Blog
Come La Cannabis Può Influenzare I Sogni
7 min

Come La Cannabis Può Influenzare I Sogni

7 min

Capita di sentire dagli amici amanti della cannabis delle storie di sogni che diventano improvvisamente più vividi dopo aver cominciato una pausa dal consumo di erba. Alcuni riportano perfino di aver più incubi del solito. Esiste una connessione fra consumo di cannabis e sogni? Continuate a leggere per scoprirlo.

Chiedete a qualunque amante della cannabis di parlarvi dei suoi sogni, e otterrete probabilmente delle risposte interessanti. Sono i racconti più vividi e cinematici che avrete mai sentito. Alcuni vivono ogni notte delle sequenze difficili, e può essere davvero un trip. Ma perlopiù sentirete descrizioni di questo tipo di sogni da parte di consumatori di marijuana dopo che hanno iniziato una pausa dal consumo.

Gli studi hanno anche scoperto una connessione fra il consumo di marijuana e i potenziali effetti su vari aspetti del sonno e dei sogni. In quest'articolo, esamineremo l'importanza del sogno, in che modo la cannabis influisce sul ciclo del sonno e se l'astinenza da erba provochi incubi o sogni insoliti. Da questo potremo farci un'idea migliore del modo in cui la cannabis influisce sui sogni in generale, e se sia in grado di far cessare i sogni o perfino di stimolare i sogni lucidi. Infine, vi raccomanderemo quelle che consideriamo le migliori varietà di cannabis per ottenere un po' di meritato riposo. Cominciamo!

Capire il ciclo del sonno negli umani

Capire Il Ciclo Del Sonno Negli Umani

Ma anzitutto, per preparare il terreno, dobbiamo capire come funziona il ciclo del sonno negli umani.

Una ricerca su Google potrebbe portarvi a numerosi risultati sull'argomento, perciò permetteteci di semplificarvi le cose: ogni notte, una persona attraversa quattro differenti fasi del sonno come parti di un ciclo di sonno completo. Ciascun ciclo consiste delle fasi di movimento rapido degli occhi (REM) e di movimento non rapido degli occhi (NREM).

Normalmente, il nostro corpo attraversa queste fasi del sonno da quattro a sei volte per notte, in media. Ma via via che dormiamo, attraversiamo meno fasi NREM e più fasi REM.

Nel prossimo paragrafo vediamo più in dettaglio in cosa consiste ciascuna fase del ciclo del sonno.

Articolo correlato

Come Usare La Cannabis Per Migliorare Il Tuo Sonno

Fasi del Sonno

Fasi Del Sonno

Le prime tre fasi del sonno sono in modalità NREM.

Fase 1: N1. Questa è la fase più breve, e dura di solito fino a cinque minuti. È la fase in cui ci muoviamo lentamente dalla veglia al sonno.

Fase2: N2. A questo punto, frequenza cardiaca e temperatura corporea cominciano a calare, e il corpo entra in un sonno più profondo.

Fase 3: Sonno profondo. Quando si entra in questa fase non si viene svegliati facilmente. Per chi si trova nel sonno profondo, perfino rumori fino a 100 decibel non saranno sufficienti a svegliarli. Ma se vi svegliate, sentirete un certo annebbiamento mentale, chiamato inerzia del sonno. La fase 3 dura di solito fino a 40 minuti.

Fase 4: REM. La quarta e ultima fase del sonno è quella in cui di solito si presentano i sogni. Il respiro si fa più irregolare. La fase REM dura di solito fra 10 e 60 minuti.

L'Importanza del Sogno

L'Importanza Del Sogno

Sarebbe facile liquidare i sogni come un normale fenomeno legato al sonno. Sappiamo che il nostro cervello resta funzionale durante questo periodo di riposo, e che i sogni non sono altro che un mero prodotto secondario di tale attività.

Ma secondo gli esperti, il sognare svolge un'importante funzione per il nostro generale stato di benessere. In un articolo scritto dal professore di neuroscienze Matthew Walker, viene fatto osservare che il sogno è una forma di guarigione catartica. Walker afferma che il sonno REM, in modo particolare, aiuta a neutralizzare la “puntura dolorosa” di eventuali momenti traumatici vissuti durante la giornata.

Il sonno REM, dice Walker, è l'unico momento in cui il nostro cervello non è riempito di noradrenalina, una molecola che suscita ansia. E a causa di tale stato di libertà dall'ansia, siamo in grado di rielaborare quei ricordi stressanti in modo più calmo.

