SeedshopSeedshop

Prendi i migliori semi di cannabis autofiorenti, semi di cannabis femminizzati, semi di cannabis regolari e semi di cannabis CBD delle migliori e più rinomate seedbank qui nel Seedshop Zamnesia. Acquistate semi di cannabis su Zamnesia. Noi di Zamnesia siamo orgogliosi di poter offrire uno dei più vasti assortimenti di semi di cannabis di alta qualità.

IL NOSTRO CATALOGO DI SEMI DALLE MAGGIORI BANCHE DI SEMI DI CANNABIS

Semi di Cannabis da tutte le maggiori banche dei semi di cannabis di tutto il mondo. In questo momento possediamo più di 3000 tipi diversi di semi di cannabis, provenienti da tutto il mondo, tra questi ci sono i migliori semi di cannabis, attualmente sul mercato, per indoor o per outdoor, semi regulari o femminizzati e anche semi auto fiorenti. Zamnesia tiene particolarmente cura alla qualità, come noi crediamo nella potenza, libertà e legittimazione di questa nostra amata pianta, noi offriamo ai nostri clienti solamente il meglio del meglio. Trattiamo tutti i nostri prodotti con cura e rispetto, per darti la possibilità di ricevere i tuoi semi di cannabis nelle migliori condizioni possibili, perchè siamo consapevoli che la miglior cosa per un'ottima coltivazione è la buona genetica dei semi. Nel nostro store online sarai sicuro di trovare la miglior pianta per i tuoi scopi, perchè abbiamo una delle più grandi selezioni di Sativa, Indica, Ibridi e anche di auto fiorenti di semi di cannabis. Per acquistare i vostri semi di cannabis su Zamnesia non dovete far altro che scegliere quelli più adatti alle vostre esigenze, tra le oltre 3000 varietà disponibili.

Leggi di più...
Leggi meno

Sotto-categorie


Seedshop - Clicca qui per ulteriori informazioni

Informazioni Sui Semi Di Cannabis

Informazioni Sui Semi Di Cannabis

Ci siamo passati tutti: muovere i primi passi nel mondo della coltivazione domestica può spaventare all'inizio. Tuttavia, non dev'essere necessariamente così. Prendersi del tempo per imparare la differenza tra i tipi di semi di cannabis, come vengono coltivati e quali sono i più adatti ai principianti vi sarà sicuramente di enorme aiuto. Questo è il motivo che ci ha spinto a mettere insieme questa breve guida che risponderà a tutte le vostre domande sui semi di cannabis ed altro ancora.

I Diversi Tipi di Semi di Cannabis

I Diversi Tipi Di Semi Di Cannabis

“Femminizzati”, “autofiorenti” e “regolari” sono termini che vedrete spesso quando consulterete le diverse seedbank alla ricerca della vostra varietà perfetta. Ma qual è il loro vero significato? In cosa si differenziano l'uno dall'altro? Ecco una breve panoramica dei diversi tipi di semi di cannabis e come sono gli uni rispetto agli altri.

Semi di Cannabis Femminizzati

Probabilmente i più diffusi sul mercato, i semi di cannabis femminizzati sono geneticamente modificati per produrre solo piante femminili. Ciò consente di avere rese più abbondanti ed una maggiore affidabilità, che altrimenti verrebbero compromesse dall’impollinazione delle piante maschio.

Quali Sono i Vantaggi del Coltivare i Semi di Cannabis Femminizzati?

Uno dei principali vantaggi della coltivazione di semi femminizzati è la possibilità di utilizzare al meglio lo spazio di coltivazione. Siccome i semi femminizzati garantiscono di produrre solo piante femmina, potete applicare le tecniche di training per massimizzare la produzione di ogni pianta. I semi femminizzati sono spesso i più richiesti sia dai principianti che dagli esperti a causa dell’enorme varietà di genetiche disponibili. Sia che stiate cercando una varietà a predominanza indica, a predominanza sativa o ad alto contenuto di CBD, troverete sicuramente numerose opzioni femminizzate che si adatteranno alle vostre esigenze.

