Funghishop

Lo Shroomshop di Zamnesia offre una grande selezione di spore e kit per la coltivazione di funghi allucinogeni, oltre agli accessori indispensabili per coltivare facilmente i funghi a casa. Forniamo solo funghi magici della miglior qualità a prezzi molto bassi!

DATE UN'OCCHIATA AL NOSTRO ASSORTIMENTO DI FUNGHI ALLUCINOGENI PRODOTTI CORRELATI 

Dai Kit di Funghi Allucinogeni e spore, la nostra selezione di Funghi Allucinogeni ha tutto quello che il moderno esporatore psi-bernauta potrebbe desiderare. La sezione per tutti quelli che preferiscono la coltivazione di funghi magici alle sostanze chimiche.

Funghishop - Clicca qui per ulteriori informazioni
Leggi di più...
Leggi meno

Informazioni Sui Funghi Allucinogeni & Tartufi Allucinogeni

Informazioni Sui Funghi Allucinogeni & Tartufi Allucinogeni

Il nostro Funghishop è sempre a disposizione per offrirvi un’ampia varietà di prodotti, inclusi i kit per la coltivazione e tutte le altre attrezzature necessarie per coltivare in casa funghi e tartufi allucinogeni.

Siamo orgogliosi di potervi offrire solo attrezzature di altissima qualità prodotte da marchi affidabili, come Supa Gro, Fresh Mushrooms e Zamnesia. Per una selezione completa dei nostri prodotti, date subito un’occhiata al nostro Funghishop. Per ulteriori informazioni su funghi e tartufi allucinogeni, continuate a leggere.

Che Cosa Sono i Funghi Allucinogeni?

Che Cosa Sono i Funghi Allucinogeni?

I funghi allucinogeni, anche chiamati “funghi magici”, sono una particolare specie di fungo apprezzata per la sua capacità di produrre forti effetti psichedelici.

Il tipo più comune di fungo allucinogeno rientra nel genere Psilocybe, che comprende oltre 200 diversi funghi contenenti psilocibina (il principale composto responsabile degli effetti psichedelici, come allucinazioni e alterazioni percettive).

Fatti Chiave!
Cosa sono i funghi allucinogeni?

funghi allucinogeni sono sostanze psichedeliche naturali contenenti psilocibina. Una volta introdotta nell'organismo, la psilocibina genera potenti effetti a livello fisico e mentale.

Coltivare e Raccogliere i Funghi Allucinogeni

I funghi psilocibinici possono essere raccolti in natura, ma bisogna sapere in quale stagione crescono, il loro habitat e a quali leggi devono sottostare. Inoltre, la micologia è una materia alquanto complessa e dettagliata e ci vogliono diversi anni per imparare ad identificare un fungo allucinogeno. È facile confondere un tipo di fungo con un altro, il che può essere molto pericoloso in presenza di altre specie velenose.

Un’alternativa più comoda e sicura è coltivarli direttamente in casa. Tuttavia, sebbene creare da soli un substrato ed una coltura liquida possa essere alquanto gratificante, la loro crescita richiede un ambiente completamente sterile. Quindi, l’opzione più semplice è acquistare un kit di coltivazione pronto per l’uso, già dotato di un substrato completamente inoculato per garantire la fruttificazione. Basta aggiungere acqua, eliminare quella in eccesso, posizionare il kit in un sacchetto, spruzzare una o due volte al giorno e cercare di mantenere una temperatura costante di 23°C.

Dopo aver raccolto i funghi allucinogeni, dovrete calcolare la dose più adatta alle vostre esigenze. A prescindere che vogliate prendere una microdose, una dose piccola, una dose normale o una dose alta, potete utilizzare il calcolatore di Zamnesia per determinare il miglior dosaggio (in grammi) di funghi allucinogeni, in base al vostro peso corporeo e se li state assumendo freschi o secchi.