La cannabis e i sogni

La Cannabis E I Sogni

Secondo le ricerche, il THC può potenzialmente sopprimere il sonno REM: è stato anche mostrato che incide sulla latenza del sonno (ovvero la quantità di tempo necessaria ad una persona per addormentarsi) e sulla frequenza dei sogni.

Ma qual è esattamente la correlazione fra consumo di cannabis e sogno? Uno studio del 2019 ha osservato 11 consumatori di cannabis e otto non consumatori. Entrambi i gruppi dormivano a casa propria, ma dovevano indossare delle fasce per registrare l'acquisizione del sonno.

In termini di qualità del sonno, il gruppo dei consumatori di cannabis mostrava una più lunga latenza del sonno e un minor tempo di REM. Non mostravano differenze quanto al ricordo dei sogni. Riportavano però una “maggior stranezza” nei propri sogni.[1]

Articolo correlato

Il Consumo Abituale di Cannabis può Interferire con i Sogni?

Marijuana e Sonno REM

Il sonno REM, come abbiamo detto, è la fase del sonno in cui si svolgono i sogni. Questo accade dopo che si sta dormendo da circa 90 minuti ed i nostri occhi cominciano a muoversi rapidamente da una parte all'altra (da cui il suo nome).

Abbiamo anche accennato che la cannabis può potenzialmente ridurre il sonno REM. I ricercatori hanno osservato questa correlazione in uno studio del 2008; anche in questo caso i partecipanti mostravano una peggior efficacia del sonno e una più lunga insorgenza del sonno (ovvero la transizione dallo stato di veglia al sonno).[2]

Ma d'altro canto questo significa anche che eliminare il THC dall'equazione potrebbe produrre l'effetto contrario. La scienza adduce a supporto di questa teoria ciò che viene chiamato il rimbalzo REM (REM rebound), che venne osservato in uno studio del 1975.⁴ In altre parole, astenendosi dal consumo di THC, i consumatori di cannabis potrebbero sperimentare un picco di sonno REM e di sogni inconsueti.

E per Quanto Riguarda il Rapporto fra CBD e Sogni?

E Per Quanto Riguarda Il Rapporto Fra CBD E Sogni?

Finora abbiamo esposto i probabili effetti del THC sui sogni. Ma che dire di suo cugino, il cannabinoide non inebriante CBD? Esercita qualche influenza?

Prima di tutto, è opportuno notare che il CBD è un ingrediente comune negli integratori per il sonno. Nonostante si ritenga che non induca il sonno in maniera diretta, si pensa però che i suoi effetti indiretti favoriscano la prontezza al sonno.

Per esempio, uno studio del 2019 mette in luce il potenziale del cannabidiolo nel ridurre la tensione associata ai disturbi del sonno.[4] E in un esperimento effettuato nel 2007, presentato in Chemistry & Biodiversity, il 40–50% dei partecipanti “ha ottenuto una buona o molto buona qualità del sonno” con l'uso del Sativex, uno spray oromucosale con un rapporto THC:CBD di 1:1.[5]

Poiché le ricerche specifiche sull'influenza del CBD sui sogni sono insufficienti, possiamo basarci solo sulle prove aneddotiche. Conclusione: sono necessari ulteriori studi ed esperimenti per fare affermazioni definitive sul rapporto fra CBD e sogni.

Astinenza da marijuana e sogni

Astinenza Da Marijuana E Sogni

Prendersi una pausa di tolleranza di tanto in tanto fa bene. Dà un po' di respiro ai vostri polmoni (non è un gioco di parole), e consente al vostro sistema di abituarsi alla mancanza di THC. Dal punto di vista della tolleranza, tornerete ad un livello simile a quando avete cominciato a fumare le prime volte, e le prime boccate che farete dopo la pausa vi colpiranno forte.

In precedenza abbiamo fatto cenno ad aneddoti riguardanti persone che sperimentano sogni più vividi dopo aver cessato di consumare erba. E poiché sappiamo che esiste la possibilità che il THC sopprima il sonno REM, possiamo dire che quei sogni improvvisamente così vividi fanno parte dei sintomi dell'astinenza, nel bene come nel male.

La Cannabis Può Indurre Sogni Lucidi?

La Cannabis Può Indurre Sogni Lucidi?

