olio per cucinare, potete usarlo per preparare dolci o piatti degni di una stella Michelin.

La cosa fantastica è che può essere anche aggiunto facilmente a caffè, tè o frullati ed assunto di primo mattino per ottenere un piacevole effetto “wake-and-bake” senza la necessità di fumare. O che ne dite di aggiungere un pizzico di note tropicali e di cannabis al vostro spuntino preferito post-lavoro? Come vedete, le possibilità culinarie sono infinite.

Per ulteriori idee su come preparare gli edibili, date un’occhiata alle nostre 10 migliori ricette a base di cannabis. E se avete un debole per i dolci, consultate la nostra lista delle 5 migliori ricette per fare biscotti alla cannabis.

Per i consumatori di cannabis attenti alla salute, gli edibili offrono un modo più pulito e salutare di assumere cannabinoidi. Questi benefici vengono valorizzati al massimo quando si usa un ingrediente naturale come l’olio di cocco. Nessun fumo puzzolente o sottoprodotti tossici, solo la ricchezza di tutte le sostanze nutritive contenute nell’olio insieme ai preziosi cannabinoidi e terpeni della cannabis.

Articolo correlato

Vantaggi E Svantaggi Degli Edibili

Ma l’olio di cocco alla cannabis non viene usato solo in cucina. Potete anche applicarlo come una formula topica. Usandolo così com’è o mescolato con aloe vera o cera d’api, può agire come una pomata ad azione lenitiva. Se fate attenzione, potete persino usarlo come lubrificante personale in camera da letto (non usatelo con i preservativi poiché l’olio di cocco tende ad allentarli).

Le Migliori Varietà Di Cannabis Per Fare L’Olio Di Cocco

LE MIGLIORI VARIETÀ DI CANNABIS PER FARE L’OLIO DI COCCO

La scelta della migliore varietà di cannabis da aggiungere nell’olio di cocco dipende solo da voi! Forse gradite gli effetti da “inchioda-divano” delle indica o magari preferite gli “high” cerebrali delle sativa. Oppure vi piacciono entrambi, a seconda dell’ora del giorno. E poi, ovviamente, anche i sapori della varietà giocano un ruolo fondamentale. I sapori variano da fruttato e speziato a “skunky” e “kushy”. Se sapete già se farete edibili principalmente dolci o salati, provate a scegliere la varietà con i sapori più adatti alla vostra ricetta.

Per darvi alcune idee sulle varietà di cannabis da usare nei vostri edibili, consultate il nostro pratico elenco.

Consiglio da professionista: Optate per la fantastica Zamnesia Banana! Questo potentissimo incrocio di OG Kush e Banana OG si abbina perfettamente al sapore tropicale del cocco! Insieme al suo delizioso sapore, potrete godervi un “high” stimolante, creativo e motivante con un pizzico di effetti rilassanti!

Come Si Prepara L’Olio Di Cocco Alla Cannabis: Una Ricetta

COME SI PREPARA L’OLIO DI COCCO ALLA CANNABIS: UNA RICETTA

Una volta selezionata la varietà più adatta per il vostro edibile, evitate di usare le vostre preziose cime. Quelle mettetele da parte da fumare! I fondi dei barattoli, gli scarti del trimming, ecc. vanno benissimo come materia prima. Anche le foglie a ventaglio e i rami contengono piccole quantità di cannabinoidi.

Ecco come preparare l’olio di cocco alla cannabis.

Ingredienti E Strumenti

  • 200g/215ml di olio di cocco
  • 50g di cannabis (fondi di barattolo, scarti, ecc.)
  • Pentola elettrica (in alternativa, posizionate sopra una pentola di grandi dimensioni una ciotola resistente al calore per cuocere a bagnomaria)
  • Ciotola grande
  • Setaccio a maglia fine o filtro
  • Grinder
  • Guanti in lattice

Procedimento

Questa ricetta prevede l'uso di 200g (circa una tazza) di olio di cocco. Se volete aggiungerne di più o di meno, potete facilmente raddoppiare, triplicare o dimezzare le dosi degli ingredienti.