Articolo correlato

Cosa Sono I Semi Di Cannabis Femminizzati?

Come Vengono Prodotti i Semi di Cannabis Femminizzati?

Fino agli anni ’90, i coltivatori avevano le stesse probabilità di coltivare piante maschio e piante femmina, poiché i semi regolari erano l'unica opzione possibile. Tuttavia, la disperazione genera innovazione e con gli anni vennero ideati nuovi metodi per garantire solo piante femmina nelle colture.

Stressando le piante in condizioni controllate, cambiando il loro ciclo di luce o applicando spray con argento colloidale, si ottiene l’autoimpollinazione senza la presenza di piante maschili. Questo stress non danneggia la pianta, ma produce invece semi femminizzati che aumentano notevolmente le possibilità di coltivare esclusivamente piante femmina.

I Semi di Cannabis Femminizzati si Possono Clonare?

I Semi di Cannabis Femminizzati si Possono Clonare?

Le piante di cannabis femminizzate possono essere perfettamente clonate. Di fatto, si tratta di un ottimo metodo per massimizzare i raccolti. Basta semplicemente tagliare un ramo con un angolo di 45 gradi e metterlo in un vaso separato. Questa talea crescerà da sola diventando una pianta adulta, mentre la pianta originale continuerà a svilupparsi per conto suo.

Dai Semi Femminizzati si Possono Sviluppare Piante Ermafrodite?

Sebbene i semi femminizzati vengano coltivati per produrre esclusivamente piante di sesso femminile, alcune piante potrebbero mostrare caratteristiche sia maschili che femminili. In questi casi, potrebbero svilupparsi sia infiorescenze che sacche polliniche, con il rischio di compromettere la qualità complessiva del raccolto. Le caratteristiche ermafrodite si verificano spesso quando la pianta è stressata a causa di importanti fluttuazioni del ciclo di luce, della temperatura o dell’umidità.

I Semi di Cannabis Femminizzati e i Semi Fotoperiodici Sono la Stessa Cosa?

I Semi Di Cannabis Femminizzati E I Semi Fotoperiodici Sono La Stessa Cosa?

Sebbene questi termini siano spesso usati in modo intercambiabile, esiste un’importante distinzione tra i termini “femminizzato” e “fotoperiodico”. Nonostante il termine “semi femminizzati” venga usato normalmente per descrivere la cannabis che fiorisce in base ad una variazione nel suo ciclo di luce, tecnicamente sarebbe più corretto usare “semi fotoperiodici” per indicare questo tipo di piante. Infatti, femminizzati si riferisce semplicemente a dei semi da cui si sviluppano piante esclusivamente femminili, il che significa che potete coltivare piante femminizzate sia autofiorenti che fotoperiodiche (anche chiamate foto-femminizzate).

Semi di Cannabis Autofiorenti

I semi di cannabis autofiorenti vengono ibridati per fiorire automaticamente dopo un certo periodo di tempo, limitando la fase di crescita vegetativa. Questo rende i semi autofiorenti estremamente popolari tra gli appassionati della coltivazione domestica, indipendentemente dall’esperienza che possono avere alle spalle. Detto questo, le autofiorenti sono particolarmente indicate per i principianti.

Perché Coltivare Piante Autofiorenti Femminizzate?

Perché Coltivare Piante Autofiorenti Femminizzate?

Le piante autofiorenti non solo sono generalmente molto facili da seguire e da mantenere, ma hanno anche un ciclo di vita più veloce. Molte varietà appartenenti a questa famiglia raggiungono la data del raccolto dopo circa 70 giorni dalla germinazione. Le piante autofiorenti sono generalmente di piccola statura, il che le rende perfette per coloro che cercano di coltivare in casa con discrezione. Le varietà autofiorenti tendono anche ad essere molto resistenti ai parassiti, alle muffe e alle condizioni non ottimali.

Come Vengono Prodotti i Semi di Cannabis Autofiorenti?