Calcolatore di dosi per funghi magiciCalcola

Che Cosa Sono i Tartufi Allucinogeni?

Che Cosa Sono i Tartufi Allucinogeni?

I tartufi allucinogeni sono molto simili ai funghi in quanto masse di micelio compattate. Tuttavia, i tartufi sono di natura sotterranea, ovvero crescono e rimangono sottoterra. Un tartufo allucinogeno, o sclerozio, è ancora classificato come corpo fruttifero, ma adotta un metodo di dispersione delle spore diverso. Mentre i funghi diffondono le loro spore attraverso le lamelle, successivamente trasportate da vento o animali, i tartufi si affidano agli animali che si nutrono di funghi per essere portati alla luce e avere la possibilità di diffondere le loro spore.

I tartufi allucinogeni contengono ancora psilocibina (il composto psicoattivo) e sono disponibili in un’ampia gamma di potenze. Potete preparare i tartufi allo stesso modo dei funghi, spesso essiccati e trasformati in polvere.

Qual È la Differenza tra Funghi e Tartufi Allucinogeni?

I tartufi e i funghi allucinogeni sono raccolti dallo stesso organismo e producono gli stessi effetti. Tuttavia, per capire meglio la differenza tra tartufi e funghi, dobbiamo sapere come crescono entrambi.

I funghi sono miceti, nel senso che nascono da spore, che si sviluppano di solito nel terreno o su materiale vegetale in decomposizione, come i vecchi tronchi. Il cuore di un fungo è il micelio, la parte vegetativa costituita da fibre sottili e filiformi note come ife. Quando le condizioni sono giuste, un fungo fiorirà come un fiore. Questi corpi fruttiferi sono i funghi che raccogliamo.

I tartufi, invece, sono lo sclerozio di un fungo, ovvero una massa compatta di micelio indurito che giace dormiente nel sottosuolo e funge da riserva alimentare in caso di condizioni sfavorevoli per i funghi.

Come Faccio ad Assicurarmi di Avere dei Funghi Psilocibinici?

Funghi Psilocibinici

Il modo migliore per assicurarsi di avere davvero dei funghi psilocibinici è acquistare un kit di coltivazione da un’azienda rispettabile come Zamnesia. In questo modo, avrete la certezza che ciò che vi verrà consegnato a casa sarà esattamente quello che stavate cercando: dei potenti funghi allucinogeni. Tuttavia, se siete interessati ad andare per funghi vicino a casa vostra, nella speranza di trovare quelli psichedelici, vi consigliamo di consultare una guida con le varie specie di fungo.

Siccome molte varietà di funghi sono tossiche per l’uomo, dovrete essere sicuri al 100% di scegliere e consumare solo le specie giuste. Le differenze tra un fungo velenoso ed uno psilocibinico possono essere minime, quindi dovrete osservarli con molta attenzione. Sebbene consigliamo vivamente di lasciare questo compito solo agli esperti, esistono 3 metodi di controllo che potete adottare per identificare i funghi allucinogeni:

  • I funghi mostrano macchie simili a lividi (con caratteristiche sfumature bluastre)
  • I funghi rilasciano un’impronta sporale bruno-violacea
  • I funghi sono ricoperti da una pellicina gelatinosa che si rimuove facilmente

Che Significato Hanno i Lividi Bluastri sui Funghi Allucinogeni?

Quando il gambo di un fungo allucinogeno subisce un danno, appare quasi subito una sfumatura bluastra. La causa scientifica di questi lividi non è del tutto chiara, ma si ritiene che la colorazione blu indichi la presenza di psilocibina (che reagisce così dopo l'esposizione ad aria ed acqua). Tuttavia, dobbiamo fare alcune precisazioni. Sebbene la presenza di psilocibina sembri un requisito necessario per l’azzurramento, questo fenomeno cromatico non è garanzia della potenza o della concentrazione di psilocibina di un fungo.

