Blog
Erba, Funghi E Ayahuasca Non Sono Droghe
4 min

Cannabis, Funghi E Ayahuasca Non Sono Droghe

4 min
Editoriali Notizie

Il proibizionismo ha completamente cambiato il nostro rapporto con piante come la cannabis, il peyote ed i funghi. Durante il secolo scorso, ci è stato insegnato che queste sostanze sono semplicemente "droghe"—sostanze pericolose che non hanno posto nella nostra società. Ecco come cambiare questa cosa.

Benvenuto negli editoriali di Zamnesia, dove il nostro redattore Steven condivide la sua opinione su tutto ciò che riguarda l’industria della cannabis, del CBD e degli smartshop. Ricorda che tutte le opinioni espresse in questi articoli sono del suo scrittore e non riflettono necessariamente le opinioni di Zamnesia come azienda. Lascia un commento se vuoi condividere le tue idee con il nostro autore e con il nostro team.

Il mondo sta cambiando la sua posizione sulle sostanze come la cannabis. Oggi, sempre più persone votano per approcci più liberali/aperti alla politica sulle droghe, dopo aver finalmente compreso che il divieto non funziona su vari livelli.

Sfortunatamente, il proibizionismo non fu solamente costruito su leggi che criminalizzavano il possesso, la commercializzazione e l'uso di sostanze come la cannabis. Insieme a questi cambiamenti di regole, sono arrivate centinaia di campagne progettate per disinformare le persone su diverse sostanze, i loro effetti, le loro origini ed altro ancora.

Articolo correlato

Dove Fumare Cannabis Legalmente In Europa

Attraverso i programmi emessi da Reefer Madness e D.A.R.E. (solo per citarne alcuni), i proibizionisti sono riusciti ad influenzare milioni di persone in tutto il mondo a temere le piante psicoattive come la cannabis. Quella paura scorre così in profondità che ha completamente cambiato il modo in cui parliamo e ci rapportiamo a queste piante, nonostante il fatto che il genere umano le abbia utilizzate fin dall'antichità.

Infatti, i proibizionisti sono stati così efficaci nell’ingannarci che ancora oggi ci riferiamo alle piante tipo la cannabis come "droghe", piuttosto che vederle per quello che sono realmente: piante che hanno giocato ruoli chiave nella nostra società per migliaia d’anni.

Cosa Intendiamo Veramente Quando Diciamo "Droghe?"

Cosa Intendiamo Veramente Quando Diciamo

Se cerchi su Google il significato della parola "droga", troverai questa definizione: "una sostanza che ha un effetto fisiologico quando ingerita o introdotta in qualche altro modo nell’organismo".

"Una sostanza che ha un effetto fisiologico quando ingerita o introdotta in qualche altro modo nell’organismo."

Ora, ci sono innumerevoli sostanze che producono reazioni fisiologiche nell’organismo. Lo zenzero, l’aglio, la menta ed il tè sono solo alcuni esempi. Tuttavia è difficile considerare qualsiasi di queste sostanze "droghe", il che suggerisce che abbiamo una definizione leggermente diversa della parola.

Il proibizionismo ci ha insegnato che le "droghe" sono sostanze che cambiano sostanzialmente come ci sentiamo, pensiamo ed agiamo. Infatti, la parola viene quasi sempre utilizzata per far riferimento a sostanze illecite che mettono presumibilmente a repentaglio sia il nostro benessere fisico che quello mentale. Infatti, quante volte avrai sentito "droghe e alcol" differenziati in una frase?

Le campagne di proibizione degli ultimi 100 anni sono state così efficaci che molti di noi dimenticano spesso che le droghe non vengono vendute solo negli angoli della strada o nei parcheggi vuoti—si possono anche acquistare legalmente presso il proprio negozio di fiducia o farmacia.

Cannabis, Funghi, Ayahuasca, Peyote — Medicinali Antichi E Guide Spirituali

Cannabis, Funghi, Ayahuasca, Peyote — Medicinali Antichi E Guide Spirituali

Quindi, sembra che il nostro utilizzo della parola "droghe" sia un po’ fuoricampo. E mentre ciò potrebbe sembrare banale per alcuni, in realtà non lo è. Ecco il perché:

Molte delle sostanze che chiamiamo "droghe" provengono da piante con cui nostri antenati hanno avuto connessioni ricche e profonde per migliaia d’anni. Infatti, molte di queste piante venivano persino venerate come medicine potenti, molto prima che iniziassimo ad utilizzarle per alterare la percezione.