I semi autofiorenti sono creati incrociando una varietà sativa o indica con la genetica di una Cannabis ruderalis. Ciò consente alla varietà principale (indica o sativa) di assumere i tratti più robusti e resistenti della ruderalis, oltre al suo ciclo di vita accelerato. Ciò si ottiene raccogliendo il polline da una pianta maschio ruderalis ed impollinando una femmina indica o sativa, consentendo a quest'ultima di produrre semi autofiorenti.

Quali Sono le Genetiche di Cannabis Autofiorenti Più Veloci?

Come le convenzionali piante indica e sativa, i tempi di crescita delle varietà autofiorenti variano da esemplare ad esemplare. Tuttavia, la stragrande maggioranza trascorre solo 2–4 settimane in fase vegetativa, per poi passare altre 5–8 settimane in fase di fioritura.

Articolo correlato

Top 10 Delle Varietà Di Cannabis Più Veloci

Semi di Cannabis Regolari

Semi di Cannabis Regolari

Come suggerisce il nome, i semi di cannabis regolari crescono secondo i ritmi dettati dalla natura, con una probabilità del 50/50 di produrre piante maschio o femmina. Possono essere leggermente più difficili da coltivare e, infatti, non ci sono “scorciatoie” con i semi regolari. Le piante di questa famiglia hanno bisogno di essere trapiantate e fioriscono solo quando il ciclo di luce lo consente, a differenza delle autofiorenti.

Perché Coltivare i Semi di Cannabis Regolari?

A questo punto, data la relativa facilità di coltivare le genetiche femminizzate ed autofiorenti, potreste pensare che non c’è alcun motivo di complicarsi la vita con dei semi regolari. Ma non è affatto così. Infatti, chi è interessato alla clonazione spesso preferisce i semi regolari rispetto agli altri tipi, poiché tendono ad essere più omogenei ed affidabili. Sebbene sarete voi i diretti responsabili di identificare il sesso delle vostre piante, se volete fare qualche esperimento di ibridazione l'unica alternativa sono i semi regolari.

La Genetica della Cannabis

La Genetica della Cannabis

Che optiate per un seme autofiorente, femminizzato o regolare, ogni tipo conterrà un determinato rapporto di genetiche. Queste genetiche si suddividono nelle suddette sottospecie o principali varietà: indica, sativa e ruderalis. Una di queste può dominare la miscela genetica o il rapporto può avere una suddivisione di geni più o meno uniforme. La genetica determinerà la crescita della pianta e andrà ad influenzare anche il profilo terpenico (aromi e sapori) e gli effetti della varietà.

Semi di Cannabis Indica

Le piante indica tendono ad essere piccole e robuste, assumendo una struttura cespugliosa man mano che crescono. In quanto tali, le varietà a predominanza indica sono generalmente più adatte per la coltivazione indoor, soprattutto negli spazi ristretti. Un grande vantaggio è che le indica hanno normalmente un breve periodo di fioritura di circa 8 settimane. Oltre a diventare fitte, dense e frondose, le varietà indica sprigionano di solito un pungente aroma terroso e provocano effetti rilassanti e lenitivi.

Articolo correlato

Differenze Tra Sativa, Indica, Ruderalis & Ibridi

Semi di Cannabis Sativa

Le piante sativa, per loro natura, diventano molto alte, superando talvolta anche i 3 metri. Con un periodo di fioritura più lungo rispetto alle indica, richiedono dalle 9 alle 14 settimane per completare la fioritura. Le piante sativa sono slanciate, con ampi spazi tra i nodi (dove si sviluppano le cime). Queste caratteristiche rendono i semi di cannabis sativa ideali per la coltivazione outdoor in ambienti caldi. Per quanto riguarda i sapori e gli effetti, le sativa sono più comunemente associate ai sapori speziati e citrici e agli effetti energizzanti e cerebrali.

Semi di Cannabis Ruderalis

Originariamente scoperta in Russia e nelle regioni circostanti, la Cannabis ruderalis è una pianta di natura robusta e resistente, rinomata per resistere alle condizioni ambientali più avverse. Diventando più piccola della Cannabis indica, la ruderalis raggiunge un’altezza massima di circa 1,5m. Piccola e più simile ad un cespuglio rispetto alle altre varietà, la ruderalis contiene basse concentrazioni di THC ed è perfetta per essere ibridata con altre varietà per creare genetiche autofiorenti.