Quali Sono le Diverse Specie di Fungo Psilocibinico?

Diverse Specie di Fungo Psilocibinico

Con oltre 200 specie di funghi psichedelici, avremmo bisogno di molto tempo per descriverli tutti. Probabilmente, avrete già sentito parlare di varietà come Psilocybe semilanceata e Amanita muscaria (che non contiene psilocibina), ma ci sono molte altre scelte popolari, tra cui:

  • B+: B+ è una varietà di fungo molto diffusa ed apprezzata per la potenza e le dimensioni dei suoi corpi fruttiferi. Con alcuni kit di coltivazione è possibile raccogliere questa varietà in appena due settimane. Perfetta per i principianti interessati ad ottenere funghi potenti senza alcuna esperienza alle spalle.

  • Ecuador: Originaria della regione andina dell’Ecuador, questa varietà è amata per la sua resistenza, il che la rende un’altra scelta popolare tra i nuovi coltivatori. Sebbene Ecuador non produca raccolti enormi, la sua crescita è prevedibile e facile da gestire.

  • Hawaiian: Psilocybe cubensis Hawaiian è una varietà di fungo nota per la produzione di abbondanti getti di corpi fruttiferi di grandi dimensioni. Contrariamente alle credenze popolari, questa varietà non è originaria delle Hawaii (non si hanno notizie di funghi allucinogeni che crescano spontaneamente alle Hawaii). Tuttavia, la prima azienda a vendere questa varietà potrebbe essere sorta ad Honolulu.

  • Golden Teacher: Golden Teacher è una classica varietà di fungo magico che ha debuttato per la prima volta negli anni ’80. Produce funghi di grandi dimensioni di color dorato, molto apprezzati dagli psiconauti per la loro capacità di provocare viaggi incredibilmente profondi.

  • Mexican: Probabilmente la varietà di fungo allucinogeno più popolare, i consumatori adorano la “carne degli dei” per i suoi effetti moderati e le vivaci allucinazioni psichedeliche che offre. Molto prima di diventare un pilastro della cultura dei funghi, il Mexican era il principale catalizzatore negli antichi rituali sciamanici.

  • McKennaii: Prendendo il nome dal venerato microbiologo Terence McKenna, questa particolare specie innesca un forte effetto psichedelico. Conosciuto per catapultare gli psiconauti in regni ultraterreni, consigliamo il McKennaii solo agli “escursionisti” più esperti.

L’Amanita muscaria È un Fungo Psilocibinico?

L’iconico fungo Amanita muscaria a macchie rosse e bianche, noto anche come ovolo malefico o agarico muscario, viene spesso usato per rappresentare i funghi allucinogeni, soprattutto nelle pubblicità. Anche se questo vivace fungo ha la capacità di provocare viaggi psichedelici, il responsabile degli effetti non è la psilocibina, ma il composto chiamato muscimolo. Una volta che l’Amanita muscaria è completamente essiccata, la sua assunzione provoca un potente, ma pur sempre imprevedibile, effetto psichedelico.

Chimica Psichedelica dei Funghi Allucinogeni

Psilocibina, psilocina, baeocistina e norbaeocistina sono tutte sostanze allucinogene appartenenti alla famiglia delle triptamine. Questi composti sono presenti in diversi tipi di funghi, ma sono contenuti soprattutto in quelli del genere Psilocybe, una specie diffusa in tutto il mondo.

Nel corpo umano, la psilocibina si converte in psilocina, che si lega ai recettori della serotonina a causa della sua somiglianza con la struttura chimica della serotonina (5-idrossitriptamina). Fu l’inventore dell’LST, il dott. Albert Hofmann, ad estrarre ed isolare per la prima volta le triptamine enteogeniche dai funghi Psilocybe mexicana e Psilocybe cubensis nel 1955, chiamate in seguito psilocibina e psilocina.