Per esempio, la cannabis fu utilizzata come una pianta agricola e veniva coltivata in Cina per le fibre e l’alimentazione, prima di diventare una delle migliaia di piante utilizzate nella fitoterapia cinese. Il Pen Ts'ao[1], un antico libro di medicina cinese e farmacopea più antica del mondo, menzionava la cannabis come cura per il dolore reumatico, stitichezza intestinale, malaria ed altro ancora. Altri testi antichi come il sanscrito Sushruta Samhita[2], menzionavano anche la cannabis come cura per l'infiammazione, la diarrea ed altro ancora.

L'ayahuasca, spesso soprannominata una "droga estremamente pericolosa", era ed è tuttora considerata una medicina dalle culture amazzoniche in Brasile, Perù, Bolivia ed altri paesi sudamericani. Infatti, parte dell'esperienza dell’ayahuasca è "l'epurazione" (o "la purga" in spagnolo), che molti vedono come una forma di liberazione dagli oneri e disagi emotivi profondi. Questo è sicuramente vero, ma l'ayahuasca contiene anche composti unici conosciuti come gli alcaloidi armalinici[3] (presenti anche in antiche medicine popolari dell’India e Pakistan) che aiutano ad eliminare i parassiti dal corpo.

Il Peyote ha una storia simile. Le tribù dei nativi americani del sud ovest degli Stati Uniti utilizzavano i cactus peyote per curare diversi disturbi, inclusi dolori, febbre, raffreddore e molto altro. Ad esempio, il biologo americano Richard Evan Schultes ha scritto del potenziale medicinale del peyote[4], descrivendo alcune delle sue proprietà ed usi medici nella rivista American Anthropologist nel 1938.

Le prove storiche come l'arte su roccia ci mostrano che persino 9000 anni fa i nostri antenati utilizzavano i funghi[5] con psilocibina per scopi spirituali e religiosi.

Articolo correlato

I Funghi Magici Sono La Droga Più Sicura

Sfortunatamente, il proibizionismo e la famigerata guerra alle droghe ci hanno costretto a dimenticare la ricca storia di queste piante e invece, ci hanno insegnato che sono droghe illecite pericolose, senza alcun posto nella nostra società. A parte le proprietà delle droghe in sé, è chiaro che i proibizionisti hanno anche preso di mira le sostanze specifiche elencate precedentemente come un modo per denigrare o eliminare le culture native che le hanno utilizzate. Questo è sicuramente in linea con il colonialismo occidentale ed il razzismo, che hanno pervaso il modo in cui vediamo tutti i tipi di sostanze legali e illecite.

Perché È Arrivato Il Tempo Di Cambiare La Nostra Percezione Delle "Droghe"

Perché È Arrivato Il Tempo Di Cambiare La Nostra Percezione Delle Droghe

Ci vorrà del tempo per annullare il lavoro sporco dei proibizionisti, ma cambiare il modo in cui parliamo di cannabis e altre sostanze psicoattive è un buon punto di partenza. Tornando indietro nel tempo, possiamo vedere che i nostri antenati avevano connessioni ricche e profonde con le piante come la cannabis, il peyote e le sostanze utilizzate nell'infusione dell’ayahuasca.

Hanno utilizzato queste piante con attenzione e rispettato il loro potere. Questo è stato dimostrato dalla natura ritualistica attraverso cui i nostri antenati hanno consumato queste sostanze. Se desideriamo ricostruire la connessione con queste piante è arrivato il momento di smettere di chiamarle con parole che continuano a propagare paura ed incomprensioni.

Ora, vorrei chiarire una cosa: Non sto promuovendo né suggerendo l'uso di sostanze illecite. Tuttavia, queste piante hanno una storia ricca ed un vero potenziale medicinale: è tempo di dimenticare ciò che pensavamo di sapere sulle "droghe" per imparare ciò che è effettivamente vero su queste antiche sostanze.

Steven Voser

Scritto da: Steven Voser
Steven Voser è un giornalista internazionale freelance, nominato per un Emmy Award, e dotato di grande esperienza. Grazie alla sua passione per tutto ciò che riguarda la cannabis, dedica attualmente molto del suo tempo ad esplorare il mondo dell'erba.

Scopri i nostri scrittori
Dichiarazione Di Non Responsabilità:
Non stiamo facendo affermazioni mediche. Questo articolo è stato scritto solamente per scopi informativi ed è basato su ricerche pubblicate da fonti esterne.

Fonti Esterne:
  1. Chinese History of Cannabis - http://antiquecannabisbook.com
  2. https://www.researchgate.net
  3. Some folk uses of Peganum harmala in India and Pakistan | SpringerLink - https://link.springer.com
  4. https://www.jstor.org
  5. Artepreistorica.com | THE OLDEST REPRESENTATIONS OF HALLUCINOGENIC MUSHROOMS IN THE WORLD (SAHARA DESERT, 9000 – 7000 B.P.) - http://www.artepreistorica.com

Read more about
Editoriali Notizie
Cerca nelle categorie
o
Cerca