Blog
Come Coltivare Funghetti Magici Indoor
4 min

Come Coltivare Funghetti Magici Indoor

4 min
Research Shroomshop Smartshop

Coltivare funghi psilocibinici è un'esperienza gratificante. Guardare il micelio che consuma il substrato e dà crescita ai corpi fruttiferi è oltremodo affascinante. Ma la vera magia accade quando assaggiate il vostro raccolto.

Se vi è mai capitato di coltivare voi stessi il vostro cibo, siete ben consapevoli che la soddisfazione per un lavoro ben fatto rende il sapore più ricco. Ora, sostituite il sapore con un viaggio introspettivo nella mente. Un raccolto di funghetti è qualcosa di più che dei semplici frutti fisici; è un'esperienza spirituale, che può indurre cambiamenti duraturi.

Una coltura di funghi è decisamente più ardua che una di frutti e ortaggi. Questi ultimi prosperano in terreni antigienici, ricchi di microbi e possono crescere con livelli variabili di calore e umidità, in diverse condizioni atmosferiche. I funghi, al contrario, richiedono parametri estremamente specifici per poter crescere e fruttificare.

I funghi possono essere coltivati indoor riproducendo le esatte condizioni che sono loro necessarie per sopravvivere. Questo si può conseguire coltivandoli in ambienti ad elevata umidità e impenetrabili alla contaminazione. Metodi come la “PF-tek” possono essere impiegati per ottenere un ambiente pulito e umido. Per rendere le cose ancora più facili, prendete in considerazione l'acquisto di un kit di coltura.

Altre cose che distinguono i funghi dal resto del regno vegetale sono il loro ciclo vitale ed i loro modi di riproduzione. Prima che cominciate a coltivare funghetti a casa vostra, vi sarà utile sviluppare un minimo di comprensione di questo processo.

Top 10 Funghi Magicivedere il prodotto

IL CICLO DI VITA DEL FUNGO: DA SPORA A SPORA

I funghi si affacciano alla vita sotto forma di microscopici “pacchetti” di DNA, chiamati spore. Le spore sono il corrispondente dei semi prodotti dalle piante. Quando esposte alle corrette condizioni ambientali, esse rilasciano minuscoli filamenti di tessuto, chiamati ife. Questo processo può essere paragonato a quello della germinazione nel mondo vegetale. Ogni ifa trasporta un singolo nucleo. Quando due ife compatibili provenienti da spore differenti si incontrano, si accoppiano e si fondono insieme. Le ife risultanti conterranno i nuclei di entrambe le cellule genitrici. Così si genera un organismo in grado di riprodursi a sua volta.

IL CICLO DI VITA DEL FUNGO: DA SPORA A SPORA

Più ife formano e producono una matrice organica, chiamata micelio. Questa struttura simile ad un reticolo rilascia degli enzimi nell'ambiente e digerisce il suo alimento esternamente. Il micelio è molto sensibile alle modificazioni esterne. Quando resta a corto di cibo o viene esposto alla luce, produce i cosiddetti primordi.

I primordi, o “spilli”, sono giovani corpi fruttiferi fungini. Gli spilli più robusti crescono fino a diventare frutti pienamente formati e procedono a rilasciare spore. Da questo punto in poi, il ciclo si ripete.

TECNICA STERILE: UN PREZIOSISSIMO TALENTO DA SVILUPPARE

TECNICA STERILE: UN PREZIOSISSIMO TALENTO DA SVILUPPARE

Ora avete un'idea di base di come i funghi crescono e si riproducono. Prima di parlare dei metodi di coltivazione, è il momento di apprendere i fondamenti della tecnica sterile.

I funghi in natura devono far fronte a tutta una serie di concorrenti; devono sconfiggere ogni sorta di batteri e funghi per potersi garantire un saldo punto d'appoggio. Hanno l'aria di essere dei duri, vero? È soltanto in un ambiente addomesticato che rivelano quanto siano davvero sensibili. Perfino piccoli episodi di contaminazione possono mettere in ginocchio un'intera operazione di coltura. È per questa ragione che chi coltiva deve prestare un'estrema cautela durante ogni fase del procedimento di coltivazione.

Quanto sterile sceglierete di fare il vostro laboratorio di coltura dipenderà interamente dal budget disponibile. Coltivatori esperti riservano intere stanze alle loro colture, rivestono le pareti di teli di plastica, e irrorano ogni oggetto con alcol isopropilico. Altri si arrangiano per fare tutto sul bancone della cucina, riuscendo comunque a produrre risultati notevoli.

La sterilità è una fonte di preoccupazione solamente se optate per produrre voi stessi il substrato e le siringhe di spore. Chi coltiva facendo uso di kit di coltura ha a che fare con substrato colonizzato e ciò diminuisce il rischio di contaminazione.

GLI SPILLI: PRIMA FASE DELLA FRUTTIFICAZIONE

GLI SPILLI: PRIMA FASE DELLA FRUTTIFICAZIONE

Lo sviluppo degli “spilli” è una delle fasi più appassionanti del ciclo di crescita. Una volta che il vostro micelio ha completamente colonizzato il substrato, è il momento di esporlo a differenti condizioni ambientali. Questo servirà ad “ingannarlo”, facendogli credere di essere emerso dalla superficie del terreno e che sia dunque tempo di fruttificare. A questo stadio, un igrometro è un elemento chiave dell'equipaggiamento; questi apparecchi mostrano rilevazioni di temperatura e umidità. Durante la fase degli spilli, i funghi hanno bisogno di alti livelli di umidità, CO₂ e luce.