Sebbene non esistano studi approfonditi sugli effetti specifici delle differenti componenti della cannabis sul sogno lucido, sembrerebbe che l'erba—o piuttosto, l'astensione da essa—abbia il potenziale per indurre strane o inusuali esperienze oniriche.

Torniamo all'effetto del rimbalzo REM. All'astenersi dal consumare THC, quell'improvviso incremento di attività REM è il vostro cervello che si sta “riconfigurando” via via che si riabitua all'assenza del cannabinoide. È come dare una scossa al sistema.

La ricerca corrobora tale teoria. Uno studio del 2011 mette in luce i potenziali effetti dell'astinenza da cannabis, mostrando che “incubi e/o sogni strani erano l'elemento più valido”.⁷ Usando la Tabella di Astinenza da Cannabis, 49 consumatori di cannabis dipendenti hanno accettato volontariamente di fornire dei punteggi giornalieri durante una settimana di riferimento, seguita da due settimane senza erba. Nonostante una grande maggioranza di essi abbia fatto sogni strani o incubi, “lo stress associato che veniva causato era relativamente poco”.

Analoghe scoperte sono emerse da uno studio del 2016, nel quale il 41% dei partecipanti accusava disturbi del sonno.[7]

Dunque, se questi studi non confermano o negano direttamente la capacità dell'erba di indurre o favorire i sogni lucidi, è però vero che la cannabis, o per la precisione il THC, sembra possedere la capacità di alterare il nostro stato di sogno inconscio.

Articolo correlato

Quali Rischi Comportano I Sogni Lucidi?

La cannabis può far cessare i sogni?

La Cannabis Può Far Cessare I Sogni?

Sulla base di ciò che abbiamo esposto finora, il THC è potenzialmente in grado di sopprimere il sonno REM. In concreto, ciò significa che si trascorre meno tempo in quella fase del sogno. Non fa del tutto cessare i sogni, ma è probabile che li accorci.

Ma per il nostro benessere, il sonno profondo è davvero necessario. Se vi trovate ad aver difficoltà ad ottenere una buona qualità del sonno, non temete. Certe varietà potrebbero esservi d'aiuto!

Varietà di Cannabis Che Favoriscono la Disponibilità al Sonno

Quando si parla di consumo di cannabis per favorire la prontezza al sonno, molte guide raccomandano le varietà a dominanza indica. Sebbene il tipo di ceppo sia un fattore secondario rispetto al contenuto di cannabinoidi e terpeni, le indica pesanti contengono di solito alti livelli di THC e terpeni soporiferi, che costituiscono un autentico biglietto di sola andata per il mondo dei sogni. Detto questo, alcune persone trovano che le varietà che contengono CBD sono più efficaci per ottenere un sonno profondo e ristoratore.

Tenendo a mente tutto questo, prima di lasciarvi infilare tra le coperte per una bella notte di sonno, vi suggeriamo alcune varietà nel caso abbiate qualche problema di sonno. Per voi gufi nottambuli, questa potrebbe essere la soluzione al vostro annoso problema.

• Bubba Kush

La prima è Bubba Kush. Questa varietà a dominanza indica vi trasporterà in uno stato di intensa sonnolenza che vi renderà impazienti di spegnere le luci e mettervi a riposare. Col 18% di THC, sentirete i suoi effetti rilassanti dopo appena poche boccate.

Bubba Kush (Greenhouse Seeds) femminizzata

(5)
Genitori: Bubble Gum x Kush
Genetica: 80% Indica / 20% Sativa
Tempo Di Fioritura: 9-10 settimane
THC: 18%
CBD: 0-1%
Tipo di fioritura: Fotoperiodo

• Northern Light

La successiva nella lista è la Northern Light dell'ottimo team di Royal Queen Seeds. Col 18% di THC, questa pura indica offre uno stono profondo e gratificante, che elimina la tensione dalla mente come dal corpo.

Northern Light (Royal Queen Seeds) femminizzata

(19)
Genitori: Northern Light
Genetica: 100% Indica
Tempo Di Fioritura: 7-8 settimane
THC: 18%
CBD: Medio
Tipo di fioritura: Fotoperiodo

• CBD Critical Mass

CBD Critical Mass è perfetta per coloro che desiderano qualcosa di un pochino più leggero. Questa varietà presenta moderati livelli sia di THC che di CBD, preparandovi per un torpore rilassante e lasciandovi nella bocca un tripudio di agrumi.