Psilocibina & Psilocina

Psilocibina & Psilocina

La psilocibina viene metabolizzata in psilocina tramite la rimozione di un gruppo fosfato. La psilocina è un potente enteogeno che induce un effetto simile a quello dell’LSD o a dosi relativamente basse di N, N-dimetiltriptamina (DMT).

Baeocistina & Norbaeocistina

Baeocistina & Norbaeocistina

La baeocistina e la norbaeocistina sono sostanze allucinogene più leggere, ma appartengono comunque alla classe delle triptamine. Secondo le informazioni oggi disponibili, la baeocistina e la norbaeocistina si trovano solo nei funghi e la loro presenza è strettamente connessa con il complesso psilocibina/psilocina.

Coltivare i Funghi Allucinogeni

L'autoproduzione di funghi magici è un modo efficace e diretto per ottenere un flusso costante di psilocibina. E, soprattutto, i funghi magici possono essere coltivati indoor e outdoor senza troppi sforzi. A condizione di tenere sotto controllo l’umidità e la temperatura, potrete raccogliere numerosi getti con cui divertirvi.

Coltivare Funghi Allucinogeni Indoor vs Outdoor

Coltivare Funghi Allucinogeni Indoor vs Outdoor

Sia i ritagli di terra per l'outdoor (chiamati “patch”) che i kit di coltivazione indoor possono dare risultati eccellenti. Finché manterrete ottimali tutte le condizioni ambientali, non c’è motivo per cui non dovreste ottenere un gran numero di getti ed una grande quantità di funghi ricchi di psilocibina. Per quanto riguarda l’impostazione da scegliere, dipende dalle preferenze personali.

Per i funghi magici coltivati all’aperto, avrete bisogno di un luogo adatto alla loro crescita, che riceva molta luce solare indiretta e sia circondato da erba o arbusti. Dovrete anche assicurarvi che la “patch” non sia troppo lontana da casa vostra, poiché dovrete controllarla regolarmente durante il periodo di fruttificazione. Anche la zona non dev’essere troppo asciutta, poiché i funghi prediligono gli ambienti umidi. Se soddisfare tutti questi requisiti vi sembra troppo impegnativo, allora dovreste prendere in considerazione la coltivazione indoor.

Quest'ultima non comporta particolari difficoltà, soprattutto quando si usano impronte sporali o kit di coltivazione pre-colonizzati. Tuttavia, proprio come la coltivazione outdoor, ci sono alcuni requisiti da soddisfare per assicurarsi un raccolto di successo.

La temperatura deve rimanere costante (tra 18 e 28°C circa), così come l’esposizione alla luce e l’umidità (UR tra 95 e 100%). Il rischio più significativo per i coltivatori indoor è la contaminazione. Quindi, ovunque decidiate di conservare i vostri funghi allucinogeni, meno li toccherete e meglio sarà, almeno finché non saranno pronti per il raccolto.

Di Quanta Luce Hanno Bisogno i Funghi Allucinogeni per Crescere Correttamente?

I funghi magici hanno bisogno di molta luce solare indiretta per crescere correttamente, ma, sebbene possa sembrare un’idea allettante esporli ad una grande quantità di luce, questo parametro non è così importante come lo è per le piante. Come minimo, puntate ad almeno 3 o 4 ore di luce, nonostante 12 ore di luce diurna e 12 di buio siano l’opzione più semplice (a prescindere che sia emessa da fonti naturali o artificiali). Se vi affidate alla luce naturale del sole, assicuratevi di ruotare il kit di coltivazione in modo che tutti i lati ricevano una quantità di luce adeguata per uniformare la crescita dei getti.

Durante la fase di “pinning” (quando iniziano a formarsi nodi di agglomerazione nel micelio), vi consigliamo una luce a bassa intensità (5500–6500K), mentre la fruttificazione richiede un’intensità di luce maggiore (6000–7000K). Usando le suddette istruzioni come guida di riferimento, potrete modificare la quantità di luce in base alla posizione del kit di coltivazione, allo spettro di luce e all’intensità della luce complessiva, fino a trovare la configurazione ottimale.