  1. Decarbossilate la vostra marijuana (vedremo come farlo più avanti)

  2. Usando il grinder, macinate l’erba il più finemente possibile, ma senza polverizzarla. L’obiettivo è quello di aumentare il più possibile l'area superficiale del materiale, senza rendere impossibile il filtraggio dell'erba.

    Consiglio da professionista: Se volete macinarne quantità maggiori, usate un frullatore elettrico o un macinacaffè. Assicuratevi solo che l’erba sia secca.

  3. Impostate la pentola elettrica a bassa temperatura. Se non ne avete una, potete posizionare una ciotola capiente e resistente al calore sopra una grande pentola con acqua per cuocere a bagnomaria. Aggiungete quindi l’olio di cocco per scioglierlo.

  4. Una volta che l’olio di cocco si sarà sciolto, aggiungete la cannabis. Se usate scarti e foglie, mettetene sui 50g. Se usate invece cime o hashish, le quantità saranno minori (più avanti parleremo dei dosaggi).

  5. Aggiungete 1,5 litri di acqua nella miscela. L’acqua impedisce che i cannabinoidi vengano “cotti” e filtra parte della clorofilla per rendere i sapori più piacevoli.

  6. Mettete il coperchio sulla pentola elettrica o ciotola e cuocete a fuoco medio per un’ora. Mescolate ogni 30 minuti. Questo aiuterà i cannabinoidi a legarsi con l’olio.

  7. Trascorsa l’ora, abbassate il fuoco e riportate a bassa temperatura.

  8. Lasciate macerare la miscela di olio di cocco/cannabis per 2–4 ore. Più a lungo la lascerete e più potente diverrà il vostro olio di cocco (nei limiti del possibile).

  9. Spegnete il fuoco (o la pentola elettrica) e lasciate raffreddare la miscela.

  10. Usate un colino con filtro o un setaccio per filtrare la miscela in una ciotola capiente. Le caffettiere a stantuffo funzionano particolarmente bene per questo scopo!

  11. Coprite la ciotola e mettete la miscela di acqua/olio di cocco nel frigorifero per una notte intera. In questo modo, la miscela si separerà e l’olio si solidificherà in superficie.

  12. Indossando dei guanti in lattice puliti, rimuovete con cura l’olio solidificato nella parte superiore e mettetelo da parte in un’altra ciotola o recipiente. L’acqua potete buttarla.

  13. Alcuni frammenti vegetali potrebbero rimanere attaccati sul fondo del “panetto d’olio”. Per rimuoverli, riscaldate l’olio e filtratelo attraverso un setaccio. Per risolidificarlo è sufficiente rimetterlo in frigorifero.

  14. Ed ecco fatto! Mettete il vostro olio di cocco alla cannabis in un contenitore adeguato e copritelo con un coperchio.

    Consiglio da professionista: L’olio di cocco non dura molto a lungo in frigorifero. A seconda di quanto ne avete intenzione di usare, sarebbe meglio suddividerlo in porzioni più piccole, metterle in sacchetti con chiusura a zip e congelarle. In questo modo potrete prendere dal freezer solo le porzioni che userete, scongelandole quando ne avrete bisogno.

Fattori Da Considerare Nella Produzione Dell’Olio Di Cocco Alla Cannabis

FATTORI DA CONSIDERARE NELLA PRODUZIONE DELL’OLIO DI COCCO ALLA CANNABIS

Sebbene il processo sia piuttosto semplice, è importante comprendere alcuni elementi chiave relativi agli edibili prima di produrre e dosare l’olio di cocco alla cannabis. Ecco i più importanti:

Decarbossilazione

La decarbossilazione (decarburazione) è il processo di “attivazione” della cannabis. Implica l’esposizione del materiale vegetale ad una temperatura sufficiente per decarbossilarlo, ad esempio “cuocendolo” in forno a bassa temperatura (105–116°C) per 45 minuti. Questo processo trasforma l’acido cannabinoidico THCA in THC attivo. Senza questo passaggio, gli effetti della cannabis saranno molto più leggeri.