Cosa Sono i Semi di Cannabis ad Alto Contenuto di CBD?

Cosa Sono i Semi di Cannabis ad Alto Contenuto di CBD?

Mentre il THC è il cannabinoide che innesca le sensazioni associate allo sballo della marijuana, il secondo composto più comune nella cannabis è il CBD, privo di effetti psicotropi. I semi di cannabis ad alto contenuto di CBD offrono la stessa esperienza di coltivazione dei semi ricchi in THC, offrendo anche ottimi sapori ed aromi quando le piante vengono raccolte. Sebbene possano essere fumate e vaporizzate, alcune persone preferiscono coltivare le piante ad alto contenuto di CBD per produrre oli, balsami ed edibili per sfruttare i potenziali benefici del cannabidiolo.

Quali Sono i Migliori Semi di Cannabis per Principianti?

Molti principianti preferiscono i semi autofiorenti per la loro prima coltivazione poiché sono fondamentalmente infallibili e non richiedono alcun trattamento speciale, a parte la normale manutenzione. Chi cerca invece di mettersi in gioco con qualcosa di un po’ più complicato, potrebbe optare per i semi indica femminizzati, da cui si sviluppano piante che possono essere manipolate con tecniche di training per ottimizzare forme, dimensioni e produzione. Che siate coltivatori indoor o outdoor, ci sono semi ed impianti di coltivazione per tutti i gusti.

Articolo correlato

Le 10 Varietà Di Cannabis Più Facili Da Coltivare Per I Principianti

Una valida opzione dalle alte prestazioni è la Blue Monster Automatic. Facile e gratificante da coltivare, la sua genetica ruderalis garantisce una crescita vigorosa ed è pronta per essere raccolta in poche settimane. Altre varietà per principianti includono la Sticky Beast Automatic e la Purple Punch femminizzata. Nessuna di queste varietà diventa eccessivamente grande ed entrambe possono essere coltivate con estrema facilità.

Come si Coltivano i Semi di Cannabis?

Come si Coltivano i Semi di Cannabis?

Esistono varie tecniche e metodi per coltivare una pianta di cannabis. Indoor o outdoor, terra o idroponica: ci sono molti fattori da considerare quando si vuole intraprendere un progetto di coltivazione domestica. I vostri limiti e le vostre preferenze determineranno il modo in cui coltiverete i vostri semi, ma ci sono molti altri elementi da considerare. Fortunatamente, da Zamnesia potete trovare molte informazioni che vi guideranno nella giusta direzione se non siete sicuri di come procedere.

Coltivare Cannabis Partendo da Seme o da Clone

Questo è un argomento molto dibattuto tra i coltivatori di cannabis esperti. Sebbene sia possibile coltivare partendo da seme in modo relativamente semplice, molti preferiscono i cloni perché sono piante in uno stadio di sviluppo già avanzato e, di conseguenza, hanno un ciclo potenzialmente più breve. I semi corrono il rischio di non germogliare, mentre i cloni non hanno questo problema. Tuttavia, i cloni potrebbero non radicare. Inoltre, i semi sono sempre disponibili su internet, mentre i cloni sono un po' più difficili da conseguire, a meno che non conosciate qualcuno disposto a passarvi qualche talea. La scelta di coltivare partendo da seme o da cloni dipende interamente dalle preferenze e dalle risorse disponibili.

La Germinazione dei Semi di Cannabis

La Germinazione dei Semi di Cannabis

Potreste essere tentati di piantare i vostri semi direttamente in terra non appena li riceverete e sperare nel meglio. Tuttavia, per aumentare le vostre probabilità di germinare i semi con successo, dovreste considerare alcuni metodi alternativi.