Qual È l’Umidità Relativa Ottimale per i Funghi Allucinogeni?

l’Umidità Relativa Ottimale per i Funghi Allucinogeni

I requisiti di umidità sono molto più precisi. Quando si coltivano dei funghi allucinogeni, bisogna raggiungere i più alti tassi d’umidità possibili (95–100%). Nell’indoor, spruzzare le parti interne del sacchetto una volta al giorno basterà per tenere sotto controllo l’umidità. I funghi non hanno bisogno di un apporto costante di aria fresca, quindi non preoccupatevi troppo del flusso d’aria o di ricreare una leggera brezza.

I coltivatori outdoor dovranno invece assicurarsi che l’area intorno al fungo rimanga umida. Se si verifica un periodo di siccità, bagnate la zona la mattina presto e la sera tardi per mantenere ottimali le condizioni di crescita.

Quanto È Importante il Ricambio d’Aria Fresca (RAF) nelle Colture di Funghi Allucinogeni?

Sebbene i funghi non abbiano bisogno di un apporto costante di aria fresca, richiedono comunque un ricambio occasionale di aria.

I funghi allucinogeni producono CO₂, che con il tempo rallenta la crescita se di tanto in tanto non viene sostituita o “scambiata” con aria fresca.

Fortunatamente, i funghi non soffrirano mai di un eccesso di aria fresca, ma un maggiore flusso d'aria potrebbe rimuovere troppa umidità dall’ambiente, riducendone il tasso. Anche in questo caso, per raggiungere il giusto equilibrio tra aria fresca ed umidità relativa, dovrete fare le opportune modifiche al vostro impianto di coltivazione fino ad ottimizzare tutti i parametri. Ricordatevi solo che un accumulo di CO₂ può rallentare la crescita dei funghi, ma una bassa umidità interromperà del tutto la vostra coltivazione.

I ricambi di aria fresca sono utili anche quando il substrato è troppo umido, poiché alcuni coltivatori preferiscono posizionare un ventilatore sopra il loro kit di coltivazione per rimuovere l’umidità in eccesso. Fate solo attenzione agli agenti contaminanti e alla direzione dell’aria fresca.

Una volta che i funghi magici entrano in fase di fruttificazione, è possibile aumentare il ricambio d’aria fresca, poiché il requisito di un’elevata umidità superficiale diminuisce leggermente. Ma, in genere, fintanto che aprirete ogni due o tre giorni il sacchetto e nebulizzerete i funghi, lo scambio di anidride carbonica con aria fresca sarà più che sufficiente per un raccolto di successo.

Outdoor, non dovrete preoccuparvi di dare sufficiente aria fresca ai vostri funghi. Se notate che l'appezzamento inizia a seccarsi e l’irrigazione non aiuta, valutate la possibilità di montare una struttura ombreggiante per limitare l’esposizione.

Come si Assumono i Funghi Allucinogeni?

Come si Assumono i Funghi Allucinogeni?

Una volta raccolti, potrete finalmente consumare i vostri funghi e dedicarvi ad un viaggio spirituale attraverso il cosmo. Una volta raccolto il primo getto di funghi, le quantità da assumere saranno minime.

I funghi magici vengono solitamente consumati interi, per assumere tutti gli ingredienti principali in essi contenuti (psilocibina e psilocina, responsabili degli effetti psichedelici). Poiché il vostro corpo impiega fino ad un’ora per digerire completamente i funghi allucinogeni, gli effetti non si faranno sentire subito. Accade fin troppo spesso che le persone si lascino trasportare dall’entusiasmo e continuino a consumarne, pensando che non stiano facendo nulla.