Igrometro/Termometro Magic Mushroom Vedi prodotto

PER I KIT DI COLTURA

Se state usando un “grow kit”, rimuovete il coperchio e versate acqua imbottigliata nel contenitore fino a riempirlo. Rimettete il coperchio e lasciate il micelio in ammollo per 12 ore. Una volta trascorso questo tempo, togliete di nuovo il coperchio e drenate l'acqua in eccesso. Conservate il coperchio per un utilizzo successivo.

Infilate il kit nel sacchetto in dotazione e vaporizzate le pareti interne una o due volte al giorno, fino a che appaiono gli spilli. Mettete un igrometro all'interno del sacchetto e cercate di mantenere un livello di umidità del 95–100%. Ripiegate l'estremità del sacchetto e assicuratelo con delle graffette. Posizionatelo sotto luci di coltura o alla luce solare indiretta ad una temperatura di 23°C. Gli spilli compariranno nel giro di pochi giorni.

PER LA PF-TEK

Per forzare la comparsa di spilli con la PF-tek, vi occorrerà una camera di fruttificazione. Un'ampia scatola di plastica funzionerà egregiamente. Spruzzate l'interno con alcol isopropilico e ricoprite il fondo della scatola con della perlite impregnata d'acqua, per mantenere i livelli di umidità.

Ora è tempo di rimuovere il vostro micelio dal barattolo. Disinfettate le mani e rigirate il recipiente a testa in giù. Il panetto di micelio dovrebbe scivolare fuori; date un colpetto alla base se fatica a muoversi.

Piazzate i vostri panetti nella scatola, lasciando 5cm buoni fra l'uno e l'altro. Mettete il coperchio per mantenere i livelli di CO₂. Vaporizzate le pareti della scatola 1 o 2 volte al giorno per mantenere l'umidità al 95–100%. Aprite il coperchio una volta al giorno per permettere il ricambio d'aria. Gli spilli dovrebbero apparire nel giro di 1–2 settimane.

Storia correlata

Come Preparare Un PF-Tek

FRUTTIFICAZIONE: COMINCIANO AD APPARIRE CAPPELLI E GAMBI

FRUTTIFICAZIONE: COMINCIANO AD APPARIRE CAPPELLI E GAMBI

Durante la fruttificazione, le dimensioni dei primordi esplodono. Spilli minuscoli si trasformano in grossi corpi fruttiferi, con ampi cappelli e lunghi gambi. È abbastanza impressionante vedere quanto crescono in fretta i funghi durante questa fase; infatti, possono raddoppiare di dimensioni nell'arco di 24 ore. In questa fase, avranno bisogno di più ossigeno e leggermente meno umidità.

PER I KIT DI COLTURA

Dopo che gli spilli hanno iniziato a mostrarsi, è il momento di aumentare il livello di ossigeno. Dovrete aprire il sacchetto tre volte al giorno per incrementare il ricambio d'aria fresca. Anche il bisogno di umidità cala; spruzzate l'interno del sacchetto una volta al giorno, per mantenere un livello di umidità dell'80–90%.

PER LA PF-TEK

È tempo di lasciar respirare i vostri funghetti. Ci sono coltivatori che si spingono fino a utilizzare ventilatori da computer e pompe. Per mantenere le cose semplici, aprite il coperchio tre volte al giorno e ventilate con un pezzo di cartone. Spruzzate le pareti una volta al giorno per mantenere il livello di umidità all'80–90%.

È IL MOMENTO DEL RACCOLTO

È IL MOMENTO DEL RACCOLTO

Nel giro di 2–5 giorni, i vostri funghetti dovrebbero essere completamente formati. Noterete nella vostra coltura alcuni tratti caratteristici. Uno di questi è una struttura simile ad un velo che comincia a formarsi sotto il cappello. Questo velo protegge le spore fino a quando saranno pronte per la riproduzione. Cercate di raccogliere i vostri funghi prima che il velo si laceri. 

Storia correlata

Come Raccogliere i Funghi Allucinogeni

Torcete con attenzione ogni funghetto alla base del gambo mentre tirate delicatamente verso l'alto. Una volta che avrete raccolto tutti i funghetti di dimensioni significative, noterete che ce ne saranno degli altri, piccolini, che restano adagiati sulla superficie del substrato. Questi sono i cosiddetti aborti: funghetti che crescendo troppo lentamente sono stati tagliati fuori dalla competizione dal resto del “branco”. Rimuoveteli dal substrato per far spazio ad un'altra gettata.

IL DIVERTIMENTO NON È FINITO, PREPARATEVI PER UN'ALTRA GETTATA

IL DIVERTIMENTO NON È FINITO, PREPARATEVI PER UN'ALTRA GETTATA

I funghi sono un dono che continua a donare a lungo. Fintanto che avranno risorse a disposizione emetteranno una gettata dopo l'altra, per massimizzare le loro chance di riproduzione.

PER I KIT DI COLTURA

I grow kit producono di solito almeno tre gettate. Semplicemente immergete di nuovo in acqua il panetto di substrato come avete fatto all'inizio e ripetete il procedimento.

PER LA PF-TEK

Dopo aver rimosso gli aborti, immergete ogni panetto in acqua pulita. Rimetteteli poi nella camera di fruttificazione e ripetete i passi a partire dal punto degli spilli, per stimolare una seconda gettata. Spogliare il substrato lo rende vulnerabile alla contaminazione; se notate che comincia a formarsi della muffa verde, gettate via i panetti che sono stati colpiti e ripulite bene la camera di fruttificazione.

Luke S

Scritto da: Luke S.
Luke S. è un giornalista basato nel Regno Unito, specializzato in salute, medicina alternativa, erbe e terapie psichedeliche. Ha scritto per media come Reset.me, Medical Daily e The Mind Unleashed, coprendo queste ed altre aree.

Scopri i nostri scrittori

Read more about
Research Shroomshop Smartshop
Cerca nelle categorie
o
Cerca