Come Germinare i Semi di Cannabis

Il successo della germinazione richiede tre elementi chiave: umidità, calore ed aria. Questa combinazione consentirà ai vostri semi di iniziare il loro percorso di crescita nel migliore dei modi. Potete scegliere tra varie opzioni di germinazione, dal metodo del “bicchiere d’acqua” al metodo del “tovagliolo di carta inumidito”, ma i kit di germinazioni sono indubbiamente la migliore opzione per far germinare correttamente i vostri semi. Questi kit forniscono un ambiente attentamente controllato in cui i vostri semi possono aprirsi ed iniziare a svilupparsi fino a diventare delle giovani piantine sane e forti.

Articolo correlato

Come Far Germinare I Semi Di Cannabis

Quanto Tempo ci Vuole per Far Germinare i Semi di Cannabis?

La germinazione richiede solitamente tra le 24 e le 48 ore per andare a buon fine (al massimo 72 ore). Capirete che i semi iniziano ad aprirsi quando noterete una piccola coda (chiamata fittone) emergere dalla loro “corazza”. Ciò indica che i vostri semi sono pronti per essere piantati.

Il Miglior Substrato per la Germinazione

Il Miglior Substrato Per La Germinazione Di Semi Di Cannabis

Sebbene i kit per la germinazione siano uno dei metodi più comunemente usati per far germinare i semi di cannabis, non sono sicuramente l’unica opzione. Alcuni preferiscono far germinare i semi direttamente nel terreno per evitare il trapianto. È sufficiente fare dei piccoli fori nel terreno, inserire i semi e coprirli con un leggero strato di terra umida, creando un ambiente simile a quello dei kit. Potete anche usare altri substrati di germinazione, come i cubetti di lana di roccia, i jiffy di torba ed altri cubetti appositamente studiati per la radicazione. Il miglior substrato per la germinazione dipenderà ancora una volta dalle vostre preferenze e dal vostro stile di coltivazione.

Bisogna Aggiungere delle Sostanze Nutritive Durante la Germinazione?

Data l’importanza delle prime fasi di crescita per la pianta di cannabis, l’uso di fertilizzanti non è raccomandato durante la germinazione o i primi stadi di sviluppo delle plantule. Sebbene le piantine riceveranno naturalmente nutrienti dal terreno e dall’acqua fornita, un apporto supplementare di sostanze nutritive potrebbe essere potenzialmente dannoso per la loro crescita. Se volete usare dei concimi, aspettate 2 o 3 settimane dopo la germinazione, quando le piante avranno sviluppato già una certa dimensione ed un discreto fogliame.

La Migliore Temperatura per Germinare i Semi di Cannabis

La Migliore Temperatura Per Germinare I Semi Di Cannabis

Per ottenere i migliori risultati, i semi dovrebbero essere germinati a temperature comprese tra 22 e 25°C. Le temperature superiori o inferiori potrebbero compromettere la buona riuscita della germinazione.

Il Miglior Tasso di Umidità per Far Germinare i Semi di Cannabis

Un livello di umidità relativa compreso tra 70 e 90% fornirà la quantità perfetta di umidità nell’aria per la germinazione dei semi. Se l’umidità sarà inferiore i semi non si apriranno.

I Semi di Cannabis Dovrebbero Ricevere Luce Durante la Germinazione?

I semi di cannabis non richiedono luce quando stanno germinando. Dovrete accendere la luce di coltivazione solo quando appariranno le prime radici e le giovani piantine verranno spostate nella loro prima casa. Fino a quel momento, è meglio tenerli lontani dalla luce.

Come Conservare e Preservare la Vitalità dei Semi di Cannabis

Anche se potreste essere impazienti di piantare tutti i vostri semi, in alcuni casi sarete costretti a metterli da parte prima di trovare l'occasione giusta per usarli. L’ideale è conservarli in un luogo fresco e buio, ma ci sono anche altri posti dove potete conservare a breve e a lungo termine i vostri semi.

Conservazione a Breve Termine dei Semi di Cannabis

Conservazione a Breve Termine dei Semi di Cannabis

Conservare i semi di cannabis per tempi relativamente brevi è un compito abbastanza semplice. Basta tenerli chiusi in un contenitore all’interno di un armadio per mantenerli freschi per qualche settimana. L’importante è fare attenzione alle temperature, che dovrebbero rimanere sempre costanti per non compromettere la vitalità dei semi.