Potete mangiarli freschi o lasciarli essiccare prima di assumerli. I consumatori descrivono il loro sapore come terroso, con un retrogusto metallico. Capita spesso di provare un po’ di nausea quando l’organismo cerca di metabolizzare gli elementi dei funghi allucinogeni più difficili da digerire (chitina).

La quantità di funghi magici che dovreste mangiare dipende dalle preferenze, dall’esperienza precedente e dalla potenza della varietà. Tenete presente, però, che più ne mangerete e più a lungo durerà il viaggio. Se non volete passare fino a dodici ore sotto il loro effetto, dovrete pianificare la vostra dose di conseguenza.

Se non sapete da dove iniziare con il dosaggio dei funghi allucinogeni, Zamnesia ha un pratico strumento online che vi darà alcune raccomandazioni in base al vostro peso corporeo. Basta inserire i dati nei campi pertinenti e il calcolatore vi fornirà la dose in grammi di fungo magico: micro, normale ed alta.

Fatti Chiave!
Come dosare i funghi allucinogeni?

Inizia sempre con un dosaggio minimo ed aumenta gradualmente la quantità. Utilizza il nostro calcolatore di dosi per funghetti magici per determinare la tua dose iniziale ideale.

È Meglio Consumare dei Funghi Allucinogeni Secchi o Freschi?

Funghi Allucinogeni Secchi o Freschi

Se siete preoccupati perché non sapete se sia meglio assumerli freschi o secchi, non preoccupatevi, entrambi contengono psilocibina. La più grande differenza tra i due si riduce al volume totale. Una dose di funghi allucinogeni freschi è sicuramente maggiore a causa del peso dell’acqua. Potrebbero non sembrare così cattivi, ma i funghi magici non sono gli psichedelici più gustosi da mangiare ed alcune persone potrebbero fare molta fatica a masticarli.

I funghi magici secchi sono più piccoli, il che significa che dovrete mangiarne quantità inferiori. Anche masticarli meno può aiutare a sentire meno la nausea. In definitiva, dipende dalle vostre preferenze personali e dalla vostra disponibilità ad aspettare che secchino.

Fatti Chiave!
Come assumere i funghi allucinogeni?

Esistono molti modi diversi per consumare i funghi allucinogeni! Puoi masticarli, inserirli all'interno di capsule o usarli per preparare un tè o degli edibili.

Come Microdosare i Funghi Psilocibinici?

Microdosare i Funghi Psilocibinici

Il microdosaggio è diventato molto popolare perché consente di sperimentare i benefici dei funghi magici a livelli minimi, senza arrivare ad avvertire gli effetti psichedelici. Microdosaggio significa assumere una dose molto bassa di funghi, quanto basta per influenzare la percezione, ma non abbastanza da compromettere le funzionalità di una persona.

Le opzioni per il microdosaggio includono mangiare piccole quantità, aggiungere funghi allucinogeni macinati nelle capsule o preparare del tè ai funghi magici. Qualsiasi fungo psilocibinico è adatto per il microdosaggio, ma la chiave è mantenere la dose su livelli incredibilmente bassi, tra 0,2 e 0,5g. Se non siete sicuri della quantità da consumare, provate il calcolatore per avere un consiglio sul microdosaggio.

Fatti Chiave!
I funghi allucinogeni possono essere usati per il microdosaggio?

Sì! I funghi allucinogeni sono molto popolari tra chi utilizza la tecnica del microdosaggio, perché sono sicuri e naturali. 

Quali Sono gli Effetti dei Funghi Psilocibinici?

Effetti dei Funghi Psilocibinici

I funghi psilocibinici producono diversi effetti strani e meravigliosi, a cui spesso ci riferiamo come “viaggio” o “trip”. In questi viaggi psichedelici potreste sperimentare allucinazioni sia visive che uditive, distorsione del tempo, euforia e avventure extracorporee. In media, questi effetti durano da 4 a 12 ore (a seconda della dose).