Dosaggio

Il dosaggio dell’olio di cocco alla cannabis è un punto molto importante che dipende da diversi fattori. Questi includono il livello di tolleranza, il peso corporeo, il metabolismo, gli effetti che si cercano, la potenza dell’edibile ed altro ancora. La cannabis agisce su tutti in modo diverso, motivo per cui non esiste una dose “uguale per tutti”. In questo caso, la vecchia regola “inizia lentamente e con cautela” non potrebbe essere più azzeccata.

Detto questo, possiamo comunque fare un paio di conti basandoci sulle nostre misurazioni. Supponiamo che stiate usando una cima da 1g con un contenuto di THC del 20% (200mg) per produrre 200g di olio. In questo caso, un cucchiaino di olio di cocco (13g) conterrà circa 13mg di THC. Ovviamente, se state usando scarti del trimming o qualsiasi altro materiale che non sia una cima, l’olio diverrà meno potente.

Articolo correlato

Come Determinare La Potenza Del THC Negli Edibili

Consiglio da professionista: Per ottenere una maggiore uniformità durante la preparazione e il dosaggio degli edibili, potrebbe convenire usare le stesse quantità di ingredienti e dividere il prodotto finale in porzioni uguali. Ad esempio, usando 1 tazza di materiale vegetale con 1 tazza di olio di cocco vi farete un’idea generale della potenza di ogni porzione.

L’Olio Di Cocco Alla Cannabis Sballa?

L’OLIO DI COCCO ALLA CANNABIS SBALLA?

Assolutamente sì! Se decarbossilate l’erba e seguite le nostre istruzioni, l’olio di cocco alla cannabis vi sballerà. Ma dovete partire dal presupposto che gli effetti di un edibile sono diversi da quelli di una canna:

  • Gli effetti di un edibile ci mettono molto di più a farsi sentire. Da quando viene ingerito l'edibile, possono passare da 1 a 2 ore prima di sentire qualcosa. Il momento esatto varia in base alla vostra specifica fisiologia, quando avete mangiato l’ultima volta, ecc.

  • Una volta che farà effetto, lo sentirete per diverse ore. Preparatevi quindi per 4–5 ore di sballo, o anche di più. Per questo motivo vi sconsigliamo di usarlo prima di andare al lavoro o di incontrare per la prima volta i vostri futuri suoceri. Organizzatevi di conseguenza.

Volete avere maggiori dettagli sugli alimenti a base di cannabis? Ecco una guida su tutto ciò che c’è da sapere

Olio Di Cocco Alla Cannabis Vs Burro Di Cannabis

OLIO DI COCCO ALLA CANNABIS VS BURRO DI CANNABIS

Il burro alla cannabis continua ad essere uno dei metodi preferiti ed ampiamente collaudati nelle cucine di molti amanti della cannabis, ma nel complesso, pensiamo che l’olio di cocco alla cannabis offra un vantaggio molto evidente:

  • È al 100% naturale e di origine vegetale, non contiene lattosio ed è senza glutine. Questo lo rende adatto per i vegani e per le persone con allergie.

  • Un grande vantaggio è che l’olio di cocco rimane solido a temperatura ambiente, il che lo rende più facile da conservare e più adatto per la produzione di pomate di cannabis per uso topico.

  • L’olio di cocco non diventa rancido come il burro.

  • Mantenendo una consistenza solida anche a temperatura ambiente, potete usarlo per riempire le capsule con un dosaggio ben preciso. Con la nostra opercolatrice e le capsule in gelatina potrete facilmente preparare delle pillole in gelatina morbida con olio di cocco alla cannabis.

Georg

Scritto da: Georg
Stabilitosi in Spagna, Georg dedica gran parte delle sue giornate non solo al suo computer, ma anche al suo giardino. Mosso da una grande passione per la coltivazione della Cannabis e per la ricerca di sostanze psichedeliche, Georg è un vero esperto del mondo psicoattivo.

Scopri i nostri scrittori

Read more about
Headshop Recipes
Cerca nelle categorie
o
Cerca