Conservare e Preservare la Vitalità dei Semi di Cannabis a Lungo Termine

Per periodi più lunghi, i semi di cannabis possono essere conservati in frigorifero in un contenitore sigillato. Se volete conservare una quantità considerevole di semi, potreste usare un secondo frigorifero, perché aprendolo e chiudendolo costantemente per prendere cose da mangiare farete fluttuare le temperature interne. Se non avete a vostra disposizione un frigorifero, potete sempre mettere i semi nel congelatore, dove si manterranno vitali fino a 5 anni.

Quali Sono i Migliori Livelli di Temperatura ed Umidità per Conservare i Semi di Cannabis?

Quali Sono I Migliori Livelli Di Temperatura Ed Umidità Per Conservare I Semi Di Cannabis?

Come detto in precedenza, conservare i semi in un armadio fresco, un frigorifero o un congelatore è il modo migliore per mantenerli freschi. Cercate sempre di evitare le temperature superiori ai 10°C. L’umidità è tutta un’altra questione. Se sarà troppo bassa i semi rischieranno di essere attaccati da parassiti ed insetti; se sarà troppo alta germoglieranno da soli o si deterioreranno. Come regola generale, i semi dovrebbero essere conservati in un ambiente con un 20–30% di umidità relativa.

Quali Sono le Diverse Marche di Semi di Cannabis?

Se state cercando i migliori semi di cannabis, dovreste sempre rivolgervi alle seedbank più rispettabili. Marchi come Zamnesia Seeds, Royal Queen Seeds, Sensi Seeds, Dutch Passion e Barney’s Farm sono solo alcune delle migliori seedbank produttrici di semi di alta qualità. Che vogliate coltivare semi autofiorenti, femminizzati o regolari, queste seedbank avranno sicuramente qualcosa che fa al caso vostro!

Semi di Cannabis: Domande & Risposte

🌱 Come si germinano i semi di cannabis?
Esistono svariati metodi differenti per la germinazione. Ti consigliamo di germinare i semi di cannabis direttamente nel tuo substrato. Per rendere quest’operazione ancora più semplice, puoi utilizzare un kit di germinazione. Questi kit sono dotati di tutto il necessario per avviare i tuoi semi nel miglior modo possibile.
📦 Come si conservano i semi di cannabis?
I semi di cannabis andrebbero conservati in un luogo fresco, buio ed asciutto. L'opzione migliore è quella di conservare i semi di cannabis in contenitori di vetro poiché sono ermetici e resistenti al calore. Assicurati di coprire i tuoi semi per proteggerli dalla luce. L'aggiunta di un essiccante (come i pacchetti di gel di silice) può aiutare a mantenere livelli di umidità ideali per i tuoi semi. Se conservati correttamente, i semi di cannabis dureranno per diversi anni. A seconda delle condizioni, possono durare anche fino a 5 anni.
❓ Come si germinano i semi di cannabis?
Se coltivi la cannabis indoor, puoi germinare i semi di cannabis in qualsiasi momento dell'anno. Outdoor, per la maggior parte delle regioni situate nell'emisfero settentrionale, dovresti mirare a germinare i tuoi semi a fine aprile, in questo modo le piante verranno accolte dal clima caldo di maggio. Raccomandiamo di germinare i semi al chiuso. Dopo circa tre settimane, le tue piante saranno abbastanza resistenti da poter continuare a crescere all’aperto.
🕒 Quanto tempo impiegano i semi di cannabis per germinare?
Il tempo di germinazione dipende dai fattori ambientali, dai semi di cannabis e dal metodo di germinazione scelto. Generalmente, i semi di cannabis germinano tra 1 e 5 giorni. Dopo, entreranno nella fase semenzale.
🌿 Qual è la differenza tra semi di cannabis regolari, femminizzati e autofiorenti?
In breve, le differenze sono:
  • I semi regolari producono piante fotoperiodiche sia maschili che femminili
  • I semi femminizzati producono solo piante fotoperiodiche femminili
  • I semi autofiorenti producono piante femminili non fotoperiodiche