Tra gli effetti fisiologici più comuni, troviamo:

  • Sonnolenza
  • Pupille dilatate
  • Alterazioni sensoriali/sensazioni di formicolio
  • Odori immaginari

Gli effetti psicologici più comuni includono:

  • Euforia
  • Immagini e colori più nitidi e vivaci
  • Allucinazioni
  • Unità ed interconnessione
  • Consapevolezza

A seconda della varietà e della dose, l’intensità di questi effetti possono cambiare, ma tutti i funghi psilocibinici inducono alterazioni simili nella percezione della realtà. I consumatori riferiscono anche di aver comunicato con entità ultraterrene e di aver abbattuto il proprio ego dopo aver assunto dosi particolarmente alte o varietà molto potenti.

Fatti Chiave!
Quali effetti generano i funghi allucinogeni?

Il consumo di funghi allucinogeni può generare euforia, alterazione dello stato mentale, alterazione della percezione temporale ed allucinazioni. Tali effetti durano dalle 4 alle 6 ore.

Come Prepararsi per un Viaggio Psichedelico Sicuro

Indipendentemente dalla vostra esperienza con i funghi allucinogeni, la preparazione è fondamentale per assicurarsi un viaggio piacevole e divertente. Il livello di preparazione dipenderà da quanto vi sentite a vostro agio con i funghi psilocibinici, ma le basi includono:

  • Calcolare la dose corretta
  • Avere un trip-sitter che vegli su di voi
  • Rendere più sicura l’area (rimuovendo oggetti pericolosi o distrazioni)
  • Consumare in un ambiente controllato
  • Evitare altre sostanze (non mescolare con alcol o altre droghe)

Postumi dei Funghi Allucinogeni

Postumi dei Funghi Allucinogeni

Quando il viaggio è finito e avrete avuto il tempo di smaltire tutti gli effetti, cos’altro potete aspettarvi dai funghi magici? Fortunatamente, i postumi non sono troppo pesanti e i fattori da tenere in considerazione sono pochi.

Quanto Tempo Rimangono nell’Organismo i Funghi Allucinogeni?

Per la maggior parte delle persone, la psilocina viene eliminata dall'organismo in appena cinque ore. Di solito, i funghi magici vengono completamente smaltiti dal corpo entro 24 ore.

Come Influisce la Tolleranza Verso la Psilocibina?

Una qualità unica dei funghi allucinogeni è la velocità con cui il nostro corpo crea una tolleranza nei loro confronti. Se avete già provato ad assumere una dose di funghi magici per più giorni consecutivi, probabilmente avrete notato che gli effetti sono quasi impercettibili. Dopo essere stati consumati, il nostro corpo rilascia sostanze chimiche che inibiscono la capacità dei recettori della serotonina di interagire con la psilocibina. Dopo il primo viaggio psichedelico, dovrete attendere diversi giorni prima di riprovare gli effetti con la stessa intensità. Questa particolare interazione aiuta anche a prevenire qualsiasi dipendenza fisica.

La Psilocibina Può Essere Rilevata in un Test Antidroga?

Fortunatamente, non ci sono molti test capaci di rilevare tracce di sostanze psichedeliche ma, anche se doveste trovarne uno, i funghi allucinogeni sarebbero comunque molto difficili da rilevare. La psilocibina viene metabolizzata troppo velocemente per i test del sangue e della saliva, rendendo i campioni di urina e capelli l’opzione più probabile.

Fattori come età, massa corporea, livello di attività e funzioni renali influenzano anche i tempi di permanenza della psilocibina nell’organismo e, quindi, la sua rilevabilità. Nella maggior parte degli scenari, bastano poche ore perché la psilocibina lasci il nostro corpo.

I Funghi Allucinogeni Possono Creare Dipendenza?