CBD Critical Mass (CBD Crew) femminizzato

(3)
Genetica: 80% Indica / 20% Sativa
Tempo Di Fioritura: 8-9 settimane
THC: 5%
CBD: 5%
Tipo di fioritura: Fotoperiodo

• Vanilla Kush

Questa varietà rilassa i muscoli e mette a letto, letteralmente, le vostre rimuginazioni. E col 22% di THC, colpisce davvero forte.

Vanilla Kush (Barney's Farm) femminizzata

(13)
Genitori: Kashmir x Afghan kush
Genetica: 80% Indica / 20% Sativa
Tempo Di Fioritura: 9-10 settimane
THC: 22%
CBD: 1%
Tipo di fioritura: Fotoperiodo

• Blue Mystic

Se cercate una varietà potente che vi metta KO nel miglior modo possibile, questa farà al caso vostro. Indica all'80%, col 22% di THC, non è una con cui scherzare, a meno che non abbiate intenzione di restarvene sotto le coperte.

Blue Mystic (Royal Queen Seeds) femminizzata

(8)
Genitori: Blueberry x Northern Light
Genetica: 80% Indica / 20% Sativa
Tempo Di Fioritura: 9-10 settimane
THC: 20%
CBD: Medio
Tipo di fioritura: Fotoperiodo

In sé e per sé, il sogno è un'affascinante area di studi. Aggiungete al mix una sostanza psicotropa come il THC, e tutt'a un tratto le cose si fanno più strane e perfino più interessanti. Che vogliate usare la cannabis per aiutarvi a dormire, o vi stiate chiedendo come mai l'astinenza da erba vi stia dando gli incubi, bisogna capire che il THC, in modo particolare, ha la capacità di influire sul vostro ciclo del sonno, con tutto ciò che questo comporta.

Miguel Antonio Ordoñez
Miguel Antonio Ordoñez
Con una laurea AB in Mass Media e comunicazione, Miguel Ordoñez scrive da oltre 13 anni e si occupa di contenuti relativi alla cannabis dal 2017. La ricerca continua e meticolosa, insieme alla sua esperienza personale lo hanno aiutato a costruire una conoscenza abbastanza profonda sull’argomento.
Dichiarazione Di Non Responsabilità:
Non stiamo facendo affermazioni mediche. Questo articolo è stato scritto solamente per scopi informativi ed è basato su ricerche pubblicate da fonti esterne.

Fonti Esterne:
  1. Bradshaw, C., Borcsok, R., Taylor, M., Segust, S., Ford, D., & Carr, M. (2019). P039 REM sleep and dream reports in frequent cannabis versus non-cannabis users. Poster Presentations. - https://bmjopenrespres.bmj.com
  2. Bolla, K. I., Lesage, S. R., Gamaldo, C. E., Neubauer, D. N., Funderburk, F. R., Cadet, J. L., David, P. M., Verdejo-Garcia, A., & Benbrook, A. R. (2008). Sleep disturbance in heavy marijuana users. Sleep, 31(6), 901–908 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  3. Feinberg, I., Jones, R., Walker, J. M., Cavness, C., & March, J. (1975). Effects of high dosage delta-9-tetrahydrocannabinol on sleep patterns in man. Clinical Pharmacology & Therapeutics, 17(4), 458–466. - https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov
  4. Shannon, S. (2019). Cannabidiol in anxiety and sleep: A large case series. The Permanente Journal, 23 - https://www.ncbi.nlm.nih.gov
  5. Russo, E. B., Guy, G. W., & Robson, P. J. (2007). Cannabis, pain, and sleep: Lessons from therapeutic clinical trials of sativex®, a cannabis-based medicine. Chemistry & Biodiversity, 4(8), 1729–1743. - https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov
  6. Allsop, D. J., Norberg, M. M., Copeland, J., Fu, S., & Budney, A. J. (2011). The cannabis withdrawal scale development: Patterns and predictors of cannabis withdrawal and distress. Drug and Alcohol Dependence, 119(1-2), 123–129 - pubmed.ncbi.nlm.nih.gov
  7. Gates, P., Albertella, L., & Copeland, J. (2015). Cannabis withdrawal and sleep: A systematic review of human studies. Substance Abuse, 37(1), 255–269 - https://www.med.upenn.edu
Notizie Stile Di Vita
Cerca nelle categorie
o
Cerca