Un vantaggio cruciale dei funghi allucinogeni è che non creano dipendenza fisiologica. Quando sono consumati, il corpo lavora per ridurre l’impatto della psilocibina, bloccandone gli effetti con dosi ripetute. Le sostanze che creano dipendenza agiscono in modo opposto, modificando il corpo a livello biologico e lasciandolo incapace di funzionare senza un dosaggio regolare. Infatti, il nostro corpo ha un meccanismo integrato che gli impedisce di diventare chimicamente dipendente dalla psilocibina.

Tuttavia, possiamo sviluppare una dipendenza psicologica dai funghi magici, proprio come accade con qualsiasi attività fisica, cibo o bevanda. Il nostro corpo non dipenderà chimicamente dalla psilocibina, ma potreste sentire il desiderio di riprovarli per il modo in cui vi fanno sentire. Come ogni cosa nella vita, la moderazione, la preparazione ed un approccio responsabile al consumo sono fondamentali.

Fatti Chiave!
I funghi allucinogeni sono sicuri?

Tra tutte le sostanze psicotrope ricreative in circolazione, i funghi allucinogeni sono considerati i più sicuri per via del loro minimo rischio di dipendenza e del basso livello di tossicità.

I Funghi Allucinogeni Sono Legali?

Lo status giuridico dei funghi psilocibinici varia in tutto il mondo, il che significa che i nostri kit di coltivazione non possono essere spediti in tutti i Paesi. Tuttavia, Zamnesia cerca sempre di effettuare le spedizioni nella maggior parte dei Paesi dell’UE. Inoltre, la coltivazione di funghi psilocibinici è legale in alcune parti del mondo. Per ulteriori informazioni sulle leggi del vostro Paese, vi consigliamo vivamente di consultare le autorità locali.

Zamnesia non incoraggia nessuno a coltivare funghi magici o ad essere coinvolto in altre attività illecite e punibili nel proprio Paese.

Come Conservare i Funghi Allucinogeni

Come Conservare i Funghi Allucinogeni

Di solito, i funghi freschi devono essere consumati entro due giorni. Tuttavia, i tartufi magici freschi di Zamnesia possono essere conservati in frigorifero nella loro confezione sigillata per un massimo di due mesi.

I funghi freschi possono essere essiccati e conservati in buste sottovuoto per periodi di tempo più lunghi.

Funghi Allucinogeni: Domande e Risposte

🍄 Cosa sono i funghi allucinogeni?
I funghi allucinogeni (o funghi magici) producono forti effetti psichedelici quando ingeriti. Il principale composto responsabile di questi effetti è chiamato psilocibina (che si trasforma in psilocina, la sostanza psicoattiva).
✨ Quali sono gli effetti dei funghi allucinogeni?
I potenti effetti psicoattivi che possono essere sperimentati quando si assumono funghi magici sono l'euforia, processi di pensiero alterati, allucinazioni, sinestesia e percezione alterata del tempo. La durata di un viaggio con i funghi allucinogeni è in media di circa 4–6 ore.
⚠ I funghi allucinogeni sono sicuri?
I funghetti sono considerati i più sicuri fra tutte le sostanze ricreative. Questo grazie alla loro bassa tossicità e al rischio di dipendenza molto basso.
🍴 Come si consumano i funghi allucinogeni?
I modi più comuni per consumare funghi allucinogeni sono:
  • Mangiare funghi allucinogeni
  • Tè ai funghi allucinogeni
  • Capsule di funghi allucinogeni secchi
  • Edibili con funghi allucinogeni
⚖ Come dosare i funghi magici?
Una parte fondamentale del trip è iniziare con una dose da bassa a media, soprattutto se è la prima volta. Se vuoi essere sicuro al 100% della tua dose, è meglio usare uno strumento per calcolare la quantità perfetta.
💊 I funghi allucinogeni possono essere usati per il microdosaggio?
I funghi allucinogeni sono una delle sostanze più usate per il microdosaggio (microdosing). Sono sicuri, naturali e tendono a produrre effetti piacevoli e produttivi.